Consiglio CAD per Ufficio Tecnico

luca2750

Utente Junior
Professione: Libero professionista
Software: Autocad
Regione: Lombardia
#41
Vi allego un esempio di quanto facciamo.
Considerate, oltre a quanto in figura, qualche metro di tubo in più (con possibili innesti e/o diramazioni di altre tubazioni) e la parte interna del silenziatore.
 

Allegati

Tequila

Utente Senior
Professione: teorico del paleocontatto
Software: Solid Edge ST7, scarabocchi su carta
Regione: Veneto (PD)
#42
E che dire di quelli che "no ma sai la papero-cad te la sconsiglio perche' sono messi male finaziariamente, non so se vi conviene, magari in futuro non sarete piu' supportati..." In passato mi e' capitata anche gente cosi', non c'e' limite all'indecenza.... :frown:
capitato anche a noi... ci disse lasciateli perdere che vendono solo fumo...(no droga :biggrin:)
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#43
capitato anche a noi... ci disse lasciateli perdere che vendono solo fumo...(no droga :biggrin:)
Come quel venditore di SWX che mi disse di non prendere Pro/E perchè era talmente complesso che l'avrei dimenticato ogni volta che fossi andato in ferie ? (seriamente lo disse ... non ridendo). :biggrin:
E da allora non ho fatto più ferie per paura di dimenticarlo:hahahah:
 

MarcoBi

Utente Standard
Professione: flangia e curva, flangia e curva...
Software: Cadmatic, PDS, Autocad...
Regione: Lombardia
#44
Vi allego un esempio di quanto facciamo.
Considerate, oltre a quanto in figura, qualche metro di tubo in più (con possibili innesti e/o diramazioni di altre tubazioni) e la parte interna del silenziatore.
Mi sembra un modello piuttosto semplice e fattibile con Autocad.
L'eventuale applicativo (Cadworx) se volete estrarre distinte materiale e sketch per la parte tubazione.
 

RS4

Utente Standard
Professione: Progettista CAD/CAM
Software: CATIA V5, DELMIA, CATIA V4, PRO/E, Enovia LCA, Team Center, Vericut, Renishaw OMV/PowerINSPECT
Regione: puglia
#45
Vi allego un esempio di quanto facciamo.
Considerate, oltre a quanto in figura, qualche metro di tubo in più (con possibili innesti e/o diramazioni di altre tubazioni) e la parte interna del silenziatore.
Questo lo fai con tutti i cad 3d figurati con Pro/e :wink:
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#46
Se lo schema delle tubazioni è così semplice non hai bisogno neanche di moduli aggiuntivi, basta la licenza base (che probabilmente costa meno di Autocad con tutti gli ammennicoli).
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#47
Vi allego un esempio di quanto facciamo.
Considerate, oltre a quanto in figura, qualche metro di tubo in più (con possibili innesti e/o diramazioni di altre tubazioni) e la parte interna del silenziatore.
Beh un parametrico come Pro/E qui può fare veramente la differenza, forse effettivamente senza nemmeno prendere pacchetto piping.
capitato anche a noi... ci disse lasciateli perdere che vendono solo fumo...(no droga :biggrin:)
Beh in alcuni casi può anche capitare, vedi thinkdesign...:wink:
 

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#48
Vi allego un esempio di quanto facciamo.
Considerate, oltre a quanto in figura, qualche metro di tubo in più (con possibili innesti e/o diramazioni di altre tubazioni) e la parte interna del silenziatore.
Come pensavo, non è "piping" ma modellazione "normale". ProE va benissimo (anche in verisone base), come andrebbe bene qualsiasi altro CAD 3d dal livello "mid range" in su.

Una domanda (occhio che siamo partner di SpaceClaim quindi sono parte in causa): ma se proprio il parametrico è difficile da digerire, perchè non pensare a un CAD "direct modeling" (cioè senza il concetto di feature)? Il flusso di lavoro è molto più vicino a quello di AutoCAD pur essendo un 3D associativo a tutti gli effetti.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#49
Beh un parametrico come Pro/E qui può fare veramente la differenza, forse effettivamente senza nemmeno prendere pacchetto piping.
Da considerare anche la "scalabilità" di un software come Pro/E, nel caso che in futuro le esigenze aziendali dovessero diventare piu' alte.
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#50
Come pensavo, non è "piping" ma modellazione "normale". ProE va benissimo (anche in verisone base), come andrebbe bene qualsiasi altro CAD 3d dal livello "mid range" in su.

Una domanda (occhio che siamo partner di SpaceClaim quindi sono parte in causa): ma se proprio il parametrico è difficile da digerire, perchè non pensare a un CAD "direct modeling" (cioè senza il concetto di feature)? Il flusso di lavoro è molto più vicino a quello di AutoCAD pur essendo un 3D associativo a tutti gli effetti.
Senza nulla togliere a Spaceclaim, con il lancio di Creo anche questa "problematica" non esisterà più. :)
Potranno scegliere se lavorare in parametrico o in esplicito.
Da considerare anche la "scalabilità" di un software come Pro/E, nel caso che in futuro le esigenze aziendali dovessero diventare piu' alte.
Questa è la ciliegina sulla torta.:finger:
 

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#51
Senza nulla togliere a Spaceclaim, con il lancio di Creo anche questa "problematica" non esisterà più. :)
Potranno scegliere se lavorare in parametrico o in esplicito.

