• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

cosa significa CAD parametrico?

opua

Utente Standard
Professione: disegnatore
Software: pro-e
Regione: toscana
#1
Ciao a tutti, domanda semplice sicuramente per voi ma, CAD parametrico che significa esattamente? Spesso si sente dire anche sparametrizzare, sostanzialmente cosa significa?
Garzie mille in anticipo
 

myface

Utente Senior
Professione: Progettista-designer free lance
Software: Inventor 2013,maxwell render 2.7.2
Regione: veneto
#2
Ciao opua , cad parametrico significa in buona sostanza cad dove ogni operazione ( che può essere dal semplice sviluppo di un solido , alla generazione dei vincoli in un assieme , o magari le variabili con le quali gestisci una animazione ) si esprime attraverso parametri appunto , cioè numeri o formule , che rendono il lavoro completamente gestibile , modificabile , attraverso la modifica dei parametri stessi.

Detta così sembra una figata pazzesca , è in realtà lo è , solo che bisogna imparare a ragionare in conseguenza , evitando per banale esempio di incazzarsi se dopo aver ridotto le dimensioni di una piastra il sistema segnala magari un errore... non ci stanno più i fori con le dimensioni di prima ( perchè magari avevi dato dimensioni assolute e non relative alla piastra.)

Spero di essermi spiegato e di non essere stato troppo riduttivo...:)
 

Strumpf

Utente Standard
Professione: progettazione meccanica, industrial design, reverser engineering...
Software: SolidWorks, Rhino, NX
Regione: Veneto, Schio - (VI)
#3
Ciao Myface :)
continuo...
sparametrizzare - perdere tutta la storia tutti i parametri
se lavori in Inventor come MyFace, o usi un CAD serio come me :D i parametri sono validi solo in CAD nel quale sono creati, quando i file vengono esportati in formati neutro IGES, STEP, Parasolid etc il CAD esporta solamente la forma finale (le facce) quindi tutti i numeri, formule, equazioni etc vengono persi (sparametrizzati).
Forse mi sbaglio ma penso che alcuni cad permetono di sparametrizzare anche al interno di CAD nattivo.
Questo e solo un esempio ma possono esserci altri. cmq. in genere e una brutta cosa se capita non per volonta.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#4
quello che ti ha detto chi mi ha preceduto e' vero, cioe' avere un cad parametrico significa poter usare relazioni fra le varie grandezze, esempio:
l'interasse fra due fori sara 3/4 della lughezza di quello spigolo, cosi' se cambi la lunghezza dello spigolo automaticamente varia l'interasse in una maniera coerente. Questo si puo' fare per tutte le varie grandezze presenti nel modello.

In realta' oggi il termine si e' volgarizzato, e per parametrici si intendono quei cad in cui le varie dimensioni vengono definite con delle quote. Per esempio dire che uno spigolo deve essere lungo 65 mm non ha niente di parametrico, pero' da tastiera lo puoi modificare editando da tastiera il valore da 65 a 75 nella quota che indica la lunghezza del detto spigolo.
Questa distinzione viene fatta per distinguere i parametrici dai cosiddetti contestuali, i quali lavorano con paradigmi simili a quelli dei bidimensionali. Se per esempio devi allungare lo spigolo da 65 a 75 mm, non andrai ad editare nessuna quota ma farai uno "stira" di 10mm.
I due sistemi hanno vantaggi e svantaggi, dipende molto dall'abitudine del progettista e dai lavori che si fanno.
Io per esempio non lavorerei mai con un contestuale (preferisico di gran lunga il "parametrico" o meglio detto "Dimension driven") ma puoi trovare facilmente chi predilige l'opposto.
 

falonef

Moderatore CATIA V5
Staff Forum
Professione: PLM Support Expert (Consumer Goods)
Software: CATIA V5 / PARTsolutions / QA-Report / Q-Checker / Type3toCatia / Agile-PLM / Windows 10
Regione: Svizzera
#5
quello che ti ha detto chi mi ha preceduto e' vero, cioe' avere un cad parametrico significa poter usare relazioni fra le varie grandezze, esempio:
l'interasse fra due fori sara 3/4 della lughezza di quello spigolo, cosi' se cambi la lunghezza dello spigolo automaticamente varia l'interasse in una maniera coerente. Questo si puo' fare per tutte le varie grandezze presenti nel modello.

In realta' oggi il termine si e' volgarizzato, e per parametrici si intendono quei cad in cui le varie dimensioni vengono definite con delle quote. Per esempio dire che uno spigolo deve essere lungo 65 mm non ha niente di parametrico, pero' da tastiera lo puoi modificare editando da tastiera il valore da 65 a 75 nella quota che indica la lunghezza del detto spigolo.
Questa distinzione viene fatta per distinguere i parametrici dai cosiddetti contestuali, i quali lavorano con paradigmi simili a quelli dei bidimensionali. Se per esempio devi allungare lo spigolo da 65 a 75 mm, non andrai ad editare nessuna quota ma farai uno "stira" di 10mm.
I due sistemi hanno vantaggi e svantaggi, dipende molto dall'abitudine del progettista e dai lavori che si fanno.
Io per esempio non lavorerei mai con un contestuale (preferisico di gran lunga il "parametrico" o meglio detto "Dimension driven") ma puoi trovare facilmente chi predilige l'opposto.

Stupenda descrizione del parametrico e del contestuale!!!
 

opua

Utente Standard
Professione: disegnatore
Software: pro-e
Regione: toscana
#6
Grazie mille a tutti voi, dunque per riassumere, parametrico sostanzialmente significa che io posso modificare un'entità geometrica che sia una lunghezza o un raggio soltanto entrando dentro la quota cambiandone il valore, mentre sparametrizzare potrebbe essere quando per esempio un file prt (esempio un solido realizzato con Pro-E) viene convertito in iges o step, mantenendo così esternamente la sua geometria però non può essere modificato operando sulle dimensioni (e quindi entrando all'interno delle varie feature) in quanto congelato in un'unica geometria.
Ho detto bene o no?
Arigrazie
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#7
Grazie mille a tutti voi, dunque per riassumere, parametrico sostanzialmente significa che io posso modificare un'entità geometrica che sia una lunghezza o un raggio soltanto entrando dentro la quota cambiandone il valore, mentre sparametrizzare potrebbe essere quando per esempio un file prt (esempio un solido realizzato con Pro-E) viene convertito in iges o step, mantenendo così esternamente la sua geometria però non può essere modificato operando sulle dimensioni (e quindi entrando all'interno delle varie feature) in quanto congelato in un'unica geometria.
Ho detto bene o no?
Arigrazie

Non tanto.... Sparametrizzare significa "rompere" volutamente le relazioni che avevi imposto in precedenza, per esempio quell'interasse di cui sopra sara' una quota semplice e non piu' legata ad essere i 3/4 della lunghezza di quell'altro spigolo (per ritoranre all'esempio di cui sopra). Lo puoi fare a scelta solo su alcune di queste.
La perdita delle parametrizzazioni che hai quando passi attraverso un formato neutro (step-iges) e' invece una maledetta conseguenza indesiderata di queste operazioni di trasformazione.
Se un venditore ti ha detto che potevi sparametrizzare il modello al 99% intendeva che oltre che governarlo con le quote come i "parametrici" normali, puoi anche modificarlo con lo "stira" come i contestuali (vale sempre la regola che di tutto cio' che dice il venditore l'unica cosa da prendere in considerazione e' l'offerta economica, il resto sono solo chiacchere senza alcun fondamento).
Questa pare essere la tendenza dei cad moderni, cioe' il conglobare le due modalita' di lavoro.
 

MoldKiller

Guest
#8
Aggiungo qualcosa anch'io!

In un cad parametrico puoi avere ad esempio due piastre
Queste piastre sono poste in un assieme e legate tra di loro da dei vincoli
Puoi anche fare in modo che una delle due piastre abbia le dimensioni vincolate all'altra, in modo che che allungando la prima l'altra si modifica di conseguenza
E se la prima ha es. dei fori lamati per delle viti, nella seconda puoi creare i corrispondenti fori filettati, in modo che siano legati ai primi, cosicché se vai a spostare uno dei fori della prima piastra, quelli della seconda li seguono
E se nella serie di fori hai inserito delle viti, queste di conseguenza si riposizionano

Questa techica che si chiama "modellazione top-down" è molto potente, ma implica delle regole e una gerarchia molto rigide da rispettare, altrimenti ci si ritrova con un assieme moolto pesante de gestire

Ciao
 

Strumpf

Utente Standard
Professione: progettazione meccanica, industrial design, reverser engineering...
Software: SolidWorks, Rhino, NX
Regione: Veneto, Schio - (VI)
#9
....
e tutto questo automaticamente aggiorna tutti gli assiemi dove la parte era inclusa e tutte le messe in tavola...
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#11
....
e tutto questo automaticamente aggiorna tutti gli assiemi dove la parte era inclusa e tutte le messe in tavola...
Questo lo fanno anche i contestuali, come OneSpace designer.

Ciao ciao.
 

MoldKiller

Guest
#13
A proposito!
Ho visto che OneSpace designer è disponibile nella versione "Personal Edition" gratuita.
Per chi volesse conoscerlo è una buona occasione!
Mi dispiace solo che per ora non ho tempo.

Ciao
 
Ultima modifica: