• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

AIUTO PER INIZIARE A PROGETTARE

csurf

Utente Standard
Professione: progettazione stampi / modellazioni 3D / consulente Euklid cad-cam
Software: Autocad 2007 / Euklid V10 / Vx
Regione: Lombardia
#21
Shiren sei da applausi, condivido pienamente
:4425::4425::4425:
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#22
Avevo gia' risposto in passato a questo problema, comunque la mia visione e' che:

la rappresentazione 2D e' una forzatura, perche' la natura e' in 3d. Si e' usata finora la rapp.2d perche' i mezzi tecnologici non permettevano la rapp.3d (carta, tecnigrafo, ecc ecc), arrabbattandosi a inventare le "proiezioni orotognali" che se ci pensiamo bene sono una vera e propia tortura mentale!
Attualmente la rapp.2D e' ANCORA NECESSARIA, ma in futuro lo sara' sempre meno, perche' finalmente abbiamo mezzi tecnologici che ci permetteono di pensare direttamente in 3d, anziche come si faceva prima, che era pensare in 3d, destrutturare e disegnare in 2d, ricostruire il 3d dalla rapp.2d.

Questa e' la mia opinione, di uno che ha iniziato col tecnigrafo e i rapidograph e ogni tanto gli tocca usare il 2d, ma ne vede tutti i limiti e l'arretratezza tecnologica (soprattutto la facilita' all'errore insita nello strumento 2d).
 

csurf

Utente Standard
Professione: progettazione stampi / modellazioni 3D / consulente Euklid cad-cam
Software: Autocad 2007 / Euklid V10 / Vx
Regione: Lombardia
#23
La rappresentazione in 3D ha i suoi vantaggi e permette di eliminare molti errori che con il 2D si fa fatica a vedere. Però io penso che il 3D va benissimo se il progetto della macchin ho dell' attrezzatura l' abbiamo già nella nostra testa. Delegare certe soluzioni al cad 3d, magari facendole in automatico può causare diciamo, un impoverimento della qulità dei nostri prodotti. Io nel mio lavoro continuo a vedere certi strafalcioni da mettersi le mani nei capelli, e quando vai a chiedere spiegazioni ti senti dire:<< il cad3d non mi dava altre soluzioni, me lo faceva così e basta>>. Ma che cavolo, sono io a comandare il cad e non il cad che comanda me...
Quindi le innovazioni vanno sempre bene, a patto che dirigire l'orchestra siamo sempre noi e non deleghiamo il lavoro al nostro software. Progettare in 2D è anche un allenamento mentale, nel senso che devi avere sempre presente nella tua mente la visione in 3D del progetto. Secondo me fare tutto e subito in 3d porta poi alla pigrizia mentale, è un pò come con la calcolatrice, a forza di usarla perdiamo l' abitudine di fare i conti a mente, e quando si rompe la calcolatrice andiamo nel pallone...
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#24
La rappresentazione in 3D ha i suoi vantaggi e permette di eliminare molti errori che con il 2D si fa fatica a vedere. Però io penso che il 3D va benissimo se il progetto della macchin ho dell' attrezzatura l' abbiamo già nella nostra testa. Delegare certe soluzioni al cad 3d, magari facendole in automatico può causare diciamo, un impoverimento della qulità dei nostri prodotti.
Diciamo che l'idea devi averla gia' nella testa, sia che poi la progetti in 2d che in 3d. Non e' che il 2d ti aiuti a sviluppare idee dal nulla. Attualmente il mio 2d sono un blocco e una matita, da li' vado subito al 3d, senza passare attraverso il 2d.

Io nel mio lavoro continuo a vedere certi strafalcioni da mettersi le mani nei capelli, e quando vai a chiedere spiegazioni ti senti dire:<< il cad3d non mi dava altre soluzioni, me lo faceva così e basta>>. Ma che cavolo, sono io a comandare il cad e non il cad che comanda me...
queste, permettimi, sono giustificazioni penose di chi non ha voglia di lavorare... :biggrin:

