COMPONENTE IN FUSIONE

el_tazar

Utente Junior
Professione: progettista 3d
Software: Campo minato :-D , Pro E ( 2001,WF,WF2,WF3,WF4,WF5 ) , SolidWorks, CATIA
Regione: lombardia
#1
Buongiorno a tutti

Avrei bisogno cortesemente di qualche dritta per impostare in maniera decente un componente in fusione.

Premetto che vengo da 5 anni in ProE e mi trovo catapultato da 1 mese su SolidWorks (senza nessun tipo di corso), quindi ho delle gravissime lacune, e probabilmente dei comandi e delle impostazioni che sono elementari per un utilizzatore medio sono a me sconosciuti. :confused:

Ho la necessità di dover modellare un componente in fusione di acciaio,diciamo una sorta di carcassa,con i seguenti input.

- modellazione semplice ed efficace per una semplice manutenzione del modello (non specificato se superfici o meno)
- no utilizzo di parti nella parte :mad:
- un componente unico deve contenere sia grezzo che finito,cioè semplicemente alzando il punto d'inserimento si passerà dal finito al grezzo

Non conoscendo le potenzialità delle superfici (che sono normalmente preferibili nelle fusioni per poter gestire al meglio gli spessori costanti) , mi servirebbe qualche consiglio su come impostarlo, se crearmi una sorta di "zona skeleton" in cima all'albero modello dove creare tutte le curve ed i piani di riferimento e lavorare con le superfici oppure lavorare semplicemente con estrusioni solide o entrambi.

Se avete anche qualche modello per riuscire a valutare bene i vari tipi di modellazione poi mi sarebbero di grande aiuto,oppure qualche link per dei tutorial o video o qualsiasi altra informazione utile. :biggrin:

Buona giornata
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#2
Sicuramente non è facile iniziare in questo modo. Io non sono del settore degli stampi e rischio di dirti delle castronerie.
Molti utilizzano le configurazioni per cose di questo tipo e con una grezzo ed una finito potresti gestire non solo lo stato di sospensione di alcune funzioni ma anche dimensioni diverse per altre.
Questo però va un po' in contrasto con il terzo input che ti richiede di avere grezzo e finito spostando il punto di inserimento.

Si tratta di una parte sola, giusto? Come dimensioni cosa ti hanno dato? Immagino solo le quote del finito.
 

cubalibre00

Utente Senior
Professione: Progettazione meccanica
Software: NX3;NX6 e SW2009
Regione: Emilia Romagna
#3
Buongiorno a tutti

Avrei bisogno cortesemente di qualche dritta per impostare in maniera decente un componente in fusione.

Premetto che vengo da 5 anni in ProE e mi trovo catapultato da 1 mese su SolidWorks (senza nessun tipo di corso), quindi ho delle gravissime lacune, e probabilmente dei comandi e delle impostazioni che sono elementari per un utilizzatore medio sono a me sconosciuti. :confused:

Ho la necessità di dover modellare un componente in fusione di acciaio,diciamo una sorta di carcassa,con i seguenti input.

- modellazione semplice ed efficace per una semplice manutenzione del modello (non specificato se superfici o meno)
- no utilizzo di parti nella parte :mad:
- un componente unico deve contenere sia grezzo che finito,cioè semplicemente alzando il punto d'inserimento si passerà dal finito al grezzo

Non conoscendo le potenzialità delle superfici (che sono normalmente preferibili nelle fusioni per poter gestire al meglio gli spessori costanti) , mi servirebbe qualche consiglio su come impostarlo, se crearmi una sorta di "zona skeleton" in cima all'albero modello dove creare tutte le curve ed i piani di riferimento e lavorare con le superfici oppure lavorare semplicemente con estrusioni solide o entrambi.

Se avete anche qualche modello per riuscire a valutare bene i vari tipi di modellazione poi mi sarebbero di grande aiuto,oppure qualche link per dei tutorial o video o qualsiasi altra informazione utile. :biggrin:

Buona giornata
- modellazione semplice ed efficace per una semplice manutenzione del modello (non specificato se superfici o meno)

SW lavora come Pro-E, si tratta di imparare i comandi, ma schizzi ed estrudi tanto come Pro-E

- no utilizzo di parti nella parte

Si può fare.

- un componente unico deve contenere sia grezzo che finito,cioè semplicemente alzando il punto d'inserimento si passerà dal finito al grezzo

Prima modelli il grezzo e poi inserisci le lavorazioni.
SW ti permette anche di salvare con il punto di inserimento indietro, anche se non capisco questa necessità, in quanto il passaggio da grezzo a lavorato con le configurazione è veloce.

