• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

calcolo leverismi e forze per movimentazione

didi

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia V4/V5 Robcad
Regione: piemonte
#1
Ciao Ragazzi, ero già da qualche tempo iscritto in questo forum, ma mi sono ri-iscritto perchè non mi ricordavo più il nome e pass.
Bando alle ciance ed arrivo al punto:
Devo movimentare una massa di 200 Kg di 30mm con delle leve azionete da un cilindo pneumatico, pero non so come calcolere le leve e la dimensione del cil.
Ho fatto uno schizzo per spiegarmi meglio.
Le dimensione che ho riportato sono teoriche e suscettibili di modifica.
Aiuto!!!



http://www.drupload.com/uploads/428cilindro.gif

Grazie
 
Ultima modifica:

MBT

Utente Senior
Professione: tiro righe, compilo tabelle...
Software: non serve un software per fare quel che faccio...
Regione: nella Terra di Mezzo
#3
Probabile che superi le dimensioni massime ammesse...
caricalo QUI e posta poi i link.
:)
 

didi

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia V4/V5 Robcad
Regione: piemonte
#4
Sembra sia disabilitato il comando per inserire allegati
 

Dirotec

Utente Standard
Professione: Tiro righe intermittenti e curve ondulate
Software: Me10,OSD,Autocad
Regione: San Pietroni Street
#6
Scusa a me non sembra molto chiaro come lavora.
Il cilindro spinge dove c'è la freccia o è quel rettangolo blu, a me sembra una ginocchiera ma così come è fatta con quel fulcro fisso (che non è chiaro).
Qualcosa di più chiaro? Poi sinceramente per fare una corsa cosi limitata per quale motivo usare un cilindro pneumatico? Hai dei vincoli particolari.
Per me non è chiaro, se qualcuno degli altri utenti intuisce qualcosa gliene sarei grato

ciao
 

didi

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia V4/V5 Robcad
Regione: piemonte
#7
Scusa a me non sembra molto chiaro come lavora.
Il cilindro spinge dove c'è la freccia o è quel rettangolo blu, a me sembra una ginocchiera ma così come è fatta con quel fulcro fisso (che non è chiaro).
Qualcosa di più chiaro? Poi sinceramente per fare una corsa cosi limitata per quale motivo usare un cilindro pneumatico? Hai dei vincoli particolari.
Per me non è chiaro, se qualcuno degli altri utenti intuisce qualcosa gliene sarei grato

ciao

Ciao,
Il cilindro spinge (nel dis. a sinistra) nella direzione della freccia dove ci soni i 20°. In questo modo i due fulcro sopra quello fisso si trovano allineati ( noi li chiamiamo "tre punti") ed è una situazione irreversibile, ovvero cambia sole se vi agisce una forza esterna (non la forza di gravita), in questo caso il cilindro che torna indietro.
Il cilindo mi è stato richiesto per una questione di precisione: siccome il meccanismo dotato di opportuni arresti in andata ed in ritorno è molto preciso per garantire la ripetibilità del movimento senza rischiare di fargli fare una volta una corsa di 31 e la volta dopo di 29.
Ciao
 

myface

Utente Senior
Professione: Progettista-designer free lance
Software: Inventor 2013,maxwell render 2.7.2
Regione: veneto
#8
Se ho interpretato bene il disegno non è difficile calcolare le forze in azione su quel meccanismo. , basta fare la scomposizione delle forze.

Anche perchè in ogni caso devi fare riferimento per i dimensionamenti alla situazione più sfavorevole , cioè il peso tutto giù e gli snodi disallineati al massimo. :cool:

Però ci vogliono anche le dimensioni o più precisamente le proporzioni delle tue leve. :)
 

didi

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia V4/V5 Robcad
Regione: piemonte
#9
Se ho interpretato bene il disegno non è difficile calcolare le forze in azione su quel meccanismo. , basta fare la scomposizione delle forze.

Anche perchè in ogni caso devi fare riferimento per i dimensionamenti alla situazione più sfavorevole , cioè il peso tutto giù e gli snodi disallineati al massimo. :cool:

Però ci vogliono anche le dimensioni o più precisamente le proporzioni delle tue leve. :)
Ciao,
Per dimensioni delle leve intendi le distance tra fulcro e fulcro, ci dovrebbore essere nello schizzo:
 

andrea71

Utente Standard
Professione: ingegnere
Software: Catia v5, Solidworks, I-deas, MSC...ed altri
Regione: FVG
#11
Basta che scomponi il meccanismo, ma ricordati di inserire le reazioni della guida verticale, altrimenti non funziona. Quindi: sulla asta che tiene il carico, metti in ogni perno una forza H e una V, ma la V è nota (il carico). Equilibrio dei momenti rispetto all'altro nodo e ti viene la azione H (della guida).
Queste le inserisci nella squadra comandata dal pistone e ti trovi F del pistone.
Io metto in busta il mio numerino, viste le esperienze del piano inclinato...e vediamo come va a finire questa volta ;)
 

didi

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia V4/V5 Robcad
Regione: piemonte
#12
Basta che scomponi il meccanismo, ma ricordati di inserire le reazioni della guida verticale, altrimenti non funziona. Quindi: sulla asta che tiene il carico, metti in ogni perno una forza H e una V, ma la V è nota (il carico). Equilibrio dei momenti rispetto all'altro nodo e ti viene la azione H (della guida).
Queste le inserisci nella squadra comandata dal pistone e ti trovi F del pistone.
Io metto in busta il mio numerino, viste le esperienze del piano inclinato...e vediamo come va a finire questa volta ;)

Riusciresti a farmi uno schemino?
Grazie
 

myface

Utente Senior
Professione: Progettista-designer free lance
Software: Inventor 2013,maxwell render 2.7.2
Regione: veneto
#15
beh ti ricavi la forza che agisce sul primo snodo attraverso la scomposizione delle forze. 200 kg sono verso il basso (ipotenusa) ti calcoli col teorema di pitagora quanti te ne restano lungo l'asse del primo stelo f2(cateto ) .

( non chiedermi dettagli perchè qui non ho niente e ho poca memoria ( questi calcoli li facevo anni fa , ora faccio tutto a occhio!)


Calcolato quello ti ricavi il momento torcente applicato al secondo stelo.

(f2 x distanza o disassamento nel tuo caso)

Il momento torcente applicato attraverso il cilindro ( fcilindro x disassamento) deve essere chiaramente maggiore , ma quanto maggiore dipende da una infinità di fattori. analizzali.

Poi gli steli devono essere solo dimensionati per resistere a quegli sforzi , e la bisogna chiaramente analizzare come sono fatti. Spero di essere riuscito a spiegarmi come si farebbe in teoria. :)
 

gerod

Moderatore
Staff Forum
Professione: Libero professionista
Software: Solid Edge, Ansys DS, e altri ancora
Regione: Veneto
#16
Sarà forse l'ora tarda ma:
1. se il fulcro della prima leva è fisso (cerniera direi, visto la posizione tra un istante e l'altro) come muovo il resto delle leve? di certo non il cilindro.
2. gli altri perni di rotazione come sono vincolati all'esterno?
Per me un sistema del genere non sta in piedi. Manca qualcosa (vincoli) o sono io fuso?
Ciao
 

andrea71

Utente Standard
Professione: ingegnere
Software: Catia v5, Solidworks, I-deas, MSC...ed altri
Regione: FVG
#17
Sarà forse l'ora tarda ma:
1. se il fulcro della prima leva è fisso (cerniera direi, visto la posizione tra un istante e l'altro) come muovo il resto delle leve? di certo non il cilindro.
2. gli altri perni di rotazione come sono vincolati all'esterno?
Per me un sistema del genere non sta in piedi. Manca qualcosa (vincoli) o sono io fuso?
Ciao
Io ho dato per scontato che:
1) i due bracci in basso siano un'unica leva che ruota attorno al fulcro fisso
2) che il fulcro sotto il piatto del carico sia vincolato a scorrere sulla verticale del fulcro fisso

Così dovrebbe funzionare.

@Didi: Io aspetto lo schema delle forze, non della geometria. Giusto per vedere cosa pensavi
 

didi

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia V4/V5 Robcad
Regione: piemonte
#18
Io ho dato per scontato che:
1) i due bracci in basso siano un'unica leva che ruota attorno al fulcro fisso
2) che il fulcro sotto il piatto del carico sia vincolato a scorrere sulla verticale del fulcro fisso

Così dovrebbe funzionare.

@Didi: Io aspetto lo schema delle forze, non della geometria. Giusto per vedere cosa pensavi
Esatto, non avrei saputo descrivere meglio, però non capisco cosa intendi per "schema delle forze". Scusa
 

gerod

Moderatore
Staff Forum
Professione: Libero professionista
Software: Solid Edge, Ansys DS, e altri ancora
Regione: Veneto
#19
ok, ma:
1. dallo schema l'angolo tra le due leve cambia tra una posizione e l'altra.
2. allora è tutto chiaro
ma data l'ora il dubbio mi era venuto (e giustificato!).

Schema delle forze? semplice, scomponi il sistema e nei vari vincoli ti calcoli le reazioni vincolari. In questo modo ti determini la forza del cilindro necessaria a muovere il tutto (occhio agli attriti!).
Ciao