• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Come inserire una variante di sottoassieme in un assieme.

fabry56

Utente Junior
Professione: Disegnatore/Progettista
Software: CREO2
Regione: lombardia
#1
Ciao a tutti.
Oggi il mio problema e' il seguente: Io ho un assieme che è composto da tante parti e sottoassiemi. Io devo inoltre inserire un piccolo assieme composto da tre pezzi ma uno di questi pezzi dovrà essere in posizione di lavoro (spostato di pochi mm.) rispetto al file dell'assieme originale. E'ovvio che se lo posiziono dentro il file originale lui si presenta giusto però mi sballa la tavola e poi se dovessi farlo vedere in un altro assieme in versione originale non si fa'. Credo che ci vogliano le rappresentazioni semplificate. Io purtroppo le ho usate solo per fare gli sviluppi delle lamiere nelle messe in tavola. Come potrei fare? devo creare una rappresentaz. semplificata nell'assiemino che devo assemblare?
Grazie ciao
 

DANI-3D

Utente Senior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: PRO-E WF5
Regione: TOSCANA
#2
Ciao.
In certi casi adopero questa soluzione: Utilizzo per l' accoppiamento un un piano creato ad hoc la cui posizione la gestisco da family table, poi inserisco nell' assieme principale il generico oppure le sue varianti.
 

tartufon80

Moderatore
Staff Forum
Professione: Volevo fare il tecnico....
Software: Solidworks 2016 SP5, Creo 2.0+PDMLink 10.1 (ricordi)
Regione: Abruzzo
#3
Ciao!

Io in questi casi uso la flessibilità. Prova a cercare qualcosa sulla guida in linea!
 

fabry56

Utente Junior
Professione: Disegnatore/Progettista
Software: CREO2
Regione: lombardia
#4
L'ho fatto con le rappr. semplificate. Però devo fare un altro assieme con il pezzo nell'altra posizione e assiemarlo. Lo faccio vedere nel draw ma lo spengo. Funziona ma la BOM ti vede o l'uno o l'altro a seconda di cosa tieni attivo e logicamente il codice non puo' essere lo stesso. Non mi piace. Forse con la flessibilità ma non è mica una molla!
Ciao
Grazie
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#5
L'ho fatto con le rappr. semplificate. Però devo fare un altro assieme con il pezzo nell'altra posizione e assiemarlo. Lo faccio vedere nel draw ma lo spengo. Funziona ma la BOM ti vede o l'uno o l'altro a seconda di cosa tieni attivo e logicamente il codice non puo' essere lo stesso. Non mi piace. Forse con la flessibilità ma non è mica una molla!
Ciao
Grazie
Io per questo genere di lavoro preferisco prendere la strada degli snaphot, ma negli assiemi devi lavorare con le connessioni cinematiche e non con i vincoli, proprio perchè non voglio assemblare il componente 2 o più volte.
Oppure come ha scritto correttamente tartufon con la flessibilità.
La Flessibilità non è solo da intendere per una molla, la si può applicare in qualsiasi componente che diventa "variabile".
Saluti
 

AndreaTerzi

Utente poco attivo
Professione: CAD/PDM/PLM Manager
Software: ProEngineer, Creo Parametric, Intralink, Windchill PDMLink
Regione: Emilia Romagna
#7
La soluzione migliore è la flessibilità con cui puoi non solo variare delle dimensioni ma anche sopprimere feature o altro. E il codice è sempre lo stesso quindi non hai problemi poi nella bom del drawing.
 

tartufon80

Moderatore
Staff Forum
Professione: Volevo fare il tecnico....
Software: Solidworks 2016 SP5, Creo 2.0+PDMLink 10.1 (ricordi)
Regione: Abruzzo
#8
....La Flessibilità non è solo da intendere per una molla, la si può applicare in qualsiasi componente che diventa "variabile".
Saluti
Sicuramente è un buon sistema, la flessibilità non serve solo per gestire le molle......
La soluzione migliore è la flessibilità con cui puoi non solo variare delle dimensioni ma anche sopprimere feature o altro. E il codice è sempre lo stesso quindi non hai problemi poi nella bom del drawing.
Io ad esempio la uso anche per far "muovere" i componenti commerciali, ad esempio gli SpeedyBlock. Li importo come assiemi, e con le opportune modifiche (tanto le faccio la prima volta e poi me li salvo sul server) riesco a farli muovere come nella realtà, gestendo ad esempio un parametro flessibile. E' molto comodo anche per vedere eventuali ingombri in diverse posizioni.

