Assemblaggio Lamiere in inventor:consiglio

rosariomartino

Utente poco attivo
Professione: ingegnere navale
Software: Rhinoceros, Autocad, Inventor
Regione: Campania
#1
Ciao a tutti, sono alle prime armi con inventor e vorrei chiedervi un suggerimento.
Per lavoro, qualche anno fa, ho realizzato una gru con Rhinoceros. Adesso vorrei provare a ricostruirla in inventor ma non riesco a capire quale strada seguire. La gru è composta da uno scatolato (vedi immagine di esempio) fatto di lamiere di vario spessore saldate tra loro. Non riesco a capire se devo realizzare le singole lamiere e poi assemblarle con vincoli di complanarità oppure se devo usare l'ambiente saldatura. Sarei grato se qualcuno potesse darmi dei suggerimenti e/o dei riferimenti per poter imparare.
Grazie in advance...
 

Allegati

Catafratto

Utente Standard
Professione: Disegnatore/progettista
Software: Inventor 2016
Regione: Veneto
#2
Primo suggerimento: presentarsi nell'apposita sezione :tongue:

A inglese come stai?
 

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2016 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#3
Non riesco a capire se devo realizzare le singole lamiere e poi assemblarle con vincoli
Sì.

oppure se devo usare l'ambiente saldatura
La differenza tra ambiente assieme ed ambiente saldatura sta nella possibilità di inserire le saldature e le lavorazioni preliminari o meccaniche.
Nell' ambiente saldatura tu puoi fare il saldato grezzo e poi lavorarlo come su una macchina ut.
Personalmente preferisco fare le lavorazioni sui singoli componenti, trovo che sia più governabile in fase di recupero dei semilavorati, a fronte di un incremento del numero di componenti. ( piastre uguali con forature diverse sono una nel caso di lavorazioni meccaniche, n. in caso di preparazione delle singole lavorazioni su ciascun pezzo ).

Ciao.
 

Catafratto

Utente Standard
Professione: Disegnatore/progettista
Software: Inventor 2016
Regione: Veneto
#4
Una tecnica che mi piace e crea modelli molto "robusti" in caso di variazioni sono quelle che in Inglese vengono indicate come "Skeletal modeling" e "Muscular modeling" (la prima usa schizzi, la seconda solidi), una ricerca con google ti fa saltar fuori varie cose. Detta in soldoni:
1) ti crei una parte "scheletro" che rappresenta schematicamente il tuo assieme finale;
2) crei varie parti derivate che usano questo scheletro
3) utilizzi i punti, assi, superfici dello scheletro per creare i tuoi componenti;
4) Nel tuo assieme finale, lo scheletro è fissato all'origine e tutti gli altri componenti vengono vincolati ai piani di origine dello scheletro.

In tal modo, al variare dello scheletro, tutte le parti si adattano (variazioni non troppo "radicali")

In passato ho visto dei video su youtube che mostrano tutto in pratica, dovrei trovare anche qualche esempio.