assieme parametrico

Professione: progettista meccanico
Software: pro-e
Regione: marche
#1
Buongiorno a tutti.
Premetto che chiedo scusa antipatamente se tale argomento è stato già discusso , ma dalla ricerca fatta non ho cavato nulla di chiaro in merito.

Lavoro spesso in ambito di carpenterie e ho l'esigenza di creare un assieme "buono" o di riferimento, in cui al variare di una singola dimensione sorgente (come l'altezza o la larghezza ad esempio) , si vadano a modificare anche le dimensioni dei particolari all'interno.
Esempio banale :
una porta in lamiera piegata , di date dimensioni. Al variare di altezza e/o larghezza vorrei che anche i singoli pezzi di rinforzo che vi vado a saldare si modificassero di conseguenza , evitandomi di ridisegnare tutto.
Ho letto nel forum di parametrizzazioni , program ; chi mi può indicare la via più semplice e sicura ?

Grazie
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#2
Il metodo che per primo mi viene in mente deriva dal modulo Advanced Assembly.
Ti permette di realizzare layout e skeleton che guidano i singoli componenti.

Se l'assieme è semplice e non hai esigenze di assembly avanzato, puoi fare un salva copia con il quale vai a rinominare le parti soggette da modificare.
In questo modo ti vengono anche copiate le messe in tavola dei componenti.
 
Professione: progettista meccanico
Software: pro-e
Regione: marche
#3
In effetti da un pò di tempo stiamo mettendo quanti più particolari possibile in family table e già i tempi si sono abbassati molto : ci portiamo dietro le messe in tavola e data una sistemata ai vincoli dell'assieme rinominato , hai quasi finito.
Mi chiedevo però quale fosse la via migliore per non entrare più a modificare i singoli pezzi ma farlo una volta per tutte all'inizio.
Tieni conto che il mio assieme prevede circa sempre una decina di pezzi che andrebbero parametrizzati e che l'esigenza di avere le messe in tavola a posto è fondamentale.
 

DANI-3D

Utente Senior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: PRO-E WF5
Regione: TOSCANA
#4
Ciao,
Un' altro metodo puo essere di inserire i particolari in un' assieme e renderli flessibili. Se poi si aggiunge al codice richiamato nel drw un suffisso che deriva dalla lunghezza del profilo, puoi avere un unico assieme con tante combinazioni ognuna con i propri codici.
 
Professione: progettista meccanico
Software: pro-e
Regione: marche
#5
non sapendo come fare Dani , sono aperto ad ogni idea.
Però non ti nascondo che "a pelle" , mi piacerebbe che dato un elemento parte principale , poi le altre feature di altre parti , fossero un parametrico di quella feature sorgente.
Ad esempio , data la lunghezza di profilo padre pari ad x , poi vorrei avere le lunghezze di altri profili simili che gli vadano dietro , diventando sempre x+50, oppure x+20 , oppure x+100...così via dicendo.
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#6
non sapendo come fare Dani , sono aperto ad ogni idea.
Però non ti nascondo che "a pelle" , mi piacerebbe che dato un elemento parte principale , poi le altre feature di altre parti , fossero un parametrico di quella feature sorgente.
Ad esempio , data la lunghezza di profilo padre pari ad x , poi vorrei avere le lunghezze di altri profili simili che gli vadano dietro , diventando sempre x+50, oppure x+20 , oppure x+100...così via dicendo.
E questo lo risolvi con le relazioni ...
 

DANI-3D

Utente Senior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: PRO-E WF5
Regione: TOSCANA
#7
Nessun problema,
In questi casi dispongo nell' assieme tutti i piani e gli assi che mi servono regolati da parametri, e i singoli pezzi li vincolo sia come posizione che come estrusioni ai vai piani, volendo è possibile utilizzare le ossature.
 
