Consiglio CAD per Ufficio Tecnico

luca2750

Utente Junior
Professione: Libero professionista
Software: Autocad
Regione: Lombardia
#1
Buongiorno.
Perdonate, il tema è trito e ritrito, ma proprio per questo non riesco ad arrivare ad una conclusione.

Ufficio tecnico di un'azienda metalmeccanica che produce sistemi di scarico per grossi motori: quindi un po' di piping, flange, carpenteria leggera in generale (con sviluppo lamiere) e qualche pezzo meccanico. Impieghiamo abitualmente Autocad LT (!!!) e vogliamo evolverci senza perdere il database. Abbiamo anche PRO-E ma non è "gradito" per la sua complessità. Personalmente conosco Inventor (lavoro precedente) e un'altro collega usa Solid Edge. Situazione variegata...ci serve un software adatto e possibilmente facile da usare.

Cosa potremmo impiegare secondo voi?

Grazie mille.


Luca


PS che voi sappiate è possibile rivendere la licenza di PRO-E?
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#2
Avete il miglior CAD per la meccanica e volete liberarvene solo per chiacchiere da corridoio.

In un corso di 5 giorni vi farei cambiare completamente idea.

Non so se è possibile rivendere la licenza, in ogni caso servirebbe il consenso di PTC, provate a contattare chi ve l'ha venduto.
Di quale versione si tratta ?
 

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#3
Avendo ProE in casa direi che non vale la pena di guardarsi intorno: ci sarebbero teoricamente delle alternative, ma non vale la pena di perderci tempo: con proE potete fare tutto quello che serve.

A mio parere il vostro problema non è che ProE sia "complesso", ma il fatto che non riuscite a cambiare la forma mentis dell'approccio 2D.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#4
Se avete tutto fatto con Autocad, il passo evolutivo al 3D è inventor. Se disponete già di qualsiasi altro modellatore 3D non ci sono problemi sostanziali. L'unica cosa occorre vedere la gestione dei codici e dello storico.
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#5
Se avete tutto fatto con Autocad, il passo evolutivo al 3D è inventor ....

Ciao meccanicamg, scusami ma non sono d'accordo.
Il 2D di autocad è leggibile correttamente da qualsiasi CAD parametrico (Pro/E incluso).
 

MarcoBi

Utente Standard
Professione: flangia e curva, flangia e curva...
Software: Cadmatic, PDS, Autocad...
Regione: Lombardia
#6
Se usate Autocad, vorrei rilanciare anch'io dicendo: ..con un corso di 3 :)biggrin:) giorni e Autocad (dalla 7 in avanti) vi spiego come modellare 3D ed ottenere tutto quello che volete.
Se poi volete investire in un applicativo piping, potete valutare Cadworx (ora distribuito da Intergraph, completo di modulo Isogen).
 

stef_design

Utente Senior
Professione: ingegnerizzatore prodotto-automotive (dream cars)
Software: SW 2009 - Pro/E WF4 - Catia V5 R20 - Matlab - Ansys - TC7 - VPM
Regione: Veneto - Austin (TX)
#7
Se usate Autocad, vorrei rilanciare anch'io dicendo: ..con un corso di 3 :)biggrin:) giorni e Autocad (dalla 7 in avanti) vi spiego come modellare 3D ed ottenere tutto quello che volete.
Si OK, ma AutoCAD è parametrico?
 

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#8
A me sembra che non sia stato inquadrato bene il problema... ho letto termini come "piping" (tubi trattati come monodimensionali per grandi impianti quando qui il tubo è l'oggetto principale della progettazione, casomai vedo un ampio uso di sweep, swept blend, superfici ecc) oppure usi "impropri" di software, es. autocad per il 3d meccanico, Inventor visto come "evoluzione di autocad" (si, nel senso di evuoluzione commerciale).

Avete in casa ProE e cercate un parametrico/associativo: usatelo!!! :)

Se il problema è la filosofia di modellaizone del 3D, diversa dal 2D, piuttosto buttatevi su un modellatore diretto (SpaceClaim, CoCreate, IronCAD), ma secondo me sarebbe solo posticipare un cambio di mentalità nell'approccio allo strumento CAD comunque necessario.

Per quello che riguarda il "riuso" dei DWG esistenti: tutti i CAD 3D seri (praticamente tutti quelli elencati) li leggono senza problemi (alcuni hanno anche dei wizard per la trasformazione del 2D in modello 3D ma c'è sempre da lavorarci sopra): chiaro che avreste parte dell'archivio in 2D e parte in 3D, ma è inevitabile.
 

Rennye

Utente poco attivo
Professione: progettista
Software: Solidworks: Inventor
Regione: Svizzera
#9
noi siamo obbligati ad utilizzare Inventor che non è male. Io personalmente preferisco dato il livello di complessità, SolidWorks.
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#10
Cosa mi tocca sentire...
Anzichè progredire si va indietro.:frown:

Per tua informazione la licenza di Pro/E come quella di tanti altri sw non si può rivendere, quindi ve la dovete tenere e fossi in voi cercherei di far fruttare l'investimento , anzichè sperperare soldi inutilmente in altri cad 3d che sicuramente non vi risolvono il problema di fondo.

