• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Aggiungere funzioni alla lamiera piegata

janfranz

Utente Junior
Professione: Eng.
Software: Solidworks - Catia
Regione: Campania
#1
Salute a tutti,

sto modellando una cornice costituita da 4 elementi di lamiera piegati grossomodo ad U e smussati alle due estremità di 45° per accoppiarli tra loro. Il problema è che con SWX 2007 non riesco a "costruire" questi elementi (ciascuno considerato come parte) così come realizzato in produzione, ossia: si parte da una lamiera rettangolare che viene piegata ad U e viene poi smussata a 45° con sega. Con Swx invece, se applico il taglio a 45° prima della "Funzione apertura lamiera" questo si traduce in una modifica dello sviluppo in piano (che non è più un semplice rettangolo), infatti swx cerca di ottenere già nella piegatura i due smussi; se invece applico lo il taglio a 45°tra "Funzione apertura lamiera" e "Ripetizione piatta", mi da addirittura errore quando provo ad appiattire la lamiera; infine se applico il taglio a 45° dopo la "Ripetizione piatta" esso è attivo solo sulla lamiera distesa. Insomma: non è possibile aggiungere feature dopo che si è creato il piegato, senza che queste si propaghino automaticamente anche allo svilluppo piano?
Scusate la loquacità.... spero di esser stato chiaro.
 

Oldwarper

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam
Regione: Emilia Romagna
#2
Beh, diciamo che lavori un po' "al contrario" di quello che e' lo spitrito della lavorazione della lamiera, ovvero ottenere lo sviluppo di lamiera tagliato che una volta piegato ci da' il pezzo finito, senza ulteriori lavorazioni.
Per fare quelli che dici senza influire sullo sviluppo dovresti fare il pezzo senza le lavorazioni di macchina successive, in modo da ottenere lo sviluppo. A questo punto crei una parte derivata con Inserisci in nuova parte e su quella (che sara' un solido senza le funzioni di lamiera, ma legato alla parte padre) procedere con le funzioni delle lavorazioni successive, che non influiranno sulle funzioni di lamiera precedenti.
In tavola ovviamente il finito sara' la parte derivata, lo sviluppo quello del file con le funzioni di lamiera.

Spero possa aiutare.
 

janfranz

Utente Junior
Professione: Eng.
Software: Solidworks - Catia
Regione: Campania
#3
Grazie, mo' provo. Purtroppo a volte è l'ufficio tecnico che si adegua a quello che "velocemente" si mette in atto in produzione, soprattutto se ci sono di mezzo i "terzisti"... ed è molto difficile poi far cambiare metodologie di lavorazione attecchite...
 

janfranz

Utente Junior
Professione: Eng.
Software: Solidworks - Catia
Regione: Campania
#4
Scusate se rompo ancora...
Ho provato ad aggiungere features sulla parte derivata, ed è proprio quello che volevo: modificare la lamiera come se fosse lavorata dopo la piegatura.... ora il problema però è che devo inserire il piegato così derivato e modificato in assieme... e questo swx non lo consente! Quindi in sostanza capisco che dovrei innanzitutto creare un'assieme di supporto in cui modellare i 4 (cioè 2) elementi della cornice senza smussi a 45° (uno schifo di assieme, come si può immaginare) e poi da lì ottenere le parti derivate smussate e riassemblarle in un nuovo assieme definitivo... forse mi sto incartando?!

Allego file assieme per qualche anima buona che volesse dargli uno sguardo..
 

Allegati

alex_cm

Utente Standard
Professione: Disegnatore
Software: SolidWorks 2007
Regione: Romagna
#5
Io invece lavoro in questo modo, che è valido anche per i composti saldati di lamiere.
La parte finale, saldata o meno che sia, è realizzata - potendo - solo tramite funzioni normali. Nel tuo caso tutto questo è molto semplice.
Poi, il corpo solido che ottengo lo inserisco nella nuova parte e da lì effettuo la conversione in lamiera.
Nel tuo caso specifico, potresti modellare l'intero oggetto normalmente (tanto è molto semplice). Poi generi una configurazione con il taglio di 45° sospeso. Questa configurazione la vai ad inserire nella nuova parte (puoi usare il menù "elenca riferimenti esterni" nella nuova parte per specificare la configurazione da usare).
Nella nuova parte converti il solido in lamiera (inserisci piegature). Nel tuo caso questa operazione è del tutto banale...
Addirittura in questo modo potresti modellare l'intera cornice in una parte sola (con un composto saldato) in funzioni semplici e poi semplicemente derivare i singoli corpi per lo sviluppo.
Comunque mi associo ad OldWarper: in effetti questi tagli a 45° andrebbero fatti prima di piegare la lamiera...

Ciao ciao
 

Strumpf

Utente Standard
Professione: progettazione meccanica, industrial design, reverser engineering...
Software: SolidWorks, Rhino, NX
Regione: Veneto, Schio - (VI)
#6
Quando lavori con lamiera SW crea sempre una configurazione "Ripettizione Piatta" entra in quella configurazione quindi sospendi il taglio 45°, nello sviluppo non risultera il taglio.

NB. tutte le successive volte che tu vuoi vedere lo sviluppo, devi cambiare la conf. non utilizare la funzione "ripettizione piatta"
 

Oldwarper

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam
Regione: Emilia Romagna
#7
Scusate se rompo ancora...
Ho provato ad aggiungere features sulla parte derivata, ed è proprio quello che volevo: modificare la lamiera come se fosse lavorata dopo la piegatura.... ora il problema però è che devo inserire il piegato così derivato e modificato in assieme... e questo swx non lo consente! Quindi in sostanza capisco che dovrei innanzitutto creare un'assieme di supporto in cui modellare i 4 (cioè 2) elementi della cornice senza smussi a 45° (uno schifo di assieme, come si può immaginare) e poi da lì ottenere le parti derivate smussate e riassemblarle in un nuovo assieme definitivo... forse mi sto incartando?!

Allego file assieme per qualche anima buona che volesse dargli uno sguardo..
Non e' possibile che non ti consenta di inserire nell'assieme parti derivate! Lo faccio da una vitra e addirittura con "derivati di derivati...!!!".

I file con parti derivate all'interno sono identici ai file di parte normali, solo che devi tenere anche il file originale, altrimenti se si ricostruisce e non trova la parte derivata originale da' errore (manca il file padre). Ho derivato i componenti del tuo assieme e li ho sostituiti agli originali non derivati e a parte perdrere per ovvi motivi gli accoppiamenti (le facce corrispondenti non coincidono nel database interno della parte) non da' nessun problema.:confused::confused:
 

Allegati

janfranz

Utente Junior
Professione: Eng.
Software: Solidworks - Catia
Regione: Campania
#8
Grazie a tutti per le risposte.
Allora, ho provato creando una configurazione "ripetizione piatta", e mi sembra una soluzione buona per il mio scopo, anche se (domanda da appassionato di alberi puliti) mi sono sempre chiesto se è "formalmente corretto" creare un modello con varie funzioni sospese, sparse tra le configurazioni.
Per la questione delle parti derivate: il mio errore era nella creazione della parte derivata, che ottenevo dall'assieme con: file->deriva parte componente. Credo che invece Oldwarper intenda la procedura: nuova parte-> inserisci -> parte... eppoi nell'assieme utilizzare sostituizione di componente, giusto? Lo svantaggio di questo metodo, rispetto all'uso delle configurazioni, è che si ha una duplicazione di file per lo stesso componente (codice in distinta), o sbaglio?
 

Oldwarper

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam
Regione: Emilia Romagna
#9
Grazie a tutti per le risposte.
Allora, ho provato creando una configurazione "ripetizione piatta", e mi sembra una soluzione buona per il mio scopo, anche se (domanda da appassionato di alberi puliti) mi sono sempre chiesto se è "formalmente corretto" creare un modello con varie funzioni sospese, sparse tra le configurazioni.
Le configurazioni servono a quello. Vedrai quando invece di avere 10 o 15 features ne hai 50-80 che il "formalmente corretto" dopo un po' si va a far benedire...;) E ci si arrangia come si puo' per non stare a rifare tutto.

Per la questione delle parti derivate: il mio errore era nella creazione della parte derivata, che ottenevo dall'assieme con: file->deriva parte componente. Credo che invece Oldwarper intenda la procedura: nuova parte-> inserisci -> parte... eppoi nell'assieme utilizzare sostituizione di componente, giusto? Lo svantaggio di questo metodo, rispetto all'uso delle configurazioni, è che si ha una duplicazione di file per lo stesso componente (codice in distinta), o sbaglio?
Primo: per fare la parte derivata basta che nell'albero vai nella cartella Corpi solidi, clickDX sul corpo che vuoi sia la nuova parte e Inserisci nella nuova parte. Ottieni in una maniera molto piu' rapida, pulita e corretta il corpo derivato. Per aprirlo dal derivato basta che fai clickDX sulla funzione di derivazine e fai Modifica contestuale. Ti si aprira' il file padre. Se invece vuoi svincolarlo per sempre ddalle modifiche clickDX Elenca riferimenti esterni Interrompi tutto. ATTEZIONE: a questo punto perdi il riferimento con il file padre e modificandolo il file figlio non sara' mai piu' aggiornato. Vantaggio: puoi eliminare il file padre. Se invece selezioni Blocca tutto, interromperai momentaneamente il collegamento al padre, come se li avessi interrotti, ma in qualsiasi momento puoi ripristinarlo e riavere le modifiche successive al file padre.