P.S:per essere sicuro di lavorare con spessore costante, oltre allo strumento di analisi presente nella versione Office, puoi partire col creare una parte in lamiera e cancellare tutte le funzioni, questo ti permette di abilitare un'opzione nascosta che si chiama 'lega allo spessore' presente durante il comando di estrusione.
 

el_tazar

Utente Junior
Professione: progettista 3d
Software: Campo minato :-D , Pro E ( 2001,WF,WF2,WF3,WF4,WF5 ) , SolidWorks, CATIA
Regione: lombardia
#4
Si tratta di una parte sola, giusto? Come dimensioni cosa ti hanno dato? Immagino solo le quote del finito.
Anzitutto grazie per l'immediata risposta... :finger:

Dunque, il fattore configurazioni l'avevo considerato anch'io per gestire grezzo e finito (previa loro approvazione), ma l'avevo scartato per quello che riguardava il differenziare le dimensioni... Non è uno shuttle ma diciamo che è abbastanza complicatino, ed essendo metà albero modello costituito da raccordi del grezzo salterebbe fuori un macello...

Il disegno della parte beh... Mi han mandato un pdf A3 di una scansione di un A1 ( credo del 1970 o giù di lì) praticamente indecifrabile... :eek:

E comunque si, è una parte sola... A me sarebbe piaciuto suddividerla in "parti elementari" e poi importarle come parte nella parte, ma loro utilizzando il PDM non lo digeriscono... :mad:
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#5
ciao
cerco di spiegare come faccio io o faccio fare ai miei prog
una volta stilato il (finito)
faccio aprire una cartella nell'albero
faccio eseguire tutte le modifiche del caso per rendere il finito atto all'industrializzazione del modello per fonderia
quando non mi serve il modello disatrtivo la cartella
quando devo vedere il modello attivo la cartella
il tutto nell'albero alla fine del processo di stesura del pezzo finito
spero di esserti stato di aiuto
grazie mille
buona serata
N.B.
nel caso abbia prob.per fare un modello per fonderia no prob
forum di stampaggio industriale
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#6
Chiaro, non so che pdm hanno ma solitamente è così. Il mio le gestisce ma con qualche workarond, ma non mi sono mai fidato.

Se la parte è complessa il mio consiglio è di crearti una serie di schizzi (anche piani e assi) del finito che ti faranno da layout, un'altra serie di schizzi sui quali metterai i sovrametalli per il grezzo.
Per facilitare puoi colorare una serie di schizzi (ad esempio quelli del finito) e puoi racchiudere gli elementi in cartelle e trovarti ad esempio solo due cartelle finito e grezzo. In questo modo l'albero è molto pulito e pratico da gestire.

Appoggiandoti agli schizzi del grezzo esegui le funzioni del grezzo e successivamente appoggiandoti a quelli del finito esegui le lavorazioni.
Ti sconsiglio gli schizzi3d perchè sono + difficili da gestire e se non hai dimestichezza ti daranno qualche problema.

Sono tutte cose che puoi fare uguali con Proe, la logica di funzionamento è praticamente identica, per cui farai presto a trovarti a tuo agio.

Con "selection manager" puoi fare a meno di convertire le entità dei layout ed utilizzarle direttamente per le funzioni.

Le entità e gli schizzi possono essere riutilizzati tutte le volte che vuoi.

Molto importante valuta se fare + corpi solidi e poi unirli al momento opportuno. In questo modo mi sono levato da una sacco di pasticci.

Altro?
 
Ultima modifica:

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#7
ciao re'
la tua esposizione non fa crinze e ottimizzata impeccabile
la mia e' un attimo (praticona)
ma sta sicuro che nel quotidiano funziona na meraviglia
c'e' solo il bisogno di un po di esperienza in merito nello specifico dei modelli per fonderia
se l'amico tazar postasse nel possibile un jpeg forse saremo piu di aiuto
un abbraccio
 

el_tazar

Utente Junior
Professione: progettista 3d
Software: Campo minato :-D , Pro E ( 2001,WF,WF2,WF3,WF4,WF5 ) , SolidWorks, CATIA
Regione: lombardia
#8
re_solidworks...

Rapido preciso ed indolore... :finger:

La logica è esattamnte quella che avevo intenzione di seguire.
Per il discorso dei corpi solidi non ho sufficientemente dimestichezza col software per capire come è meglio fare, credo che ci sbatterò su un po' le corna e a fine lavoro ti saprò dire com'è andata... :biggrin:

Tu le superfici me le sconsigli? Normalmente sarebbero le più indicate (non sto facendo paragoni,lo dico prima di aizzare sommosse... :smile: ) , ma anche i miei colleghi più ferrati su solid non è che me hanno caldamente consigliate...


SHIREN

A parte che la documentazione che ho è un pdf di in A3 di una scansione (di pessima qualità) :mad: di un disegno probabilmente firmato da Leonardo Da vinci, ma purtroppo per vincoli professionali non posso pubblicarlo, altrimenti fidati che l'avrei messo nel primo post...

Grazie a tutti per le dritte!!!!!!
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#9
ciao re'
la tua esposizione non fa crinze e ottimizzata impeccabile
la mia e' un attimo (praticona)
ma sta sicuro che nel quotidiano funziona na meraviglia
c'e' solo il bisogno di un po di esperienza in merito nello specifico dei modelli per fonderia
se l'amico tazar postasse nel possibile un jpeg forse saremo piu di aiuto
un abbraccio
Ho scritto in contemporanea con te ma sono stato più lento. Ho solamente provato a pensare come lo farei, ma non ho esperienza di stampi, per cui senz'altro il tuo sistema è più efficace.
Ho tentato di dare il mio contributo per quanto potevo, in questo caso di livello non troppo alto, non è il mio settore.

re_solidworks...

Rapido preciso ed indolore... :finger:

La logica è esattamnte quella che avevo intenzione di seguire.
Per il discorso dei corpi solidi non ho sufficientemente dimestichezza col software per capire come è meglio fare, credo che ci sbatterò su un po' le corna e a fine lavoro ti saprò dire com'è andata... :biggrin:

Tu le superfici me le sconsigli? Normalmente sarebbero le più indicate (non sto facendo paragoni,lo dico prima di aizzare sommosse... :smile: ) , ma anche i miei colleghi più ferrati su solid non è che me hanno caldamente consigliate...


SHIREN

A parte che la documentazione che ho è un pdf di in A3 di una scansione (di pessima qualità) :mad: di un disegno probabilmente firmato da Leonardo Da vinci, ma purtroppo per vincoli professionali non posso pubblicarlo, altrimenti fidati che l'avrei messo nel primo post...

Grazie a tutti per le dritte!!!!!!
Ci sono cose in solidworks che funzionano bene ma per qualche strano motivo vengono insegnate come bestie nere già nei corsi e questo fa apparire il prodotto meno potente di quanto è.

Le superfici funzionano bene, io le ho utilizzate + volte per svariati motivi. Sono + abituato a lavorare con i solidi e solitamente mi trovo meglio, ma ci sono dei casi in cui è necessario passare per le superfici.
È solo l'esperienza che te lo dice, devi farti le ossa, ma se vieni da proe la strada è in discesa perchè concettualmente nota.
L'approcio può essere misto, come in proe.
Utilizzare + corpi può essere un vantaggio perchè puoi praticare delle funzioni su un corpo solo e poi unirli con delle booleane. Ad esempiio puoi eseguire un taglio su una porzione di modello (su uno o più corpi) e non su tutti. Questo a volte ti permette di lavorrare in modo + semplice. Non ha casi sotto mano.
Ad ogni funzione hai un flag "unisci risultato" che se disattivato lascia corpi distinti.
 

alex64

Utente Standard
Professione: progettista meccanico
Software: SE, Autocad, gbg,SW,NX
Regione: friuli v.g.
#10
Ciao
Sarebbe interessante capire quanto grande è il pezzo in questione, che tipo di fusione si prevede, se deve essere preventivamente "tracciato" per i riferimenti dei sovrametalli di lavorazione e che tipo di lavorazioni meccaniche si prevedono.
Io in generale ricostruirei il modello sulla base del pdf (dura se non è dettagliato, ma se disponi di un campione reale le cose sono più semplici) utilizzando la modellazione solida classica, a meno che non ci siano parti delle fusione così complicate da dover utilizzare le superfici e con una o più configurazioni farei le lavorazioni meccaniche necessarie.
Nella messa in tavola avrai più tavole dedicate alle varie fasi di lavoro.
In pratica devi simulare il ciclo di lavoro completo, immaginandoti di doverlo fare tu fisicamente.