Questa è la ciliegina sulla torta.:finger:
:) Aspetto Creo con molta curiosità in effetti.

Resto convinto del fatto che "feature based" ed "esplicito" siano due rappresentazioni distinte e non realmente integrabili, per cui ProE+CoCreate e ProE+SpaceClaim possono essere soluzioni alternative. SC rispetto a CoCreate ha punti di forza e punti di debolezza, aspetto di vedere cosa sarà CreoDirect (si chiamerà cosi?) prima di preoccuparmi :)

Per ora la migliore integrazione (per quanto possibile) tra "feature based" e "direct modeling" l'ho vista in IronCAD (precursore sia della ST di Siemens che del futuro Creo), ma cedo che sarebbe OT dilungarmi su questo.
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#52
:) Aspetto Creo con molta curiosità in effetti.

Resto convinto del fatto che "feature based" ed "esplicito" siano due rappresentazioni distinte e non realmente integrabili, per cui ProE+CoCreate e ProE+SpaceClaim possono essere soluzioni alternative. SC rispetto a CoCreate ha punti di forza e punti di debolezza, aspetto di vedere cosa sarà CreoDirect (si chiamerà cosi?) prima di preoccuparmi :)

Per ora la migliore integrazione (per quanto possibile) tra "feature based" e "direct modeling" l'ho vista in IronCAD (precursore sia della ST di Siemens che del futuro Creo), ma cedo che sarebbe OT dilungarmi su questo.
Sono molto curioso anche io, tralasciando il discorso dell'integrazione che vorrò tastare con mano prima di sbilanciarmi, parlavo solamente della facoltà di scelta che avrà l'utente, se lavorare in un modo o nell'altro, con un unico riferimento di Sofware house ed un unica estensione dei files.
Quindi se l'azienda in questione opterà per questa soluzione, potrà semplicemente scegliere il modo in cui ritiene corretto lavorare a dipendenza di cosa deve realizzare.

Si chiamerà CREO non esisterà più ne Creo Elements/Pro ne Creo Elements/direct,questi sono solo nomi dati temporaneamente per facilitare i clienti nel capire cosa avevano prima con la connessione al passato (Pro per Pro/E e direct per Co-Create), con la connessione al futuro , appunto Creo 1.0.

Ma non andiamo troppo O.T. :wink:
 

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#53
Sono molto curioso anche io, tralasciando il discorso dell'integrazione che vorrò tastare con mano prima di sbilanciarmi, parlavo solamente della facoltà di scelta che avrà l'utente, se lavorare in un modo o nell'altro, con un unico riferimento di Sofware house ed un unica estensione dei files.
Quindi se l'azienda in questione opterà per questa soluzione, potrà semplicemente scegliere il modo in cui ritiene corretto lavorare a dipendenza di cosa deve realizzare.

Si chiamerà CREO non esisterà più ne Creo Elements/Pro ne Creo Elements/direct,questi sono solo nomi dati temporaneamente per facilitare i clienti nel capire cosa avevano prima con la connessione al passato (Pro per Pro/E e direct per Co-Create), con la connessione al futuro , appunto Creo 1.0.

Ma non andiamo troppo O.T. :wink:
Ultimo OT: quando esce Creo? Sarà possibile avere delle trial temporaneee (es. 30gg)?
 

RS4

Utente Standard
Professione: Progettista CAD/CAM
Software: CATIA V5, DELMIA, CATIA V4, PRO/E, Enovia LCA, Team Center, Vericut, Renishaw OMV/PowerINSPECT
Regione: puglia
#54
Sono molto curioso anche io, tralasciando il discorso dell'integrazione che vorrò tastare con mano prima di sbilanciarmi, parlavo solamente della facoltà di scelta che avrà l'utente, se lavorare in un modo o nell'altro, con un unico riferimento di Sofware house ed un unica estensione dei files.
Quindi se l'azienda in questione opterà per questa soluzione, potrà semplicemente scegliere il modo in cui ritiene corretto lavorare a dipendenza di cosa deve realizzare.

Si chiamerà CREO non esisterà più ne Creo Elements/Pro ne Creo Elements/direct,questi sono solo nomi dati temporaneamente per facilitare i clienti nel capire cosa avevano prima con la connessione al passato (Pro per Pro/E e direct per Co-Create), con la connessione al futuro , appunto Creo 1.0.

Ma non andiamo troppo O.T. :wink:
Ciao Ozzy

Anche se adesso uso Catia V5 sono rimasto affezionato a Pro\e:biggrin: l'ho utilizzato fino alla WF2 è stato il CAD che mi ha lanciato nel mondo del 3D

sono curioso di vedere come si è sviluppato in CREO e dove si è spinto con le sue già note potenzialità


Scusate l'O.T. ma il BVP l'ho merita


Ciao

RS4
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#55
Ultimo OT: quando esce Creo? Sarà possibile avere delle trial temporaneee (es. 30gg)?
Il Roadmap dice estate 2011, quindi tutto è buono tra il 21/06 fino al 22/09.:smile:
La WF5 era uscita il 16 settembre, vediamo quanto ce la faranno penare.:smile:
Per le trial, credo di sì per i potenziali prospect almeno è sicuro.

Ciao Ozzy

Anche se adesso uso Catia V5 sono rimasto affezionato a Pro\e:biggrin: l'ho utilizzato fino alla WF2 è stato il CAD che mi ha lanciato nel mondo del 3D

sono curioso di vedere come si è sviluppato in CREO e dove si è spinto con le sue già note potenzialità


Ciao

RS4
Ciao RS4, come si dice in questi casi: il primo amore non si scorda mai no? :)

be almeno per tua fortuna non sei finito a lavorare su un prodotto di tutto rispetto, pensa se dovevi fare il salto indietro?:biggrin:

Vi terrò sicuramente aggiornati.
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#56
Sono molto curioso anche io, tralasciando il discorso dell'integrazione che vorrò tastare con mano prima di sbilanciarmi, parlavo solamente della facoltà di scelta che avrà l'utente, se lavorare in un modo o nell'altro, con un unico riferimento di Sofware house ed un unica estensione dei files.
Quindi se l'azienda in questione opterà per questa soluzione, potrà semplicemente scegliere il modo in cui ritiene corretto lavorare a dipendenza di cosa deve realizzare.

Si chiamerà CREO non esisterà più ne Creo Elements/Pro ne Creo Elements/direct,questi sono solo nomi dati temporaneamente per facilitare i clienti nel capire cosa avevano prima con la connessione al passato (Pro per Pro/E e direct per Co-Create), con la connessione al futuro , appunto Creo 1.0.

Ma non andiamo troppo O.T. :wink:
Vorresti dire che se rientro in subscription mi ritrovo con un cad esplicito in casa? Ho capito bene?
 

RS4

Utente Standard
Professione: Progettista CAD/CAM
Software: CATIA V5, DELMIA, CATIA V4, PRO/E, Enovia LCA, Team Center, Vericut, Renishaw OMV/PowerINSPECT
Regione: puglia
#58
Il Roadmap dice estate 2011, quindi tutto è buono tra il 21/06 fino al 22/09.:smile:
La WF5 era uscita il 16 settembre, vediamo quanto ce la faranno penare.:smile:
Per le trial, credo di sì per i potenziali prospect almeno è sicuro.


Ciao RS4, come si dice in questi casi: il primo amore non si scorda mai no? :)

be almeno per tua fortuna non sei finito a lavorare su un prodotto di tutto rispetto, pensa se dovevi fare il salto indietro?:biggrin:

Vi terrò sicuramente aggiornati.

sono finito volevi dire:finger:
 

Gabriele SWX

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Solidworks 2017, Creo 3.0 M60
Regione: Toscana, Firenze
#60
Un modello di scarico come quello che è stato postato credo sia semplicissimo da realizzare con qualsiasi cad 3d.
Ho utilizzazto autocad per il 3d per alcuni anni e da qualche anno utilizzo SWX.
Ancora mi chiedo come facevo a "modellare" con autocad, era un vero inferno.
Per farti un esempio: se devi cambiare il diametro di una flangia con i "veri" cad 3d basta editare una quota, con Autocad la devi eliminare e rifare, oppure smanettare con le booleane per tagliare le geometrie in eccesso o per aggiungere quelle che mancano.
Nei "veri" cad 3d le messe in tavola seguono il modello, quindi cambiano anche le quote del disegno, Autocad questo non lo faceva, a volte ero costretto a rifare ex novo le messe in tavola a causa di banali cambiamenti di geometria del pezzo.
Io credo che il vostro miglior investimento sia approfondire la conoscenza di Pro-e, che già avete, è un cad potente e stabile.
Non vi arrendete di fronte alla senzazione di "ostico" che può darvi, dopo un pò di esperienza la padronanza del cad è garantita.
Con qualsiasi cad 3d che utilizzerete la prima cosa da fare sarà "dimenticarvi" completamente la modellazione in stile Autocad.
Quando in azienda decisero di acquistare un cad 3d l'unica cosa che mi impedì di prendere Pro-e fu il prezzo a quei tempi molto elevato.
Scegliemmo Solidworks, che costava molto meno a parità di applicativi, e posso dirti che sono pienamente soddisfatto della scelta (versione 2008 a parte).
Credo che sarei stato soddisfatto anche con Solid Edge, con inventor un pò meno (a quei tempi -anno 2004- era ancora molto perfettibile, mentre adesso mi sembra allo stesso livello degli altri midrange).
Tutto era sicuramente meglio di Autocad nell'ambito della modellazione tridimensionale.
Ciao.