Coefficiente di convezione per coibentazione

Druck

Utente Standard
Professione: Progettazione Meccanica
Software: Solidworks / Cosmos / Floworks
Regione: Lombardia
#1
Ciao a tutti,

qualcuno ha esperienza in verifiche termiche su tubi molto ben coibentati?

Mi chiedono un'analisi termica di un recipiente contenente fluido a 585°C, il recipiente è coibentato e devo ricavare le distribuzioni della temperatura all'interno del materiale.

Voi avete un valore di coeff. di convezione ( W/m^2 K ) che potrei utilizzare?

Grazie!
 

Zaxxon

Utente Standard
Professione: Progettista Termico e Strutturale
Software: Ansys, CFX, Icem CFD, Flotherm
Regione: Abruzzo
#2
Secondo me la via più breve e anche abbastanza precisa è quella di farti un calcoletto a mano se no devi usare un codice CFD.

ZaxX
 

Druck

Utente Standard
Professione: Progettazione Meccanica
Software: Solidworks / Cosmos / Floworks
Regione: Lombardia
#3
Ciao Zaxxon, questa volta me la sono cavata stimando un valore andando a misurare la temperatura esterna di un esempio "simile" (per modo di dire....).

Volevo chiederti una cosa visto che sei esperto in materia:

Ho letto su una pubblicazione che materiali da coibentazione sono difficili da simulare per un'analisi FEM in quanto "non compatti ed uniformi". In quest'articolo, veniva consigliato di fare la simulazione non simulando il materiale coibentato, ma fare invece una simulazione termica-convettiva Tubo-Aria. Ovviamente il coeff. di convezione deve essere corretto!

Tu hai mai sentito una cosa del genere????
Come la consideri questa teoria?
E soprattutto, hai mai simulato un materiale da coibentazione?


Te lo chiedo perchè questa volta ho fatto così, ma mi ha lasciato l'amaro in bocca perchè il passaggio della stima del coeff. è davvero arbitrario e teorico. Mettendomi nei panni del cliente, in caso di problemi è fin troppo facile andarsi ad attaccare lì......:rolleyes::rolleyes:

Ciao
 

Zaxxon

Utente Standard
Professione: Progettista Termico e Strutturale
Software: Ansys, CFX, Icem CFD, Flotherm
Regione: Abruzzo
#4
Il vincolo di temperatura esterna è un vincolo molto forte per un'analisi termica...devi essere abbastanza sicuro prima di utilizzarlo.
Per quanto riguarda i materiali isolanti è chiaro che si devono usare delle conducibilità equivalenti, magari ortotrope, magari variabili con altri parametri ma è chiaro che non si può e non si deve entrare col microscopio nell'isolante...non avrebbe neanche tanto senso.
La teoria di cui parli se ho ben capito, stringendo, si traduce nel fatto di inglobare la resistenza termica della guaina nel coefficiente di scambio verso l'esterno.
E' correttissimo a meno che non si è interessati alla temperatura dell'isolante.

A presto,

ZaxX