Avere la fortuna di avere già in casa un sistema che vi risolva tutto ciò che chiedete non è da poco, forse più che un cad diverso serve come diceva Matteo un cambiamento di mentalità e soprattutto di approccio.
Qualche giornata e siete a posto.

é davvero un peccato leggere certe cose, mi fanno rabbrividire...:smile:
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#11
Se usate Autocad, vorrei rilanciare anch'io dicendo: ..con un corso di 3 :)biggrin:) giorni e Autocad (dalla 7 in avanti) vi spiego come modellare 3D ed ottenere tutto quello che volete.
Se poi volete investire in un applicativo piping, potete valutare Cadworx (ora distribuito da Intergraph, completo di modulo Isogen).
Ma dai non scherziamo...
Modellare in 3D in autocad? Con gli ucs le operazioni booleane... siamo alla preistoria.

Si OK, ma AutoCAD è parametrico?
Ovviamente no...
 

The_Matrix

Utente Senior
Professione: Industry Leader - Automotive & Machinery
Software: NX10/TC10/4GD
Regione: Mi piacerebbe lavorare in California... Invece sto in Piemonte. Pazienza...
#12
Ma dai non scherziamo...
Modellare in 3D in autocad? Con gli ucs le operazioni booleane... siamo alla preistoria.



Ovviamente no...
Poi un sistema di scarico, se lo vuoi modellare seriamente e velocemente non è una roba triviale...

Se hanno il BVP vadano avanti con quello e facciano uno sforzino per impararlo un pò.
 

RS4

Utente Standard
Professione: Progettista CAD/CAM
Software: CATIA V5, DELMIA, CATIA V4, PRO/E, Enovia LCA, Team Center, Vericut, Renishaw OMV/PowerINSPECT
Regione: puglia
#16
Avete il miglior CAD per la meccanica e volete liberarvene solo per chiacchiere da corridoio.

In un corso di 5 giorni vi farei cambiare completamente idea.

Non so se è possibile rivendere la licenza, in ogni caso servirebbe il consenso di PTC, provate a contattare chi ve l'ha venduto.
Di quale versione si tratta ?
Avendo ProE in casa direi che non vale la pena di guardarsi intorno: ci sarebbero teoricamente delle alternative, ma non vale la pena di perderci tempo: con proE potete fare tutto quello che serve.

A mio parere il vostro problema non è che ProE sia "complesso", ma il fatto che non riuscite a cambiare la forma mentis dell'approccio 2D.
Cosa mi tocca sentire...
Anzichè progredire si va indietro.:frown:

Per tua informazione la licenza di Pro/E come quella di tanti altri sw non si può rivendere, quindi ve la dovete tenere e fossi in voi cercherei di far fruttare l'investimento , anzichè sperperare soldi inutilmente in altri cad 3d che sicuramente non vi risolvono il problema di fondo.

Avere la fortuna di avere già in casa un sistema che vi risolva tutto ciò che chiedete non è da poco, forse più che un cad diverso serve come diceva Matteo un cambiamento di mentalità e soprattutto di approccio.
Qualche giornata e siete a posto.

é davvero un peccato leggere certe cose, mi fanno rabbrividire...:smile:
Poi un sistema di scarico, se lo vuoi modellare seriamente e velocemente non è una roba triviale...

Se hanno il BVP vadano avanti con quello e facciano uno sforzino per impararlo un pò.
Quoto tutti i colleghi :finger:

Avete veramente il miglior cad per la meccanica, :smile: e volete cambiarlo, con un po di applicazione e magari dei corsi sarete in grado di fare tutto quello che hai descritto vai tranquillo, certo all'inizio sarà dura ma vedrai che ti dara un sacco di soddisfazione il grande Pro/e o BVP.... come veniva chiamato anni fa in questo forum


Saluti

RS4
 

luca2750

Utente Junior
Professione: Libero professionista
Software: Autocad
Regione: Lombardia
#17
Grazie delle risposte.
Valuteremo con i miei colleghi altre domande da porvi.
Per esempio: quali cad "costruiscono" il piping da una linea isometrica?
Inventor sembra molto forte sulla parte delle librerie (viterie, flange ecc ecc): gli altri?
SolidEdge vs Inventor per quanto facciamo noi: quale meglio?
PRO-E vs SolidEdge/Inventor a livello semplicità uso: veramente più complicato?

per ora grazie.
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#18
Grazie delle risposte.
Valuteremo con i miei colleghi altre domande da porvi.
Per esempio: quali cad "costruiscono" il piping da una linea isometrica?
Inventor sembra molto forte sulla parte delle librerie (viterie, flange ecc ecc): gli altri?
SolidEdge vs Inventor per quanto facciamo noi: quale meglio?
PRO-E vs SolidEdge/Inventor a livello semplicità uso: veramente più complicato?

