• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Analisi buckling

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#21
Matteo,

assolutamente no.

Quando parli di stare lontano, come valuti il lontano?

Ciao

MacGG
Mi spiego meglio: all'utente Rikk credo serva solo un calcolo di buckling lineare per determinare il carico critico e dimensionare di cosneguenza (restando 2-3 volte al di sotto). Per buckling lineare intendo la soluzione dell'equazione: det([KL] + lambda[KS]), valida per spostamenti e deformazioni infinitesimi.

Non credo che gli serva andare oltre (anche se nell'altro posto poneva una domanda su come gestire una nonlinearità da contatto).... bisognerebbe capire dove deve arrivare Rikk :smile:

[FONT=_Times-Roman]
[/FONT]
 

rikk

Utente Junior
Professione: Disegnatore\Progettista
Software: AutoCAD 2011, Solidworks 2011
Regione: Italia
#22
Si, ma verificando con quanto indicato nel CNR 10011 ho semplicemente il limite massimo che la mia struttura può sopportare per non creare instabilità.
Ma come ha indicato anche Matteo nello schema del sesto post di pagina uno, il calcolo per l'instabilita la faccio tra appoggio e appoggio (se è corretto) e quindi penso che per ognuno di questi ci sia una reazione tale da mantenermi la struttura rettilinea.

Spero di essermi spiegato bene.
 

Arc

Utente poco attivo
Professione: studente universitario
Software: Ansys
Regione: Bari (Italy)
#23
Come già detto precedentemente un' analisi di buckling consiste nel valutare il fatttore di carico critico della struttura,i valori delle reazioni vincolari sono quelle dell'analisi statica!
Anche se nella schematizzazione di tale analisi si vincolano gli spostamenti fuori dal piano di azione del carico, i vincoli introdotti non hanno funzione "portante" ovvero non hanno lo scopo di opporsi agli spostamenti dovuti al carico, ma ricreano le condizioni al contorno al fine di risalire all'impostazione del problema teorico