accoppiamenti elastici

DarkAngel

Utente Junior
Professione: disegnatore tecnico
Software: lantek expert, solidworks 2014
Regione: Emilia romagna, Reggio Emilia
#1
mi sto dedicando alla realizzazione di una pompa a membrana, però nel assemblare i pezzi mi trovo in difficoltà con gli accoppiamenti, monto tutti i pezzi ecc ma accoppiando la membrana elastica (che come materiale ho definito gomma) non mi permette poi di muovere il modello assemblato.
questo è l'assieme:
Immagine.png
la parte nera è la mia flangia di gomma che dovrebbe muoversi su/giu scorrendo nella quida superiore tramite l'asta.
gli accoppiamenti sono: concentrico tra la parte inferiore e la flangia e tra la flangia e la parte superiore, e conicidente tra le facce della flangia e le rispettive parti fisse (parte inferiore/parte superiore)

qui si capisce meglio come sono divisi i vari assembaggi
Immagine2.png
e qui manca solo l'accoppiamento della coincidenza delle facce, e infatti posso muovere i pezzi solo sull'asse verticale
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#2
mi sto dedicando alla realizzazione di una pompa a membrana, però nel assemblare i pezzi mi trovo in difficoltà con gli accoppiamenti, monto tutti i pezzi ecc ma accoppiando la membrana elastica (che come materiale ho definito gomma) non mi permette poi di muovere il modello assemblato.
Mi sembra di capire che tu creda, avendo definito il materiale della membrana come "gomma", che sia possibile deformarla come se fosse di gomma reale e quindi applichi i vincoli che ci sono nella membrana vera.
Se le cose stanno così mi dispiace deluderti, perchè SWX non sente certo le proprietà del materiale in quel modo e per quello scopo, quindi quella membrana in assieme non si deformerà mai e il tutto sarà rigidamente vincolato come in effetti hai potuto constatare.
Se vuoi avere le deformazioni della membrana corrispondenti al movimento del piattello che la muove la devi modellare tutta nel contesto dell'assieme, usando ad esempio spline che simulano la curvatura della gomma al variare della posizione del piattello. Ti anticipo che la deformazione non avverrà in tempo reale ma, dopo lo spostamento in alto o in basso del piattello, dovrai rigenerare l'assieme perchè la forma della membrana si aggiorni.
 

DarkAngel

Utente Junior
Professione: disegnatore tecnico
Software: lantek expert, solidworks 2014
Regione: Emilia romagna, Reggio Emilia
#3
cioè mi devo disegnare io la membrana deformata per ciascuna posizione?
però cosi non è realistico, come facci a sapere se si deforma e di quanto? se si allunga o si lacera, ecc..

se nn ho capito male con la spline faccio ad esempio la posizione "completamente in basso"-"a riposo"-"completamente in alto" ma questo non mi da informazioni sulla sua fattibilita o sugli stress a cui e sottoposto il modello.

avendo visto che si poteva simulare ad esempio gli stress meccanici (tipo pesi o sforzi meccanigi tra ingranaggi) pensavo facesse anche i calcoli di deformazioni elastiche
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#4
cioè mi devo disegnare io la membrana deformata per ciascuna posizione?
Quanto alla semplice modellazione 3D ti ribadisco il concetto che se la membrana è modellata nel contesto dell'assime a ogni spostamento del piattello che la comanda la sua forma si aggiorna automaticamente in funzioe di come l'hai fatta (spline, archi, spline e archi ecc)

però cosi non è realistico, come faccio a sapere se si deforma e di quanto? se si allunga o si lacera, ecc..
se vuoi fare lo studio delle sollecitazioni/deformazioni di un qualsiasi componente ti serve un analisi FEM e devi essere capace di usarlo come si deve.

se nn ho capito male con la spline faccio ad esempio la posizione "completamente in basso"-"a riposo"-"completamente in alto" ma questo non mi da informazioni sulla sua fattibilita o sugli stress a cui e sottoposto il modello.
Vedi sopra.
Semplificando brutalmente (che io di FEM ne so tanto come di calcio :rolleyes:) con il CAD modelli delle forme dalle dimensioni prestabilite, col FEM fai il contrario, hai delle forme prestabilite e il FEM, se lo sai davvero usare, ti calcola le modifiche delle forme e gli sforzi in funzione dei carichi applicati.
 

DarkAngel

Utente Junior
Professione: disegnatore tecnico
Software: lantek expert, solidworks 2014
Regione: Emilia romagna, Reggio Emilia
#5
ok, grazie mille.
per me FEM è forza elettro motrice... ma nn credo tu ti riferisca a quello :) cerco qualche tutorial in giro al riguardo, grazie ancora!
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#6
ok, grazie mille.
per me FEM è forza elettro motrice... ma nn credo tu ti riferisca a quello :) cerco qualche tutorial in giro al riguardo, grazie ancora!
No guarda, se devi fare dell'analisi FEM cercando in giro dei tutorial lascia perdere. Fidati. O meglio non fidarti, documentati prima su cos'è il FEM e cosa bisogna conoscere per utilizzarlo consapevolmente poi vedrai che lascerai perdere o cambierai approccio, tipo prendere prima una laurea in ingegneria.
 

DarkAngel

Utente Junior
Professione: disegnatore tecnico
Software: lantek expert, solidworks 2014
Regione: Emilia romagna, Reggio Emilia
#7
Ok ho visto... E decisamente roba da ingegneria. Che io nn ho finito :(
Vabbe pazienza. Grazie lo stesso