Professione: progettista meccanico
Software: pro-e
Regione: marche
#8
ok ,ragazzi , già ho capito che sono relazioni e non parametri.
Parliamo di cose terra terra : profilo 1 e profilo 2 , sono montati in un assieme ; profilo 2 deve essere sempre la L di profilo 1+100 e non voglio andare a toccarlo internamente.
Ecco il mio problema ai minimi termini...help please:biggrin:
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#9
In realtà, per fare quello che chiedi bisogna utilizzare tutte le tecniche suggerite in precedenza , compresa la flessibilità .
Avevamo fatto un lavoro del genere per un azienda che si occupa di protezioni e in quel caso avevamo aggiunto anche Mathcad per una particolare estrazione di rinomina seguita da regola dei profili, il risultato era un abbattimento dei tempi davvero notevole.
 
Professione: progettista meccanico
Software: pro-e
Regione: marche
#10
In realtà, per fare quello che chiedi bisogna utilizzare tutte le tecniche suggerite in precedenza , compresa la flessibilità .
Avevamo fatto un lavoro del genere per un azienda che si occupa di protezioni e in quel caso avevamo aggiunto anche Mathcad per una particolare estrazione di rinomina seguita da regola dei profili, il risultato era un abbattimento dei tempi davvero notevole.
Ok , ci devo lavorare dall'assieme ?
Per flessibilità s'intende che una determinata quota è vincolata ad altri pezzi ?
 

Prof.

Utente Standard
Professione: Lavoro con il CAD ed il CAE
Software: Pro-E e Creo
Regione: Lazio
#11
Si può fare utilizzando una combinazione di family table, Pro-Program, relazioni e varie funzionalità dell'advanced assembly come gli assiemi di interscambio. Ho sviluppato diversi progetti di questo tipo. La cosa più importante è però capire da dove si parte e dove si vuole arrivare. Io li chiamo configuratori di prodotto.
Innanzitutto vuoi che questo assieme ti generi dei nuovi codici che possono avere qualsiasi dimensione o vuoi che utilizzi dei codici di libreria già esistenti (standard)?
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#12
Ok , ci devo lavorare dall'assieme ?
Per flessibilità s'intende che una determinata quota è vincolata ad altri pezzi ?
Non è una cosa che si spiega in 2 minuti...
Solitamente si, si parte dall'assieme con le ossature e poi si propagano i parametri alle parti.
La flessibilità può essere vincolata ad altri pezzi (tipo prendendo le distanze) oppure può essere guidata dalla parte attraverso elementi variabili, hai diverse opzioni in tal senso.
Le domande però che ti faccio io invece sono le seguenti:
-Avete gli assiemi avanzati?
-Conosci il layout e il pro/program e la modalità top/down?
-Conosci le interfacce componente?
-Conosci la flessibilità?

Saluti
 
Professione: progettista meccanico
Software: pro-e
Regione: marche
#14
Si può fare utilizzando una combinazione di family table, Pro-Program, relazioni e varie funzionalità dell'advanced assembly come gli assiemi di interscambio. Ho sviluppato diversi progetti di questo tipo. La cosa più importante è però capire da dove si parte e dove si vuole arrivare. Io li chiamo configuratori di prodotto.
Innanzitutto vuoi che questo assieme ti generi dei nuovi codici che possono avere qualsiasi dimensione o vuoi che utilizzi dei codici di libreria già esistenti (standard)?
Mi "accontenterei" di riutilizzzare codici di libreria già esistenti o di rinominare in seguito.
 
Professione: progettista meccanico
Software: pro-e
Regione: marche
#15
Non è una cosa che si spiega in 2 minuti...
Solitamente si, si parte dall'assieme con le ossature e poi si propagano i parametri alle parti.
La flessibilità può essere vincolata ad altri pezzi (tipo prendendo le distanze) oppure può essere guidata dalla parte attraverso elementi variabili, hai diverse opzioni in tal senso.
Le domande però che ti faccio io invece sono le seguenti:
-Avete gli assiemi avanzati?
-Conosci il layout e il pro/program e la modalità top/down?
-Conosci le interfacce componente?
-Conosci la flessibilità?

Saluti
Faccio un pò fatica a capire le domande , figurati a che livello usiamo pro-e.

1) assiemi avanzati....No , non credo , facciamo dei semplici assiemi che sono un montaggio di parti. Non usiamo f.t. negli assiemi , insomma , sono una semplice distinta senza tanti fronzoli.
2) No.
3) No. o perlomeno non credo di farlo sotto altro nome
4) mi è capitato di usarla solo sulle molle che monto negli assiemi a volte.
:frown:
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#16
Faccio un pò fatica a capire le domande , figurati a che livello usiamo pro-e.

1) assiemi avanzati....No , non credo , facciamo dei semplici assiemi che sono un montaggio di parti. Non usiamo f.t. negli assiemi , insomma , sono una semplice distinta senza tanti fronzoli.
2) No.
3) No. o perlomeno non credo di farlo sotto altro nome
4) mi è capitato di usarla solo sulle molle che monto negli assiemi a volte.
:frown:
Il modulo assiemi avanzati abilità le funzionalità di usare gli scheletri quindi l'uso corretto in top/down, il layout e il pro/program, in più anche gli assiemi di interscambio che citava prof. (altra tecnica corretta :) ).

La flessibilità e le interfacce componente invece sono comprese nel modulo base come le FT.
Quindi se non avete quel modulo avanzato dubito che riuscirai a fare quello che chiedi, a meno che tu non voglia diventare matto... :wink:
 
Professione: progettista meccanico
Software: pro-e
Regione: marche
#17
Il modulo assiemi avanzati abilità le funzionalità di usare gli scheletri quindi l'uso corretto in top/down, il layout e il pro/program, in più anche gli assiemi di interscambio che citava prof. (altra tecnica corretta :) ).

La flessibilità e le interfacce componente invece sono comprese nel modulo base come le FT.
Quindi se non avete quel modulo avanzato dubito che riuscirai a fare quello che chiedi, a meno che tu non voglia diventare matto... :wink:
abbiamo il completo
 
Professione: progettista meccanico
Software: pro-e
Regione: marche
#19
Che significa abbiamo il completo ?
Advanced Assembly, REX, ISDX, BMX, Piping, EFX ... eccetera eccetera ??
Chi siete ... Toyota ?
Magari , ci sarebbe qualche bella giapponesina da "importunare" a mensa :biggrin:
A parte gli scherzi , abbiamo un pacchetto per gli assieme che non è proprio il base ma non so dirti il nome o livello.
Comunque ho fatto un esperimento interessante : ho provato nell'assieme a legare alcune feature di particolari a piani o riferimenti dell'assieme stesso.
Modifico un particolare dell'assieme e il resto si rigenera nelle nuove lunghezze.
Sarebbe quello che serve a me nè più nè meno , solo che poi Intralink mi crea dei riferimenti circolari che m'impediscono di risalvare.
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#20
Magari , ci sarebbe qualche bella giapponesina da "importunare" a mensa :biggrin:
A parte gli scherzi , abbiamo un pacchetto per gli assieme che non è proprio il base ma non so dirti il nome o livello.
Comunque ho fatto un esperimento interessante : ho provato nell'assieme a legare alcune feature di particolari a piani o riferimenti dell'assieme stesso.
Modifico un particolare dell'assieme e il resto si rigenera nelle nuove lunghezze.
Sarebbe quello che serve a me nè più nè meno , solo che poi Intralink mi crea dei riferimenti circolari che m'impediscono di risalvare.
Mi sa che vi serve qualcuno che venga a darvi un'occhiata.
Senza sapere quali sono le vostre configurazioni è difficile darvi un consiglio.
Potrei proporti il sottoscritto ma si scatenerebbe un palese conflitto di interessi :smile: