cinghie trapezioidali da rintracciare

rinato

Utente Standard
Professione: creo problemi
Software: visi
Regione: veneto
salve a tutti, mi serve un piccolo aiuto.
Devo rintracciare, prima che si straccino, delle cinghie trap. come ricambi per una macchina, senza poter smontare quelle che lavorano ora .
Sul fianco c'è una sigla 5465 C.
Misurando a calibro la sezione 23x16 dovrebbe essere delle tipo C 22x14.
Misurando a flessometro lo sviluppo esterno abbiamo un 4630 ( ho pulegge di Ø diversi e tutte ancora sotto carter ecc. ).
Non esiste manuale della macchina.
I manuali scolastici sono stati inutili, il catalogo on line "Poggi" mi restringerebbe la ricerca alla C177 o C180, se bado allo sviluppo vs. "primitivo".

La sigla 5465 C presente sulle cinghie operative a cosa potrebbe corrispondere, considerando eventuali codifiche di un 30 d'anni fa ?

Grazie a chiunque x l'aiuto.
 

welcome to the machine

Utente Junior
Professione: project leader
Software: Kubotek
Regione: Lazio
Sei già risalito al primitivo basandoti sull'esterno che hai misurato e sulla sezione della cinghia? Fa un lavoro gravoso? Lo chiedo perchè ci sono delle sez C saldabili che in certi casi possono andare. Io le ho usate ma era un trasportatore più che una trasmissione di potenza. Però era lungo 10 mt con 80 kg sopra e parecchio attrito tra cinghia e piano di scorrimento...
Certo che se ci devi far girare un compressore con una motrice Dp 60 a 1400 rpm senza avviatore,durano... pochi secondi :rolleyes:
 

rinato

Utente Standard
Professione: creo problemi
Software: visi
Regione: veneto
son le cinghie dal motore di una pressa meccanica da 300T da 25 colpi/1'
 

PIETRO2002

Utente Junior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: INVENTOR
Regione: LOMBARDIA
son le cinghie dal motore di una pressa meccanica da 300T da 25 colpi/1'
Immagino non ti e' possibile fermare la macchina e rilevare interassi e diametri pulegge.. se non lo prevedi adesso con calma, lo dovrai fare di fretta quando si romperanno!
 

ramjet

Utente Junior
Professione: progetto organi di trasmissione
Software: autocad
Regione: liguria
Approfitto di questo post per fare una domanda (più o meno inerente) senza far prolificare altri post.

Un mio vecchio capo ufficio tecnico aveva l'abitudine di far dimensionare le cinghie in questo modo curioso: data la potenza e il numero di giri, prendeva da grafico l'opportuna cinghia.
a questo punto sceglieva la cinghia immediatamente superiore (come potenza specifica) e dimensionava la trasmissione.

Il metodo era scorretto, ma ci eravamo tutti rassegnati (il proprietario non voleva cacciarlo per cercarne un altro).
Cosa pensate di un simile metodo di dimensionamento?
sicuramente è scorretto, ma secondo voi è anche pericoloso?
grazie
 

PIETRO2002

Utente Junior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: INVENTOR
Regione: LOMBARDIA
Approfitto di questo post per fare una domanda (più o meno inerente) senza far prolificare altri post.

Un mio vecchio capo ufficio tecnico aveva l'abitudine di far dimensionare le cinghie in questo modo curioso: data la potenza e il numero di giri, prendeva da grafico l'opportuna cinghia.
a questo punto sceglieva la cinghia immediatamente superiore (come potenza specifica) e dimensionava la trasmissione.

Il metodo era scorretto, ma ci eravamo tutti rassegnati (il proprietario non voleva cacciarlo per cercarne un altro).
Cosa pensate di un simile metodo di dimensionamento?
sicuramente è scorretto, ma secondo voi è anche pericoloso?
grazie
Come si dice, stava dalla parte della ragione, pericoloso non credo, magari un po' piu' costoso, ma quanto costerebbe un eventuale fermo macchina o un danno meccanico dovuto ad una rottura? Forse se non e' stato cacciato, in fondo non era cosi' male! :)
 

biz

Utente attivo
Professione: disegnatore-progettista
Software: Solid Edge,PTC
Regione: Lombardia
Per quanto riguarda il dimensionamento ci si avvale di un'apposita tabella, che in base alla velocità angolare della puleggia (di diametro minore) e la potenza trasmissibile da una cinghia ci permette di risalire al tipo di cinghia da utilizzare, nonchè al diametro primitivo della puleggia. Attenzione:ricordiamoci che la potenza trasmissibile da una cinghia deve contemplare un fattore di servizio idoneo all'utilizzo.
Dopodichè si calcola il diametro equivalente, che, in pratica corrisponde ad un diametro calcolato,in funzione dei diametri reali delle pulegge, con un rapporto di trasmissione i=1.
Poi, con l'aiuto di formule empiriche si può calcolare la potenza nominale Pn trasmessa da una cinghia.
Si calcolano i "parametri geometrici" della trasmissione:
_lunghezza cinghia
_interasse pulegge
_angoli di avvolgimento
Infine si calcola la potenza effettiva trasmessa da una cinghia.
Il risultato se, hai scelto cingia ed il diametro primitivo corretti sarà, di prima battuta soddisfacente.
Questo è il classico metodo, spiegato a grandi linee.
Tabelle e formule empiriche le trovi ad esempio sul "MANUALE DI MECCANICA" o testi simili, nonchè dai cataloghi dei vari costruttori.
 

biz

Utente attivo
Professione: disegnatore-progettista
Software: Solid Edge,PTC
Regione: Lombardia
Approfitto di questo post per fare una domanda (più o meno inerente) senza far prolificare altri post.

Un mio vecchio capo ufficio tecnico aveva l'abitudine di far dimensionare le cinghie in questo modo curioso: data la potenza e il numero di giri, prendeva da grafico l'opportuna cinghia.
a questo punto sceglieva la cinghia immediatamente superiore (come potenza specifica) e dimensionava la trasmissione.

Il metodo era scorretto, ma ci eravamo tutti rassegnati (il proprietario non voleva cacciarlo per cercarne un altro).
Cosa pensate di un simile metodo di dimensionamento?
sicuramente è scorretto, ma secondo voi è anche pericoloso?
grazie
In allegato la tabella di cui sopra.
Diciamo che il sovradimensionamento di cui parli non è giustificato,a meno di avere condizioni particolari di lavoro (comunque deve essere sostenuto da valutazioni ragionate e ragionevoli).
 

Allegati

ramjet

Utente Junior
Professione: progetto organi di trasmissione
Software: autocad
Regione: liguria
Lo so che non è ragionevole. Quello che mi domandavo è se può essere nocivo. Magari la cosa introduce slittamenti della cinghia, eccessivo attrito.... Tiro a indovinare, non so
 

biz

Utente attivo
Professione: disegnatore-progettista
Software: Solid Edge,PTC
Regione: Lombardia
non è quello il problema, lo slittamento della cinghia lo eviti con il tiro adeguato, l'attrito dipende dai materiali in gioco.
 

biz

Utente attivo
Professione: disegnatore-progettista
Software: Solid Edge,PTC
Regione: Lombardia
Per interderci, il tiro dipende da angolo d'avvolgimento e attrito