E come hanno detto gli altri, i campi di applicazione sono tantissimi.


.........Ricorda anche le FT.
Ovviamente! :finger:
 

tartufon80

Moderatore
Staff Forum
Professione: Volevo fare il tecnico....
Software: Solidworks 2016 SP5, Creo 2.0+PDMLink 10.1 (ricordi)
Regione: Abruzzo
#10
Non c'è trucco, non c'è inganno!! :biggrin:

Beh, un'altra funzionalità di Creo da scoprire: non mi sono mai cimentato con gli snapshot, ancora meno con i cinematismi....magari questa è la volta buona!! :finger:
 

DANI-3D

Utente Senior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: PRO-E WF5
Regione: TOSCANA
#11
io sponsorizzo le FT, perchè un po di tempo fa ho ottenuto dei pezzi Dx e Sx semplicemente ruotando di 180° il piano su cui avevo montato il tutto. Un vero spettacolo.
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#12
io sponsorizzo le FT, perchè un po di tempo fa ho ottenuto dei pezzi Dx e Sx semplicemente ruotando di 180° il piano su cui avevo montato il tutto. Un vero spettacolo.
Le FT è giusto sponsorizzarle, ne sono un amante anche io ma in un caso come questo secondo me non vanno bene perchè "forza" l'utente a crearsi una nuova istance = un nuovo codice assieme che in realtà non esiste essendo lo stesso e stessa è la sua bom, diventa problematico da gestire al di fuori dell'ufficio tecnico, tu non hai un pdm e non ti connetti ad un erp... :)
 

fabry56

Utente Junior
Professione: Disegnatore/Progettista
Software: CREO2
Regione: lombardia
#13
Oggi ho provato a lavorare nel piccolo assieme con le rappresentazioni semplificate e finche' stà a se stesso tutto va bene. Io ho le mie due varianti APERTO e CHIUSO e tutto funziona alla perfezione. Quando inserisco nell'assieme principale questo piccolo assieme,lui non vede più le rappresentazioni semplificate create all'interno e mi fa vedere in contemporanea i due assiemini che si sormontano perchè non mantiene il CHIUSO o APERTO che io gli impongo. C'è qualche metodo per fargli digerire questo sistema?
Cioè il problema è di riuscire a fare vedere nell'assieme generale le due posizioni ma con un assieme solo perchè la BOM non deve leggere codici di più assiemi che poi sono quasi identici. Con la flessibilità mi pare impossibile spostare dei componenti. Potrai variare lunghezze di un corpo ma i corpi non li sposti o sbaglio? Grazie gente!!
 

DANI-3D

Utente Senior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: PRO-E WF5
Regione: TOSCANA
#14
Le FT è giusto sponsorizzarle, ne sono un amante anche io ma in un caso come questo secondo me non vanno bene perchè "forza" l'utente a crearsi una nuova istance = un nuovo codice assieme che in realtà non esiste essendo lo stesso e stessa è la sua bom, diventa problematico da gestire al di fuori dell'ufficio tecnico, tu non hai un pdm e non ti connetti ad un erp... :)
E' vero, hai ragione, in effetti il mio caso è diverso, io nel mio progetto, e nella rispettiva distinta ho bisogno sia del gruppo Dx che del corrispondente gruppo Sx speculare.
 

BFausto

Utente Standard
Professione: Stampi
Software: dalla 18 a Creo5 (per ora)
Regione: Lombardia
#15
Se posso, e in ritardo, si può usare anche lo stato esploso-non esploso.
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#16
Oggi ho provato a lavorare nel piccolo assieme con le rappresentazioni semplificate e finche' stà a se stesso tutto va bene. Io ho le mie due varianti APERTO e CHIUSO e tutto funziona alla perfezione. Quando inserisco nell'assieme principale questo piccolo assieme,lui non vede più le rappresentazioni semplificate create all'interno e mi fa vedere in contemporanea i due assiemini che si sormontano perchè non mantiene il CHIUSO o APERTO che io gli impongo. C'è qualche metodo per fargli digerire questo sistema?
Se lavori con le rappresentazioni semplificate devi crearti anche le due rappresentazione semplificate chiuso-aperto a livello di assieme superiore, perchè nella rappresentazione master ti mostrerà sempre tutto e sei tu che devi dirgli quale rappresentatione e di quale assieme prendere, altrimenti le vedrai solo nel tuo assiemino inferiore ecco perchè sconsiglio questo metodo.

