• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

adattivita

MARCOC

Utente Standard
Professione: disegnatore
Software: autocad-inv2015-solid2015
Regione: piemonte
#1
ciao a tutti

problemino..io rendo adattivo un oggetto lo metto nel mio assime attivo l'adattivita' e tutto e perfetto...a questo punto prendo lo stesso componente e lo piazzo in altro assieme e qui il problemone...l'adattivita non si puo piu attivare fino a che non la tolgo dal primo assieme...

(il mio problema e come posso rappresentare una molla che in assiemi diversi ha posizioni di precarico differenti)

grazie a tutti ciao
 

pagnotz

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Autodesk Inventor Simulation Suite 2010
Regione: Abruzzo
#2
Non puoi far assumere ad una stessa parte due "aspetti" diversi... Se cambia dimensioni per adattarsi alla situazione di un primo assieme, avrà le stesse dimensioni in un'altro insieme dov'è inserito e se non può farlo per vincoli, ecc ti genererà un errore.
Se i due assieme contengono le stesse parti ma cambia solo la loro posizione, allora puoi usare un'unico assieme e le rappresentazioni di posizione.
Se devi per forza creare due assiemi separati, allora devi creare anche due molle, puoi fare una copia della prima molla con un altro nome e sostituirlo nel secondo assieme.
 

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2016 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#3
ciao a tutti

problemino..io rendo adattivo un oggetto lo metto nel mio assime attivo l'adattivita' e tutto e perfetto...a questo punto prendo lo stesso componente e lo piazzo in altro assieme e qui il problemone...l'adattivita non si puo piu attivare fino a che non la tolgo dal primo assieme...

(il mio problema e come posso rappresentare una molla che in assiemi diversi ha posizioni di precarico differenti)

grazie a tutti ciao
l' adattività è una brutta bestia.
come hai notato, funziona solo tra due pezzi ben specifici ed un pezzo con adattività, trasportato altrove crea problemi.
questa opzione io la uso solo, e molto limitatamente, in fase di studio, dopo di che la tolgo e vincolo lo schizzo per benino.
per quello che riguarda la molla, croce e delizia del forum, da un po' di tempo mi comporto così:
1) creo la parte di circa 1/3 di molla.
2) creo l' assieme con le due mezze parti posizionate alla lungh. libera.
3) faccio una configurazione di posizione ( FLEX ) rendendo mobile una delle due parti della molla.
4) posiziono l' assieme molla ( reso flessibile e con posizione FLEX ) nel complessivo.
5) se serve fare vedere le due o più posizioni dell' assieme, uso il configuratore di posizione.

lo stesso procedimento lo uso con tutto ciò che si muove, cilindri, catene porta cavi ecc.

ciao.
 

MauroM

Utente Standard
Professione: mah!
Software: Inv + SW(purtroppo)
Regione: .
#4
il metodo che usi mi sembra vada molto bene per le molle. Quello che non capisco è come fai ad usarlo per catene portacavi e cilindri ( disegni 1/3 di stelo ?).
 

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2016 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#5
il metodo che usi mi sembra vada molto bene per le molle. Quello che non capisco è come fai ad usarlo per catene portacavi e cilindri ( disegni 1/3 di stelo ?).
il cilindro è a tutti gli effetti un iam, con il vincolo che governa la corsa soppresso in modo da potersi muovere seguendo le posizioni del complessivo.
i cilindri che scarico ( ad esempio Festo ), li modifico facendo tre rappresentazioni di posizione, tutto fuori, tutto dentro e flex, poi li metto nel complessivo con la rappresentazione opportuna.
per la catena portacavi faccio un assieme dove metto l' attacco fisso, quello scorrevole e la pancia.
l' attacco fisso è " inchiodato " e seguito da due maglie vincolate allo stesso attacco.
il lato scorrevole è formato allo stesso modo, vincolato su due assi ma libero di muoversi sul terzo rispetto all' attacco fisso.
la pancia la faccio con una parte vincolata allo stesso modo del lato scorrevole, che collego poi al complessivo con vincoli governati dalla rappresentazione di posizione.
allego pdf perch' è più facile da fare che da descrivere.

ciao.
 

Allegati

  • 885 KB Visualizzazioni: 45

folle76

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo Parametric 3.0, Solidworks 2016
Regione: -
#7
1) creo la parte di circa 1/3 di molla.
2) creo l' assieme con le due mezze parti posizionate alla lungh. libera.
3) faccio una configurazione di posizione ( FLEX ) rendendo mobile una delle due parti della molla.
4) posiziono l' assieme molla ( reso flessibile e con posizione FLEX ) nel complessivo.
5) se serve fare vedere le due o più posizioni dell' assieme, uso il configuratore di posizione.
Ho scelto di acquistare ProE per l'azienda per cui lavoro perchè il nome del prodotto è figo (in realtà l'ho anche testato a fondo, ma non ho fatto benchmark tra i CAD). Motivazione idiota, lo so, ma dopo aver sentito questa discussione della molla sono contento. L'unica cosa che non mi piace di ProE è che non ha un AutoLisp o qualcosa di simile o un VBA potente per aumentare l'interazione con Office. Scusate per il fuori tema.
 

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2016 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#8
ma dopo aver sentito questa discussione della molla sono contento.
per curiosità ho digitato nella " ricerca " del forum proE : " molla ".
non voglio polemizzare, a natale siamo tutti del partito dellammore, ma non ho capito perchè sei così contento.
non conosco proE ma le molle come le fa inventor non le fa nessuno.:biggrin:
( per quello che serve averle adattive poi ... )
anni fa mi sono ostinato per una settimana a fare una catena portacavi che si muovesse realmente, come fosse viva.
era un mio studio fatto in tempi di magra e mi è servito soprattutto per capire che quella ostinazione era solo perdita di tempo.

ps.: ho vinto io, la catena si muoveva benino, ma che sudata.

ciao.
 

Allegati

folle76

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo Parametric 3.0, Solidworks 2016
Regione: -
#9
Concordo con te che non è il caso di prodursi in un lunghissimo tira e molla di argomentazioni per una banale molla.
In ProE c'è il concetto di flessibilità che penso sia l'equivalente del vostro adattatività. Io posso inserire lo stesso componente X in vari assiemi rendendo (all'interno dell'assieme, non del componente) parametrizzabili quote del componente e/o sopprimendo/ripristinando feature di costruzione del componente stesso. Pertanto la stessa molla X potrà entrare in differenti assiemi assumendo infinite condizioni di precarico, senza chiaramente creare copie dello stesso componente. Ecco perchè mi facevano sorridere i vari tricks da voi escogitati per dare flessibilità ai componenti. Tutto qua. Non che in ProE non si facciano giochetti....se io ne faccio pochi è perchè forse non conosco a fondo il mio sistema CAD!

Per quel che mi fai vedere con il tuo progetto ti posso dire tranquillamente che io non faccio progettazione meccanica. I miei assiemi sono di pochi componenti e sono complessi solamente dal punto di vista della modellazione superficiale. Immagino sia stato complesso movimentare la catena...Va beh, se almeno non hai fatto colpo sul cliente o sul commerciale fanno cmq un certo effetto sui nipoti/figli/fratelli/donne(!?!?!) le animazioni cinematiche.
Prosit!
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#10
Ho scelto di acquistare ProE per l'azienda per cui lavoro perchè il nome del prodotto è figo .......
. L'unica cosa che non mi piace di ProE è che non ha un AutoLisp o qualcosa di simile o un VBA potente per aumentare l'interazione con Office. Scusate per il fuori tema.
Caro folle76, non conosci ancora bene Pro/e.
Primo, perchè non si acquista per il nome ... ma perchè funziona.
Secondo, perchè non hai idea di quanta programmazione si possa fare all'interno di Pro/E.
Quella più loffia consiste nelle API in visual basic, poi c'è il Pro/Program, poi ci sono una caterva di applicazioni ausiliarie personalizzabili.
Studere studere ....
 

