• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Alimentazione pompa

andreagzz

Utente poco attivo
Professione: Progettista
Software: Cocreate,Inventor
Regione: Piemonte
#1
Ciao, ho un problema devo realizzare un circuito chiuso per alimentare un singolo rubinetto tramite una pompa. Il sistema serve per un espositore che andrà in America dove c’è la tensione alternata 110V e 60Hz.
Ho scelto la pompa dal catalogo Grundfos jp5 monofase 220V 50Hz da 0.75Kw autoadescante con pressostato incorporato.
Ora c’è qualcuno che mi sa dire se posso usare un trasformatore 110/220V(anche se ho 60Hz) per elevare la tensione
Potrei comprare la pompa già 110V 60Hz ? ma poi potrei usarla in Italia con il solito trasformatore

Grazie Andrea
:):):)
 
Professione: Responsabile Ufficio Tecnico
Software: SolidWorks 2010, OneSpaceModeling, Autocad, Me10, Inventor 11
Regione: Lombardia
#2
Ciao, ho un problema devo realizzare un circuito chiuso per alimentare un singolo rubinetto tramite una pompa. Il sistema serve per un espositore che andrà in America dove c’è la tensione alternata 110V e 60Hz.
Ho scelto la pompa dal catalogo Grundfos jp5 monofase 220V 50Hz da 0.75Kw autoadescante con pressostato incorporato.
Ora c’è qualcuno che mi sa dire se posso usare un trasformatore 110/220V(anche se ho 60Hz) per elevare la tensione
Potrei comprare la pompa già 110V 60Hz ? ma poi potrei usarla in Italia con il solito trasformatore

Grazie Andrea
:):):)

Anzitutto devi verificare se la pompa può funzionare anche a 60Hz. Tieni presente che il motore gira più veloce del 20% e quindi anche la pompa, con conseguenti assorbimenti maggiori.
Normalmente una pompa abbinata a un motore da 50Hz non può funzionare a 60Hz perchè brucerebbe il motore.
Ti consiglio di acquistare la pompa a 110V/60Hz, poi in Italia con un trasformatore la fai funzionare a 110V/50Hz. La pompa perde in caratteristiche ma per l'applicazione che mi descrivi credo non ci siano problemi.
In alternativa puoi impiegare un inverter per correggere la frequenza, ma credo non ne valga la pena.
 

jacobs3

Utente Junior
Professione: ...
Software: ....
Regione: campania
#3
io avrei il problema opposto..
vorrei riuscire a creare i 60hz qui in Italia con forma d'onda perfettamente sinusoidale

per caso avete qualche idea su come fare? gli inveter per motori mi hanno detto che non vanno bene..
grazie
 

Meccbell

Utente Senior
Professione: cercare di risolvere i problemi esistenti più velocemente dei nuovi che si creano
Software: SE + SinteCam25 + Featurecam Mill3D
Regione: Malpensaland - Lombardia
#4
Un mio vecchio cliente che produceva robotica "d'assalto" che doveva funzionare in ambienti ostili montava all'ingresso del quadro degli stabilizzatori/filtri/condizionatori che mantenevano costanti tensione, frequenza e forma d'onda.
Mi ricordo che avevano un pannellino a led con cui regolare i parametri tra i quali la commutazione tra 50 e 60 Hz.

So che mi dicevano che senza tali aggeggi l'apparecchiatura di comando di un robot inserito in una linea di saldatura a punti, esempio un robogate automobilistico, non durava più di 2 anni per la presenza di picchi di tensione, distorsioni armoniche e "tagli" di frequenza.
Invece con i cosi di cui sopra la durata arrivava a 3 o anche 4 volte tanto.

Purtroppo hanno chiuso 3 anni fa (nessun erede e forse anche perchè il prodotto durava troppo :(), ma se mi capitasse a tiro il tizio gli chiedo dove comprava i cosi.
Nel frattempo prova a fare una ricerca usando come chiave i termini che ho riportato all'inizio.
:)
 
Professione: Responsabile Ufficio Tecnico
Software: SolidWorks 2010, OneSpaceModeling, Autocad, Me10, Inventor 11
Regione: Lombardia
#5
io avrei il problema opposto..
vorrei riuscire a creare i 60hz qui in Italia con forma d'onda perfettamente sinusoidale

per caso avete qualche idea su come fare? gli inveter per motori mi hanno detto che non vanno bene..
grazie
i normali inverter per motori non generano un'onda sinusoidale, quindi non vanno bene (ma scusa a che ti serve la forma d'onda perfettamente sinusoidale?).
Mi vengono in mente i sistemi UPS (gruppi di continuità) che hanno batterie abbinate ad un'elettronica che genera la tensione alternata. Credo che questi generino un'onda sinusoidale perchè vengono impiegati per computer, monitor ed elettronica industriale (PLC ecc). Prova a informarti con i costruttori di sistemi UPS.
 

gpbomber

Utente poco attivo
Professione: tecnico Enel
Software: xp2
Regione: Umbria
#6
Non cambia nulla se parliamo di HZ gira solo più veloce nulla a che vedere con circuiti elettronici dove occorre stabilità.

Giampiero
 

athlon

Utente Standard
Professione: webmaster
Software: Art of Illusion
Regione: lombardia
#7
Prendere un inverter con uscita sinuosoidale ( evita gli economici con uscita pseudo-sinuosoidale) penso sia la scelta migliore , lo comperi in america e te lo fai spedire qui , cosi' puoi testare con tranquillita' tutto quello che fai per i paesi 110/60 , in pratica ti crei il tuo pezzetto personale di Usa :)
 

athlon

Utente Standard
Professione: webmaster
Software: Art of Illusion
Regione: lombardia
#9
Per fare test veritieri e' importante non solo il voltaggio ma anche la frequenza , a mio parere un inverter made in Usa e spedito qui rimane la soluzione migliore a lungo termine