Cioè il problema è di riuscire a fare vedere nell'assieme generale le due posizioni ma con un assieme solo perchè la BOM non deve leggere codici di più assiemi che poi sono quasi identici
è quello che ho spiegato qualche riga sopra...
Con la flessibilità mi pare impossibile spostare dei componenti. Potrai variare lunghezze di un corpo ma i corpi non li sposti o sbaglio?
Se vuoi spostare dei componenti usando la flessibilità devi crearti un parametro ad hoc nell'assieme che ti guida la quota di apertura del vincolo, successivamente nella scheda parametri della flessibilità puoi richiamare e variare il valore.
 

tartufon80

Moderatore
Staff Forum
Professione: Volevo fare il tecnico....
Software: Solidworks 2016 SP5, Creo 2.0+PDMLink 10.1 (ricordi)
Regione: Abruzzo
#17
....Se vuoi spostare dei componenti usando la flessibilità devi crearti un parametro ad hoc nell'assieme che ti guida la quota di apertura del vincolo, successivamente nella scheda parametri della flessibilità puoi richiamare e variare il valore.
Esattamente quello che faccio in alcuni casi, in altri invece gestisco nella flessibilità direttamente la quota dell'assieme che me lo rende flessibile.
 

tartufon80

Moderatore
Staff Forum
Professione: Volevo fare il tecnico....
Software: Solidworks 2016 SP5, Creo 2.0+PDMLink 10.1 (ricordi)
Regione: Abruzzo
#18
Io per questo genere di lavoro preferisco prendere la strada degli snaphot, ma negli assiemi devi lavorare con le connessioni cinematiche e non con i vincoli, proprio perchè non voglio assemblare il componente 2 o più volte.
Ciao Ozzy!

Ho provato velocemente a vedere qualcosa: sembra davvero forte come sistema!
Ovviamente da approfondire.
Domanda: ci sono contro secondo te a lavorare con le connessioni cinematiche anzichè i vincoli?
La mia è una perplessità da ignorante sull'argomento. Detta volgarmente: "mi da fastidio vedere qual maledetto quadratino vicino al nome del modello sull'albero" :rolleyes:.
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#19
Ciao Ozzy!

Ho provato velocemente a vedere qualcosa: sembra davvero forte come sistema!
Ovviamente da approfondire.
Domanda: ci sono contro secondo te a lavorare con le connessioni cinematiche anzichè i vincoli?
La mia è una perplessità da ignorante sull'argomento. Detta volgarmente: "mi da fastidio vedere qual maledetto quadratino vicino al nome del modello sull'albero" :rolleyes:.
Ciao Tartufon,
si lo so che per molte persone è più una questione psicologica che altro, il fatto che ci sia il quadratino vicino al nome sta ad indicare solamente che il componente in questione ha dei gradi di libertà non che non sia vincolato correttamente e le connessioni servono proprio a questo scopo, per "verificare" il comportamento cinematico del componente in relazione agli altri.
Detta in parole povere, hai solo dei vantaggi ad assemblare i componenti e assiemi così come in realtà si muovono, anche perchè poi ti abilita una serie di analisi che viceversa non potresti fare con i vincoli, dato che necessitano sempre una rigenerazione di una quota o parametro...
PS: Io le uso entrambe, dove mi serve uso i vincoli e/o le connessioni, ma in casi come questi tutta la vita le connessioni! :)
 

tartufon80

Moderatore
Staff Forum
Professione: Volevo fare il tecnico....
Software: Solidworks 2016 SP5, Creo 2.0+PDMLink 10.1 (ricordi)
Regione: Abruzzo
#20
OK...allora mi metto all'opera e ti faccio sapere! Grazie! ;-)