per ora grazie.
Premetto che non conosco il piping di SE o INV, ma conosco molto profondamente il piping di Pro/E e ti posso garantire che ha una potenza di fuoco non banale, certo come in tutti i pacchetti specializzati occorre un'attimo di settaggio se si vuole andare come un fulmine e la cosa diventa di una semplicità disarmante.
Il pacchetto piping & cabling di Pro/E ha due modalità completamente diverse:
Prima: guidata da specifica
Seconda : non guidata da specifica

Se usi la prima puoi far comandare il tuo schematico P&ID o altri tipi di schemi attraverso l'RSD che è il bidimensionale per gli schematici in Pro/E, se adotti questa modalità, lo schema comanda sulla tua progettazione in 3D, guidandoti nella stesura della linea e non permettendoti di usare altra componentistica che non sia nello schema e seguendo le tabelle di schedula dei tubi, quindi il particolarista in 3D deve fare solo lo sporco lavoro di "tirare le linee" nelle 3 direzioni e imputare solo il valore dimensionale di lunghezza, da quello puoi generare poi in automatico gli schematici in isogen.

Se usi la seconda invece, è libero ma appoggiandosi sempre alle librerie create appositamente con family table, quindi se stai stendendo per esempio una linea DN50 , Pro/e ti permette di inserire qualsiasi componentistica terminale (flange,gomiti,T,riduzioni,valvole) ma a patto che rispettino il DN della linea, quindi automaticamente ti filtra solo quelli che effettivamente puoi montare, diciamo che è semi guidata anche questa modalità.

Allo stesso modo con questo pacchetto puoi stendere anche i cablaggi elettrici, comunque ripeto e ribadisco, con questo modulo una volta settato, vai come un treno, se non è settato a dovere allora diventa complicato.

Spero di averti chiarito un pò le idee, in ogni caso ti consiglio vivamente di farti fare una demo custom su questa applicazione.

Saluti
 

MarcoBi

Utente Standard
Professione: flangia e curva, flangia e curva...
Software: Cadmatic, PDS, Autocad...
Regione: Lombardia
#19
Si OK, ma AutoCAD è parametrico?
Beh, nella discussione iniziale non era esplicito che volessero usare un CAD parametrico. Io non voglio assolutamente togliere niente a Pro-E (che ho utilizzato molto in passato) ma, se come credo, ne hanno fatto a meno sinora (LT non è certamente parametrico) possono andare avanti cosi. La variazione puo essere passare da disegni 2D a modelli 3D senza "particolri traumi". Visto che hanno Pro-E i casi sono 2: o non hanno avuto la giusta preparazione da PTC o hanno razionalizzato che Pro-E è troppo impegnativo per quello che fanno.
Io concordo con chi dice che "se lo sai usare" poi non ci sono limiti (quasi) a quello che puoi fare però bisogna ammettere che usare Autocad e usare Pro-E non è proprio la stessa cosa e mi riferisco all'approccio che un sw com Pro-E richiede per essere sfruttato.
Autocad può essere utilizzato molto proficuamente se come interpreto si lavora su commessa dove di parametrizzabile ci sono poi sempre e solo i materiali dal commercio (inteso come componenti piping) perchè il resto finisce sempre per cambiare anche significativamente per le varie esigenze del cliente finale. :mixed:
In ogni caso chiedo scusa agli user di Pro-E anche solo per il paragone tra i due sw.
 

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#20
Beh, nella discussione iniziale non era esplicito che volessero usare un CAD parametrico. Io non voglio assolutamente togliere niente a Pro-E (che ho utilizzato molto in passato) ma, se come credo, ne hanno fatto a meno sinora (LT non è certamente parametrico) possono andare avanti cosi. La variazione puo essere passare da disegni 2D a modelli 3D senza "particolri traumi". Visto che hanno Pro-E i casi sono 2: o non hanno avuto la giusta preparazione da PTC o hanno razionalizzato che Pro-E è troppo impegnativo per quello che fanno.
Io concordo con chi dice che "se lo sai usare" poi non ci sono limiti (quasi) a quello che puoi fare però bisogna ammettere che usare Autocad e usare Pro-E non è proprio la stessa cosa e mi riferisco all'approccio che un sw com Pro-E richiede per essere sfruttato.
Autocad può essere utilizzato molto proficuamente se come interpreto si lavora su commessa dove di parametrizzabile ci sono poi sempre e solo i materiali dal commercio (inteso come componenti piping) perchè il resto finisce sempre per cambiare anche significativamente per le varie esigenze del cliente finale. :mixed:
In ogni caso chiedo scusa agli user di Pro-E anche solo per il paragone tra i due sw.
Non saprei... io che "sono nato" professionalmente usando un CAD 3D, dopo aver iniziato con ProE ci ho messo 2 settimane a imparare SWX, 3 giorni a imparare SpaceClaim e 1 settiamana per Inventor e IronCAD... quando invece devo lavorare con AutoCAD chiedo a collaboratori esterni perchè proprio non riesco a diventare produttivo (un po' come l'azienda in questione con ProE). Ripeto: secondo me è questione di forma mentis (da 2D a 3D) più che di software :)