Quindi le innovazioni vanno sempre bene, a patto che dirigire l'orchestra siamo sempre noi e non deleghiamo il lavoro al nostro software. Progettare in 2D è anche un allenamento mentale, nel senso che devi avere sempre presente nella tua mente la visione in 3D del progetto. Secondo me fare tutto e subito in 3d porta poi alla pigrizia mentale, è un pò come con la calcolatrice, a forza di usarla perdiamo l' abitudine di fare i conti a mente, e quando si rompe la calcolatrice andiamo nel pallone...
Perfettamente d'accordo se non distinguiamo fra cad2 e cad3d, il cad e' uno strumento che serve a mettere per iscritto le idee che abbiamo, quello che intendo dire e' che secondo me non e' vero che ci sia differenza di approccio alla progettazione avendo il cad 2d o 3d. Se le idee le hai si vedono in entrambi i metodi, se non le hai idem. In piu' il 3d ti da certi vantaggi che alleviano la fatica del lavoro quotidiano....
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: &quot;ah capa&quot;
Regione: NAPOLI
#25
Shiren ma come ti viene in mente di fare discorsi del genere? :biggrin:
Non sai che sul forum ci sono dei personaggi, che hanno fatto del difendere il CAD PINCOPALLO una missione di vita? E per carità se salta fuori che usi il CAD TIZIOSEMPRONIO allora non hai capito niente di come si sta al mondo. Per non parlare delle capacità tecnico-progettuali di quelli che conoscono tutte le modifiche nelle varie releases del loro cad preferito degli ultimi 10 anni... A MEMORIA!!! Vuoi mettere? E tu vieni qui a parlare di schizzo a matita? :eek:
C'è gente che non dorme la notte aspettando l'aggiornamento alla versione 2009 non scherziamo su queste cose dai:
ciao ing.
e na babbilonia
purtroppo oggi con la tecnlog.tutti si possono permettere di mettersi davati ad un sw e dire "IO PROG."
pero i risultati sono 25/28 € ora con partita iva
che se fai un po di conti ti porti a malappena 1200€ al mese
e questo e' un momento di inflazzione per i caddisti
sei valido o non valido sono quelli i soldi
perche la risposta dei commerciasli mo e' questa
"MA QUANDO PRETENDERESTI PER SMANETTARE CON UN PROG DI DISIGNAZIONE" la prog la sviluppa oh computer:biggrin:
come se prog e diventato giocare con una consol da giochi della sony:confused:

aggiungo
ed e' un consiglio per tutti gli amici
non sponsorizziamo le qualita di dei vari sw (se non per motivi commerciali)
sponsorizziamo le nostre capacita professionali i nostri intuiti di prog
la sta il mestere no nello smanettare nu giochino
che dovremmo lascare agli amanti del(releases)
VABBUO!!!!!!!
buona domenica
 

csurf

Utente Standard
Professione: progettazione stampi / modellazioni 3D / consulente Euklid cad-cam
Software: Autocad 2007 / Euklid V10 / Vx
Regione: Lombardia
#26
Diciamo che l'idea devi averla gia' nella testa, sia che poi la progetti in 2d che in 3d. Non e' che il 2d ti aiuti a sviluppare idee dal nulla. Attualmente il mio 2d sono un blocco e una matita, da li' vado subito al 3d, senza passare attraverso il 2d
Io non ci riuscirei mai a passare direttamente al 3D. Mi manca proprio la predisposizione mentale... Sai dopo 15 anni di autocad è dura perdere certe abitudini...
 

Focus

Moderatore
Staff Forum
Professione: Odio il sitema italiota e gli italioti di professione.
Software: Solid Edge
Regione: Toscana
#27
Diciamo che l'idea devi averla gia' nella testa, sia che poi la progetti in 2d che in 3d. Non e' che il 2d ti aiuti a sviluppare idee dal nulla. Attualmente il mio 2d sono un blocco e una matita, da li' vado subito al 3d, senza passare attraverso il 2d.



queste, permettimi, sono giustificazioni penose di chi non ha voglia di lavorare... :biggrin:



Perfettamente d'accordo se non distinguiamo fra cad2 e cad3d, il cad e' uno strumento che serve a mettere per iscritto le idee che abbiamo, quello che intendo dire e' che secondo me non e' vero che ci sia differenza di approccio alla progettazione avendo il cad 2d o 3d. Se le idee le hai si vedono in entrambi i metodi, se non le hai idem. In piu' il 3d ti da certi vantaggi che alleviano la fatica del lavoro quotidiano....
Quoto totalmente, nel mio intervento non volevo difendere un cad 3D o 2D, volevo solo dire che non sono d' accordo sul fatto che la progettazione passa per forza dal 2D, IMHO naturalmente.

P.S. Prima di passare al 3D anch'io ho lavorato al tecnigrafo e al 2D.

Ciao
 

banda bassotti

Utente Standard
Professione: faccio cose...spesso van bene....talvolta funzionano...raramente servono
Software: un pò uno un pò l'altro
Regione: BRESCIA/NAPOLI
#28
ora, col 3d, il progetto si sviluppa come un' onda, idea,traccia,schema,gruppo,partic.,ritocco,loop,gr uppo,partic.,ritocco,.....messa in tavola,ottimizza,butta,rifai,loop....
...quoto in pieno
non vi è mai capitato di andare a dormire con un problema che vi ha tormentato tutto il giorno ed al mattino avere la soluzione pronta, dopo una bella dormita ?
a me capita spesso.
straquoto...spesso oltre a trovare soluzioni mi accorgo sempre nottetempo di emerite CAXXATE prodotte una o più giorni prima.
-Top down - Parto dal layout generale della macchina e dell'impianto, sviluppando in modo generale i vari sottogruppi per poi arrivare agli elementi singoli di ogni sottogruppo

- Bottom up - Inizio a progettare in dettaglio ogni singolo componente per poi allargarmi ai sottogruppi e arrivare ad assemblare tutte le parti per formare la macchina.
io per definire un progetto li applico entrambi prima top down fino a definire uno studio sufficientemente definito e poi bottom up (sembrano nomi di ketchup)definendo nei particolari i singoli elementi ed andando ad affinare il progetto nel suo assieme potrebbe essere un nuovo metodo ...come lo chiamiamo...mato mato??
chi usa un sw 3d e' un prog????????????????????
NOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
e' un esecutore delle messe in tavola 2d
spesso neanche quello!!
 

banda bassotti

Utente Standard
Professione: faccio cose...spesso van bene....talvolta funzionano...raramente servono
Software: un pò uno un pò l'altro
Regione: BRESCIA/NAPOLI
#29
AIUTO PER INIZIARE A PROGETTARE
non capisco se vuoi iniziare a DISEGNARE particolari semplici o vuoi imparare ad usare un determinato programma ...comunque ti sono state date entrambe le risposte.
permettimi solo una cosa...come mai hai messo come professione PROGETTISTA??:36_1_2:
 

SweptBlend

Utente Standard
Professione: Senior Design Engineer
Software: ProE, Inventor, Think3
Regione: Schweizerische Eidgenossenschaft
#30
20 anni di marciapiede, da "schinare" al tecnigrafo, e fare eliografie, ai cad più evoluti.
Vi posso dire la mia impressione :
non essite un metodo migliore in assoluto, ma il metodo migliore per il tipo di lavoro che devi affrontare in quel contesto.
Mi sono trovato a dover fare progetti realmente 3d, in cui non è esistito un pezzo di carta, nemmeno iniziale ( ne tantomento ai fornitori che leggevano il 3d per il loro cam ).
Cosi come sono partito da 0, facendo lo schizzo 2d a matita, impostato lo scheletro, i cinematistmi, e via via, il 3d è sato creato/modificato/aggiornato in parallelo con il 2d, e tutte le sue belle tavole.
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#31
Progettare in 2D è anche un allenamento mentale, nel senso che devi avere sempre presente nella tua mente la visione in 3D del progetto
Come dire che legarsi le mani dietro a un tram e farsi portare di corsa fino alla fermata successiva è un allenamento fisico...
IMHO queste storie sul 2d che sarebbe un allenamento mentale sono leggende metropolitane dei nostalgici del tecnigrafo.
Un qualsiasi oggetto lo visualizzi nella mente in 3d, poi se sei costretto ne fai una rappresentazione dettagliata in 2d, che però è una forzatura.
Se progetti da zero qualcosa il 2d può andare bene (e neanche sempre) per stabilire le proporzioni (design), schematizzare al volo cinematismi ecc.