folle76

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo Parametric 3.0, Solidworks 2016
Regione: -
#11
Beh, modestamente di programmazione ne so. VBA lo conosco molto bene, ho i rudimenti di sql server e applicativi VB forms ne ho fatti un bel po'. Ho imparato tutto da solo grazie alla volontà e al materiale che in rete abbonda. Ho fatto anche una web area riservata in ASP.NET.
Di Pro/Program, Pro/Toolkit e VB API c'è pochissimo in rete. La stessa azienda da cui ho comprato il software non sa bene di cosa sto parlando. I manuali in .pdf e la documentazione in linea (su Pro/Program in particolare) fa pena. Qualcosa ho combinato dopo molti sforzi. Dico solo che non c'è una comunity, non c'è fermento e materiale come AutoLisp per Autocad. Questa la mia esperienza. Non credo di essere imbranato nell'apprendimento, c'è qualcosa che manca in ProE o (per non ferire anime sensibili) che non mi piace.
L'unica cosa che ignoro totalmente è Windchill. Quello lo confesso. Ma la mia azienda è così piccola che per l'integrazione (minima) sistema gestionale-ProE non posso che affidarmi a piccoli applicativi scritti da me.
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#12
Beh, modestamente di programmazione ne so. VBA lo conosco molto bene, ho i rudimenti di sql server e applicativi VB forms ne ho fatti un bel po'. Ho imparato tutto da solo grazie alla volontà e al materiale che in rete abbonda. Ho fatto anche una web area riservata in ASP.NET.
Di Pro/Program, Pro/Toolkit e VB API c'è pochissimo in rete. La stessa azienda da cui ho comprato il software non sa bene di cosa sto parlando. I manuali in .pdf e la documentazione in linea (su Pro/Program in particolare) fa pena. Qualcosa ho combinato dopo molti sforzi. Dico solo che non c'è una comunity, non c'è fermento e materiale come AutoLisp per Autocad. Questa la mia esperienza. Non credo di essere imbranato nell'apprendimento, c'è qualcosa che manca in ProE o (per non ferire anime sensibili) che non mi piace.
L'unica cosa che ignoro totalmente è Windchill. Quello lo confesso. Ma la mia azienda è così piccola che per l'integrazione (minima) sistema gestionale-ProE non posso che affidarmi a piccoli applicativi scritti da me.
Mi dispiace che tu non abbia trovato risposte alle tue domande ma, questo non è un problema del programma, come hai asserito all'inizio, più semplicemente non sai dove raccogliere le informazioni.
Se l'azienda dalla quale hai acquistato le licenze non è in grado di indirizzarti vuol dire che non sono dei buoni rivenditori, perchè altrimenti si sarebbero comunque informati per fornire una risposta.

Se hai bisogno di contatti per chiarirti un pò le idee mandami un messaggio privato, io sono un normale utente ma, conosco molte persone informate sui fatti :biggrin::biggrin:.
 

Calimero

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: Vari
Regione: Italia
#13
per curiosità ho digitato nella " ricerca " del forum proE : " molla ".
non voglio polemizzare, a natale siamo tutti del partito dellammore, ma non ho capito perchè sei così contento.
non conosco proE ma le molle come le fa inventor non le fa nessuno.:biggrin:
( per quello che serve averle adattive poi ... )
anni fa mi sono ostinato per una settimana a fare una catena portacavi che si muovesse realmente, come fosse viva.
era un mio studio fatto in tempi di magra e mi è servito soprattutto per capire che quella ostinazione era solo perdita di tempo.

ps.: ho vinto io, la catena si muoveva benino, ma che sudata.

ciao.
è come dire che non ti piacciono le ostriche pur non avendole mai mangiate...:smile:
 

stefanobruno

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione caotica e notturna e Seguace Anonimo di Shiren :)
Software: Inventor 2016 - Autocad ( read only ) - Rhino un pochino
Regione: Piemonte,Torino
#14
è come dire che non ti piacciono le ostriche pur non avendole mai mangiate...:smile:
non ho capito a cosa ti riferisci.
comunque è vero, ostriche, molluschi e lumache mi fanno senso e non mi interessa se perdo qualcosa.

ciao.