Secondo. Una volta ottenute le parti derivate, le puoi inserire nell'assieme come sempre. Le parti rimarranno sempre e solo una per ogni file, anche se sono derivati.

L'assieme ti conviene farlo quando hai gia' i pezzi finiti. Altrimenti (progettazione top-down, non ti eri accorto di dover usare un pezzo derivato) puoi provvedere alla sostituzione con la nuova parte derivata, rifacendo gli accoppiamenti. Nessuna duplicazione componenti della distinta.
 

alex_cm

Utente Standard
Professione: Disegnatore
Software: SolidWorks 2007
Regione: Romagna
#10
Grazie a tutti per le risposte.
Allora, ho provato creando una configurazione "ripetizione piatta", e mi sembra una soluzione buona per il mio scopo, anche se (domanda da appassionato di alberi puliti) mi sono sempre chiesto se è "formalmente corretto" creare un modello con varie funzioni sospese, sparse tra le configurazioni.
Per la questione delle parti derivate: il mio errore era nella creazione della parte derivata, che ottenevo dall'assieme con: file->deriva parte componente. Credo che invece Oldwarper intenda la procedura: nuova parte-> inserisci -> parte... eppoi nell'assieme utilizzare sostituizione di componente, giusto? Lo svantaggio di questo metodo, rispetto all'uso delle configurazioni, è che si ha una duplicazione di file per lo stesso componente (codice in distinta), o sbaglio?
Lo scopo delle configurazioni è darti differenti...configurazioni della stessa parte mediante misure diverse o funzioni risolte/sospese: quindi è perfettamente "legale".
Poi, vai nella cartella "corpi solidi", clicca su di un corpo che t'interessa e fai "inserisci nella nuova parte". Questo sistema importa in una parte nuova solo il materiale che vuoi. L'inserisci parte invece inserisce un modello completo: se hai due corpi allora te li ritrovi tutti e due. Certo puoi aggirare questo "inconveniente" specificando una configurazione creata ad hoc.
Il fatto che un codice sia duplicato dipende da te: sei tu a scegliere quale visibilità dare al file. Io ad esempio, i file derivati che mi servono per gli sviluppi non li registro sul gestionale aziendale (PLM?) ma solo su quello CAD (PDM - DBWorks)

Ciao ciao
 

janfranz

Utente Junior
Professione: Eng.
Software: Solidworks - Catia
Regione: Campania
#11
Ringrazio ancora per le risposte precise e rapidissime.
Approfitto della vostra disponibiltà per un'ultima questione (per ora :D) che però non c'entra niente con questo topic, e cioè: non è in nessun modo possibile modificare un accoppiamento "sul posto" (ad es. sostituire il piano/faccia di appoggio)? l'unica cosa che si può fare è eliminarlo?
 

Oldwarper

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam
Regione: Emilia Romagna
#12
L'accoppiamento sul posto viene messo per "comodita'" alla creazione di un componente. Lo si puo' solo eliminare perche' non e' in riferimento con nessun altro oggetto. Un suo sostituto e' "Fisso", con clicDX sul componente nell'albero delle features dell'assieme. "blocca" il componente nella posizione in cui e'.
Io tento di evitarli perche' preferisco relazionare i componenti tra loro o meglio tra i loro piani di riferimento.
Mi sembra comuinque che l'abbiano messo tra gli accoppiamenti nuovi della 2008 (che non ho ancora installato "produttivamente".
 

janfranz

Utente Junior
Professione: Eng.
Software: Solidworks - Catia
Regione: Campania
#13
Io ho osservato che il "fisso" è un pò diverso, nel senso che fissa l'oggetto nel riferimento dell'assieme, è basta. Invece con "sul posto" se fai una modellazione contestuale, e quindi ad es. appoggi un componente su una faccia di un'altro componente, allora ogni variazione di posizione del padre si rifletta anche sul figlio, che quindi non è proprio fisso nello spazio assieme.