ciao
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#11
Ciao
Sarebbe interessante capire quanto grande è il pezzo in questione, che tipo di fusione si prevede, se deve essere preventivamente "tracciato" per i riferimenti dei sovrametalli di lavorazione e che tipo di lavorazioni meccaniche si prevedono.


ciao
ciao alex
esci allo scoperto
sai di modellazione e fonderia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
 

alex64

Utente Standard
Professione: progettista meccanico
Software: SE, Autocad, gbg,SW,NX
Regione: friuli v.g.
#12
Ciao
Mi occupo di progettazione meccanica, quindi capita anche di dover gestire anche pezzi di fusione.
In generale le regole a prescindere dal materiale da fondere, sono sempre le stesse per quanto riguarda la realizzazione dei modelli.
Come dicevo bisogna sapere preventivamente come verrà fuso il pezzo e a tale proposito, se il nostro amico che ha il problema di realizzare il disegno, avesse un incontro chiarificatore con la fonderia sarebbe meglio.
Poi per quanto riguarda la scelta della quantità di sovrametalli da prevedere nelle zone interessate dalle lavorazioni, anche qui si va ad esperienza ed in generale se si hanno dei dubbi megli chiedere alla produzione quanto sovrametallo prevedere nei vari punti perchè esso dipende anche dal tipo di lavorazione e centro di lavoro utilizzato.
Un altro aspetto riguarda i ritiri del materiale, che sono naturalmente diversi nei vari punti del pezzo, pareti sottili o membrature particolarmente sottili possono andare in crisi con l'insorgenza di cricche.
Prevedere angoli di sformatura e raggiature opportune nei vari punti del pezzo per poter far aprire lo stampo.
In genere il pezzo ha un piano di riferimento, in pratica il punto di incontro delle due parti dello stampo, o staffe che contengono la terra e non è detto che tale piano sia su un ipotetico asse di simmetria del pezzo....il pezzo potrebbe non essere per nulla simmetrico.
Per ultimo, non avere mai vergogna di chiedere informazioni e di chiarire con chi materialmente eseguirà il lavoro.

ciao
Alessandro
 

el_tazar

Utente Junior
Professione: progettista 3d
Software: Campo minato :-D , Pro E ( 2001,WF,WF2,WF3,WF4,WF5 ) , SolidWorks, CATIA
Regione: lombardia
#13
Ciao
Sarebbe interessante capire quanto grande è il pezzo in questione, che tipo di fusione si prevede, se deve essere preventivamente "tracciato" per i riferimenti dei sovrametalli di lavorazione e che tipo di lavorazioni meccaniche si prevedono.
Io in generale ricostruirei il modello sulla base del pdf (dura se non è dettagliato, ma se disponi di un campione reale le cose sono più semplici) utilizzando la modellazione solida classica, a meno che non ci siano parti delle fusione così complicate da dover utilizzare le superfici e con una o più configurazioni farei le lavorazioni meccaniche necessarie.
Nella messa in tavola avrai più tavole dedicate alle varie fasi di lavoro.
In pratica devi simulare il ciclo di lavoro completo, immaginandoti di doverlo fare tu fisicamente.

ciao

Ciao
Mi occupo di progettazione meccanica, quindi capita anche di dover gestire anche pezzi di fusione.
In generale le regole a prescindere dal materiale da fondere, sono sempre le stesse per quanto riguarda la realizzazione dei modelli.
Come dicevo bisogna sapere preventivamente come verrà fuso il pezzo e a tale proposito, se il nostro amico che ha il problema di realizzare il disegno, avesse un incontro chiarificatore con la fonderia sarebbe meglio.
Poi per quanto riguarda la scelta della quantità di sovrametalli da prevedere nelle zone interessate dalle lavorazioni, anche qui si va ad esperienza ed in generale se si hanno dei dubbi megli chiedere alla produzione quanto sovrametallo prevedere nei vari punti perchè esso dipende anche dal tipo di lavorazione e centro di lavoro utilizzato.
Un altro aspetto riguarda i ritiri del materiale, che sono naturalmente diversi nei vari punti del pezzo, pareti sottili o membrature particolarmente sottili possono andare in crisi con l'insorgenza di cricche.
Prevedere angoli di sformatura e raggiature opportune nei vari punti del pezzo per poter far aprire lo stampo.
In genere il pezzo ha un piano di riferimento, in pratica il punto di incontro delle due parti dello stampo, o staffe che contengono la terra e non è detto che tale piano sia su un ipotetico asse di simmetria del pezzo....il pezzo potrebbe non essere per nulla simmetrico.
Per ultimo, non avere mai vergogna di chiedere informazioni e di chiarire con chi materialmente eseguirà il lavoro.

ciao
Alessandro

Dunque...