Secondo me fare tutto e subito in 3d porta poi alla pigrizia mentale
:eek::confused:
Oh ragazzi, non so voi cosa visualizzate a mente, io vedo dei solidi, e li vedevo anche prima della nascita dei PC.
Poi mi hanno insegnato come farne delle rappresentazioni fittizie in 2d, che andavano interpretate e dalle quali con molta attenzione e a rischio di fare cazzate incommensurabili, potevi poi ricavare viste ausiliarie o sezioni anche complesse.
I tutto con gran dispendi di tempo, tempo sottratto alla sostanza del progetto perchè si doveva star li come un amanuense a tirare linee di costruzione sperando poi di non distrarsi e di attaccarsi a quella giusta.
I 2D nella progettazione è innaturale, anacronistico quindi, oggi, inutile

è un pò come con la calcolatrice, a forza di usarla perdiamo l' abitudine di fare i conti a mente, e quando si rompe la calcolatrice andiamo nel pallone...
Se sei un disegnatore, inteso come una persona che riceve delle bozze dal "capo" e deve trasformarle in elaborati finiti allora posso anche capire che qualcuno possa avere la nostalgia del 2d (tecnigrafo o cad i principi sono quelli) in quanto attività manuale che sfornava elaborati con un certo fascino grafico.
Se fai il progettista IMHO il 2d non serve a un tubo, se non perdere tempo e lavorare peggio. :smile:

Devo però aggiungere, ad onore del vero, che per lavorare in 3d è necessario avere strumenti che ti permettano una visualizzazione davvero chiara di quanto stai facendo. Nel caso di Euklid ad esempio, come ti avevo già fatto osservare, IMHO la visualizzazione in shade è inusabile e costringerti a lavorare in wireframe (come vedo che fai sempre nei tuoi video) a me potrebbe far tornare effettivamente la voglia del tecnigrafo. :smile:

ciao
 

sampom

Moderatore SWX, Navale
Staff Forum
Professione: Progettazione/Costruzione macchine e impianti
Software: SolidWorks 2015 SP5/2016 SP2, AutoCAD (poco)
Regione: Piemonte (CN)
#32
Devo però aggiungere, ad onore del vero, che per lavorare in 3d è necessario avere strumenti che ti permettano una visualizzazione davvero chiara di quanto stai facendo. Nel caso di Euklid ad esempio, come ti avevo già fatto osservare, IMHO la visualizzazione in shade è inusabile e costringerti a lavorare in wireframe (come vedo che fai sempre nei tuoi video) a me potrebbe far tornare effettivamente la voglia del tecnigrafo. :smile:
..anche questo è vero.

Per il resto ti dico che pur essendo solo poco più di un anno che uso il 3D, dopo 5 di Acad ed i precedenti 20 solo tecnigrafo, la sto pensando come te.
Alcuni "automatismi" (distorsioni?) mentali ancora mi rimangono, ed il mio bel bozzetto su carta a mano, alla veloce (giusto qualche riga ed un paio di quote di partenza), lo faccio quasi sempre.
Ma è vero, più lo conosco e più mi accorgo di quanto mi mancasse (a parte le ricorrenti "litigate" col sotware:smile:, ma qui il discorso è diverso) e di quanto sia effettivamente più "naturale".

Però mi permetto di ripetere che alla fine stiamo dicendo tutti la stessa cosa:
il CAD3D è ormai irrinunciabile (anche se con poche eccezioni. Nel mio caso grandi impianti da inserire in planimetrie "da geometra" ecc. ecc.) ed è appurato, ma sembra si sottovaluti la qualità della progettazione (del progettista/disegnatore). Cosa che nessun sw può garantirti.
Non mi riferisco a te, che comunque SAPEVI DISEGNARE (..tieni n'età:biggrin:, come me del resto), hai imparato a progettare, a realizzare, a conoscere le tecnologie, a comunicare solo attraverso delle linee nere su carta. Conosci i fondamenti, le regole, le norme, il "linguaggio".. Chiaro che avuto lo strumento adatto, imparatone i comandi, ti è risultato facilissimo utilizzarlo al meglio, ma sempre applicando le TUE nozioni. Ti è venuto naturalissimo e forse ora lo dai per scontato.. ma tu "già sapevi" e non penso ti sia mai fermato davanti a problemi progettuali perchè disponevi solo di rapidograph.

Per il mio lavoro devo fare ancora TUTTE le tavole 2D (e magari anche qualcuna in più);.. dicevi delle sezioni. Indubbiamente il 3D è una manna. Ma vedo in giro che non è così scontato. Caspita, la linea devo dirglielo io dove farla passare e forse i lunghi e noiosi anni passati a scervellarsi per essere comprensibile e tirare linee con le righe, un po' adesso mi aiutano.
Vedo tavole ricavate dal 3D indecifrabili, sezioni alla cdc che non dicono nulla, quelle invece essenziali mancanti, fori e linee/spigoli nascosti quotati sulle tratteggiate. Se un particolare è leggermente complesso è finita, il "disegnatore" si blocca o magari mi riempie il foglio di viste inutilissime. Disordine assoluto nelle messe in tavola, con rapporti scalari rispetto al foglio senza senso, quote alla rinfusa da "un tanto al chilo" sparate in giro a raggiera! Ed è gente nata col PC che conosce il programma a menadito, velocissimi e perfetti nella modellazione (almeno per come vedono e come costruirebbero loro il modello.. altra nota dolente).

E secondo me è questo che intende il buon Shiren: TU senza il pc non moriresti di fame, molti altri non ci giurerei:smile:

Saluti
Marco
 

csurf

Utente Standard
Professione: progettazione stampi / modellazioni 3D / consulente Euklid cad-cam
Software: Autocad 2007 / Euklid V10 / Vx
Regione: Lombardia
#35
Per Marcof.
Io non conosco le tue esperienze lavorative, ma nel mio lavoro ti assicuro che partire direttamente dal 3D è come darsi una mazzata sull p... visto le necessarie modifiche che uno stampo di pressofusione richiede prima di giungere all' approvazione finale, e non parlo solo di spostare qualche vite, ma parlo di salti di chiusura, posizione estrattori, forma ramo colata, posizione fagioli, ecc,,,,Se dovessi ogni volta mettere mano ad un modello
3D così complesso mi verrebbe da piangere. Ripeto, nel mio campo lavorativo modellare subito in 3D non ha i suoi vantaggi, questo è il mio pensero. Infine riguardo al modo di lavorare in Euklid ti assicuro che è tutta abitudine, io lavoro così e voi sempre in shading ma Euklid offre una chiara visibilità delle forme anche lavorando in wireframe. Infine Euklid non si usa per progettare stampi in 3D, ma si usa per realizzare le parti stampanti.
Non c'è un metodo di lavoro migliore di un'altro, dipende dai campi di applicazione, quidi io non dico a priori è meglio lavorare in 3D sempre e comunque perchè il 2D è ormai superato, c'è caso e caso. In una ditta che costruisce stampi l'importate è fornire tutte le tavole 2D quotate a dovere in modo che i vari operatori siano operativi da subito ed in modo efficace, di conseguenza per me il 2D è ancora la base di tutto.
 

MoldKiller

Guest
#36
Per Marcof.
Io non conosco le tue esperienze lavorative, ma nel mio lavoro ti assicuro che partire direttamente dal 3D è come darsi una mazzata sull p... visto le necessarie modifiche che uno stampo di pressofusione richiede prima di giungere all' approvazione finale, e non parlo solo di spostare qualche vite, ma parlo di salti di chiusura, posizione estrattori, forma ramo colata, posizione fagioli, ecc,,,,Se dovessi ogni volta mettere mano ad un modello
3D così complesso mi verrebbe da piangere. Ripeto, nel mio campo lavorativo modellare subito in 3D non ha i suoi vantaggi, questo è il mio pensero. Infine riguardo al modo di lavorare in Euklid ti assicuro che è tutta abitudine, io lavoro così e voi sempre in shading ma Euklid offre una chiara visibilità delle forme anche lavorando in wireframe. Infine Euklid non si usa per progettare stampi in 3D, ma si usa per realizzare le parti stampanti.
Non c'è un metodo di lavoro migliore di un'altro, dipende dai campi di applicazione, quidi io non dico a priori è meglio lavorare in 3D sempre e comunque perchè il 2D è ormai superato, c'è caso e caso. In una ditta che costruisce stampi l'importate è fornire tutte le tavole 2D quotate a dovere in modo che i vari operatori siano operativi da subito ed in modo efficace, di conseguenza per me il 2D è ancora la base di tutto.
Hai mai provato con con un cad parametrico?
 

csurf

Utente Standard
Professione: progettazione stampi / modellazioni 3D / consulente Euklid cad-cam
Software: Autocad 2007 / Euklid V10 / Vx
Regione: Lombardia
#37
Hai mai provato con con un cad parametrico?
No non ho mai provato personalmente, ma conosco gente che progetta direttamente in 3D. Il succo della questione è che sapendo già cosa si vuole ottenere in base alle abitutidini della propria ditta allora le modifiche sono poche e gestibili mentre per me che lavoro conto terzi il problema è più complesso perchè non ho a disposizione ogni 5 minuti il responsabile della progettazione a cui chiedere, quindi progetto secondo le mie idee che alla fine magari dovranno essere rivedute anche al 30-40% implicando anche notevoli manipolazioni al progetto difficilmente gestibili anche con cad parametrici. Per cui per adesso non vedo dei vantaggi nel passare alla progettazione 3D, questo per il metodo ed il tipo di lavoro che faccio. Poi in altre situazioni la progettazione 3D è molto più efficace del 2D ma da qui a dire che il 2D è diventato inutile.....
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#38
Per cui per adesso non vedo dei vantaggi nel passare alla progettazione 3D, questo per il metodo ed il tipo di lavoro che faccio. Poi in altre situazioni la progettazione 3D è molto più efficace del 2D ma da qui a dire che il 2D è diventato inutile.....

Anche io lavoro in conto terzi e prima di iniziare con il 3d la pensavo esattamente come te.
Adesso che ho fatto esperienza non abbandonerei mai il 3d. Forse a progettare si e' un filo piu' lenti, ma poi si risparmia tantissimo tempo nella fase di creazione delle tavole e distinte varie, senza contare il numero ridottissimo di errori di progetto....

Prima: progettazione 30% , produzione documentazione 70%
ora: progettazione 80%, produzione documentazione 10%, perdere tempo su cad3d, non ha prezzo!!!!! :biggrin:
 
Ultima modifica:

MoldKiller

Guest
#39
No non ho mai provato personalmente, ma conosco gente che progetta direttamente in 3D. Il succo della questione è che sapendo già cosa si vuole ottenere in base alle abitutidini della propria ditta allora le modifiche sono poche e gestibili mentre per me che lavoro conto terzi il problema è più complesso perchè non ho a disposizione ogni 5 minuti il responsabile della progettazione a cui chiedere, quindi progetto secondo le mie idee che alla fine magari dovranno essere rivedute anche al 30-40% implicando anche notevoli manipolazioni al progetto difficilmente gestibili anche con cad parametrici. Per cui per adesso non vedo dei vantaggi nel passare alla progettazione 3D, questo per il metodo ed il tipo di lavoro che faccio. Poi in altre situazioni la progettazione 3D è molto più efficace del 2D ma da qui a dire che il 2D è diventato inutile.....
Ti stai basando su "sentito dire"!
I cad parametrici sono nati apposta per modificare agevolmente un progetto senza rifare tutto daccapo, l'importante è sapere come fare.
Uno stampo è uno stampo, si fa un progetto di massima e si invia al cliente. Il cliente lo esamina, propone le modifiche e si procede in base a quelle.
Se hai dimestichezza puoi ribaltare sotto sopra uno stampo senza tanti problemi.
 

MoldKiller

Guest
#40
Anche io lavoro in conto terzi e prima di iniziare con il 3d la pensavo esattamente come te.
Adesso che ho fatto esperienza non abbandonerei mai il 3d. Forse a progettare si e' un filo piu' lenti, ma poi si risparmia tantissimo tempo nella fase di creazione delle tavole e distinte varie, senza contare il numero ridottissimo di errori di progetto....

Prima: progettazione 30% , produzione documentazione 70%
ora: progettazione 80%, produzione documentazione 10%, perdere tempo su cad3d, non ha prezzo!!!!! :biggrin:
E aggiungo che alcune cose che adesso si progettano tranquillamente con un cad 3d, una quindicina di anni fa non erano neanche pensabili!