Il pezzo è dicaimo una carcassa cubica di 500mm per lato.

L'interno non è nulla di alieno, ma è una mix di superfici, che in modellazione solida non credo sia semplicissimo da gestire...

Lo schema che hai dato tu è quello che abitualmente seguo per modellare componenti in fusione, ma putroppo normalmente lo faccio con altro software.
Io chiedevo se qualcuno con più esperienza sapeva darmi delle "dritte" di pura modellazione, su qual'era il metodo più efficace,sicuro e stabile per modellare con solid dei componenti in fusione, rispettando ciò che hai dimostrato di conoscere alla perfezione :finger:, ovvero spessori minimi, ritiri ecc...

Io di vergogna non ne ho assolutamente, se leggi bene il primo post sono venuto qua "prostrandomi" a chiunque sapesse consigliarmi un metodo utile.
Purtroppo se avessi la possibilità di parlare con qualcuno della fonderia che realizza il pezzo ne sarei ben felice, ma non sempre è possibile.

Grazie a tutti
 

alex64

Utente Standard
Professione: progettista meccanico
Software: SE, Autocad, gbg,SW,NX
Regione: friuli v.g.
#14
Ciao

A questo punto penso che se come dici il pezzo ha parti interne particolarmente complicate, probabilmente dovrai gestire qualche zona con le superfici.
Un comando utile a questo scopo è "sostituisci faccia" o qualcosa di simile, non ho sottomano SW, in pratica la faccia di un solido può essere sostituita utilizzando appunto una superficie.
Per il resto non metto in dubbio che tu possa essere disponibile ad un confronto con la fonderia.

ciao
 

el_tazar

Utente Junior
Professione: progettista 3d
Software: Campo minato :-D , Pro E ( 2001,WF,WF2,WF3,WF4,WF5 ) , SolidWorks, CATIA
Regione: lombardia
#15
Grazie a tutti x i suggerimenti...

Se x caso vi venisse in mente qualche metodo alternativo che possa facilitare un po' le cose io son qua... :biggrin:

E se poi vi capita sotto mano qualche modello elementare giusto x vedere la metodologia di lavoro meglio ancora...

Buona giornata
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#16
Grazie a tutti x i suggerimenti...

Se x caso vi venisse in mente qualche metodo alternativo che possa facilitare un po' le cose io son qua... :biggrin:

E se poi vi capita sotto mano qualche modello elementare giusto x vedere la metodologia di lavoro meglio ancora...

Buona giornata
Ciao

A questo punto penso che se come dici il pezzo ha parti interne particolarmente complicate, probabilmente dovrai gestire qualche zona con le superfici.
Un comando utile a questo scopo è "sostituisci faccia" o qualcosa di simile, non ho sottomano SW, in pratica la faccia di un solido può essere sostituita utilizzando appunto una superficie.
Per il resto non metto in dubbio che tu possa essere disponibile ad un confronto con la fonderia.

ciao
ciao
per le parti interne anche se complicate
stai parlando di anime
quindi di casse anime che si possono realizzare anche senza sformi
nel caso ci fosse il bisogno di aggiungere sformi metti una superfice o
usa il comando sformi
per gli esterni piglio per buno una carcassa quadra 500x500
se vuoi eliminare una parte di sformi la sez.sulla diagonale
se ci so anime piu alte della mezzeria fai delle portate "francesi"
se il pezzo e'in ghisa non vale il doppio ritiro
se e' in acciao inx forse l'interno fa 1.8% mentre gli esterni 2.0_2.1_2.2%
nei casi di acciaio sulle superfici devi mettere un ITT che sarebbe un soprametallo da 1.5_2.0mm che va eliminato con flex
per i sovrametalli si parte dai 3mm in poi dipende dalla sez del modello
dove ci sono cariche la zona di colata sfiati
dal volume delle matarozze
negli acciai e grosso modo intorno al 50% nelle ghise piu o meno al 13%
comunque
se hai un solido
aggiungi ad esso il sovrametallo di lavorazione
ho lo fai con una cartella "lavorazioni" che crei nell'albero
oppure crei secondo le geometrie esterne un altro solido e fai un assieme
non disponendo di disegni non posso aggiungere altro
ci so tantissimi accorgimenti da fare
uno che mi viene in mente
il valore del lasco tra anime e portata ecc.ecc.ecc.ecc
grazie millle
 
Ultima modifica: