Visualizza Risultati Sondaggio: Quanto guadagnate in media mensilmente? (by gianluca1991)

Partecipanti
132. Non puoi votare in questo sondaggio
  • < 750€

    3 2.27%
  • 750€ - 1.000€

    5 3.79%
  • 1.000€ - 1.250€

    26 19.70%
  • 1.250€ - 1.500€

    26 19.70%
  • 1.500€ - 2.000€

    40 30.30%
  • 2.000€ - 3.000€

    24 18.18%
  • 3.000€ - 5.000€

    5 3.79%
  • > 5.000€

    3 2.27%
Pagina 1 di 11 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 109
  1. #1
    Stefano_ME30
    Visitatore

    Predefinito [Recuperato] Quanto siete pagati

    allego il thread completo recuperato.
    Se e' di interesse si potrebbero reinserire i singoli messaggi.

    Ciao

    Stefano
    File Allegati File Allegati

  2. #2
    Moderatore CAE/FEM/CFD L'avatar di Matteo
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1999
    Professione
    Ingegnere meccanico
    Regione
    Lombardia
    Software
    Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM

    Predefinito

    Thread MOLTO interessante...

    In altri termini, parlando in ottica "LIBERA PROFESSIONE", si potrebbe raccogliere qualche dato giusto per confrontarsi, per esempio (i valori numerici sono riferiti a me):

    REGIONE = Lombardia
    N° LICENZE CAE* = 2
    IMPONIBILE per persona** = 25000-30000€
    ANNI da inizio attività = 2
    SETTORE = Calcolo 70%, Progettazione 30%

    * Cad,Fem,Cfd,...
    ** Nel caso di società di 2 o più persone
    MP-ProgettazioneMeccanica
    Progettazione Meccanica e Simulazione
    www.mp-progettazionemeccanica.it

  3. #3
    Super Moderatrice
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1376
    Professione
    SuperModeratrice
    Regione
    Reggio Emilia
    Software
    ND

    Predefinito

    galimba
    17-10-2005, 07.51.49

    Mi rivolgo ai lavoratori dipendenti progettisti; io sono ingegnere meccanico laureato da tre anni e mezzo, lavoro da tre anni ed il mio stipendio netto mensile è di 1050 euro circa. Conosco altre persone che si sono laureate con me e riescono al massimo a raggiungere i 1100-1200 euro netti al massimo.

    Parlando con loro, tutti dicono che dovrebbero prendere di più; allora mi chiedo, ma rappresentiamo un caso a parte, o c'è chi prende realmente stipendi più alti?

    Voi cosa prendete?



    PALLINO
    17-10-2005, 10.08.25

    Ciao galimba,
    trovo sempre molto interessanti questo genere di discussioni.
    Secondo ma è da premettere che la remunerazione dipende si dal titolo di studio e dall'esperienza ma anche dal settore in cui è inserito e dalla zona in cui esso e operativo,non è infatti un segreto che ci sono settori e zone più ricche (ma anche più care)di altre.
    comunque mi sembra utile dare delle cifre per non lasciare tutto nel teorico.
    io opero su brescia dove un "disegnatore-progettista"con un esperienza nella stessa ditta di più o meno tre anni può arrivare tranquillamente intorno ai 1500-1700 € mese titolo di studio sufficiente per questa remunerazione e il perito meccanico,da ingegnere si può prendere qualcosa di più come partenza ma poi ci si stabilizza e la differenza la fà la persona.

    io stesso nel 2000 anno in cui mi son messo in proprio lavoravo in una ditta costruttrice di macchine transfer da tre anni e prendevo circa lire 3.500.000-3.800.000 al mese.

    penso quindi che tenendo conto di tutto i mille-milleduecento € da te esposti siano un pò pochi.
    Ciao PALLINO


    tresso
    17-10-2005, 11.20.54

    Ciao a tutti, anche io lavoro da cinque anni in provincia di Bergamo per un ufficio di progettazione di impianti, il mio stipendio è di circa 1200 euri sono diplomato e prima ho fatto un pò di esperienza in officina e lavorando d'estate come meccanico nell'azienda del mio paese (caseificio). Nell'ufficio siamo in pochi e dobbiamo fare un pò tutto quindi io vado a seguire le officine e vado del cliente (estero) per seguire il montaggio. Effettivamente mi sembra poco il tuo stipendio tenendo conto che sei pure laureato, il problema è effettivamente che non esiste un metro di valutazione della retribuzione in certi posti di lavoro (come gli uffici tecnici) mentre nelle multinazionali o nelle grosse aziende sei sicuramente "difeso" (questo è quello che mi ha detto un mio amico che ha lavorato per la Siemens ed ora lavora all'Italcementi). Non posso dubitare...


    spr2003
    17-10-2005, 21.18.34

    Effettivamente il titolo di studio dovrebbe fare la differenza, sia perchè un laureato non è più un ragazzino, e sia perchè lo studio è stato per molti anche un investimento. Io non mi posso lamentare, guadagno quasi il doppio di Galimba, ma ho anche un'età quasi doppia. Lavoro in una piccola azienda, e seguo sia la progettazione che la realizzazione di impianti. (PED, sicurezza, certificazioni, disegni 2D) e avvio la parte di preventivazione con computi metrici mirati. Normalmente presenzio ai collaudi più significativi. Ultimamente mi occupo anche di telegestione. I titolari si occupano del personale, delle manutenzioni, della parte commerciale e della parte amministrativa. Come vedi mi manca solo di attrezzarmi per lavare i vetri e poi copro tutta la gamma....... ;-)

    Chiedo scusa per l' O.T.: qualcuno va all'IKK di Hannover?



    Gianca81
    20-10-2005, 13.06.56

    E vi lamentate!!!
    Va bene, sarò pure giovane (24 anni) e lavoro da poco più di un anno.... ma mi sa che tra le vostre belle cifre... io sono quello che se le sogna.
    Prendo 830 Euro netti al mese.
    Sono disegnatore in uno studio di progettazione impianti elettrici a Torino, e nello studio dove lavoro sono l'unico che usa AutoCAD.... diciamo che principalmente eseguo disegni planimetrici e particolari costruttivi.
    Dimenticavo sono perito meccanico!

    Sognando i vostri 1000 e passa euro!!!
    Gianca!



    longo
    23-10-2005, 11.51.27

    Salve a tutti, io credo di essere quello messo peggio di tutti, sono cinque anni che lavoro con il CAD, realizzo superfici matematiche tra le più disparate, dai modelli realizzati da disegni cartacei al reverse enineering, spesso mi capita di dover spiegare ad ingegnieri come realizzare dei particolari, pur essendo diplomato come Tecnico delle Industri Elettriche.
    Prendo solamente 950 euro.....sono un po pochini considerando il fatto, che quando si realizza un modello e poi si fa lo stampo, e qualcosa non va bene la responsabilità è la mia.
    Voi che ne dite?

    Grazie a tutti :-)



    PALLINO
    24-10-2005, 09.53.49

    E vi lamentate!!!
    Va bene, sarò pure giovane (24 anni) e lavoro da poco più di un anno.... ma mi sa che tra le vostre belle cifre... io sono quello che se le sogna.
    Prendo 830 Euro netti al mese.
    forse dovresti lamentarti tu!!! :-(

    Prendo solamente 950 euro.....sono un po pochini considerando il fatto, che quando si realizza un modello e poi si fa lo stampo, e qualcosa non va bene la responsabilità è la mia.
    va bè che il periodo e negativo però penso non sia impossibile trovare qualcosa di meglio.
    Resto abbastanza di stucco
    ciao,PALLINO



    tresso
    24-10-2005, 10.08.44

    Gianca81 vorrei chiarire (magari il mio post può fare dubitare) che non mi sto assolutamente lamentando per lo stipendio, anzi capisco di essere fortunato in un periodo come questo :-) .Il problema comunque resta il fatto che un laureato a mio avviso non può essere sottoretribuito in maniera simile perchè significa tagliare le gambe ad una persona che è rimasta sui libri per poter migliorare le proprie conoscienze e, che sicuramente a livello metodologico porta un miglioramento al lavoro e un aggiornamento delle tecniche lavorative. Sul fatto che tu lavori da un'anno e mezzo e porti a casa 830 euri netti ti dico non è male per iniziare, io ne prendevo circa 700 all'inizio e in più vado sui cantieri a seguire il montaggio (all'estero). Ho un'amica che lavora per un'ufficio di architettura e prende 500 euri scarsi... E' chiaro il tuo stipendio deve crescere tenendo conto che sei pure l'unico che usa Autocad (quindi diventerai sempre più indispensabile nella gestione delle commesse) ma ribadisco come inizio non è da buttare ;-)
    ciao
    Tresso



    longo
    24-10-2005, 19.32.41

    forse dovresti lamentarti tu!!! :-(
    va bè che il periodo e negativo però penso non sia impossibile trovare qualcosa di meglio.
    Resto abbastanza di stucco
    ciao,PALLINO
    Resti di stucco per gli stipendi?



    PALLINO
    25-10-2005, 08.43.51

    Resti di stucco per gli stipendi?
    sicuramente per gli stipendi!
    Visto che non penso di essere un genio da sovrappagare nè ritengo di essere cresciuto,lavorativamente parlando,in un isola felice in cui regalano gli stipendi mi viene il dubbio che 5/10 anni fà la nostra professione (o forse tutte) fosse pagata in maniera più onesta.
    massima solidarietà.....ciao,PALLINO.



    longo
    25-10-2005, 18.00.49

    sicuramente per gli stipendi!
    mi viene il dubbio che 5/10 anni fà la nostra professione (o forse tutte) fosse pagata in maniera più onesta.
    massima solidarietà.....ciao,PALLINO.
    Già ma spero che le cose presto cambino, ma sicuramente mi farò sotto, e se non mi sarà dato il giusto stipendio probabilmente cambierò azienda.... :-)

  4. #4
    Super Moderatrice
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1376
    Professione
    SuperModeratrice
    Regione
    Reggio Emilia
    Software
    ND

    Predefinito

    Cpt.Friuli
    25-10-2005, 19.43.02

    bè dai mi pare che quello che se la passava peggio fino a gennaio ero io...
    lavoravo con 3ds max, con photoshop, con solidworks a volte, assemblavo pc e se avevano rogne li aggiustavo a volte e prendevo 830.da precisare che se stavo a casa per un influenza mi venivano tolti i giorni di assenza dalla paga erchè era un contratto a progetto (fatto in modo che andasse bene a chi mi faceva lavorare)
    da li mi sono messo in proprio e ho iniziato a lavorare benino circa un mese e mezzo fa, ma è ancora abbastanza duretta.ma il capitano non molla l'osso.
    Almeno adesso in un mese ho preso quello che prima prendevo in 4 mesi.Anche se devo pagare poi l'iva e tutto il resto, almeno se ho voglia di lavorare di notte e dormire di giorno non ho nessuno che spacca.
    sarebbe ora che si facessero dei prezzi minimi a cui le ditte debbano adeguarsi, che so...disegnatore 2d 1200€ al mese minimo, disegnatore 3d 1300€ ecc ecc...sono cifre sparate ma è l'idea che conta.



    PALLINO
    26-10-2005, 07.31.32

    sarebbe ora che si facessero dei prezzi minimi a cui le ditte debbano adeguarsi, che so...disegnatore 2d 1200€ al mese minimo, disegnatore 3d 1300€ ecc ecc...sono cifre sparate ma è l'idea che conta.
    ottima idea :-) ma se pensi che non riusciamo a stabilire un listino neanche per i collaboratori esterni :-( pensa poi ad andarlo ad imporre ai datori di lavoro :-(

    da li mi sono messo in proprio e ho iniziato a lavorare benino circa un mese e mezzo fa, ma è ancora abbastanza duretta.ma il capitano non molla l'osso.
    di cosa ti occupi adessso??


    Akira73
    26-10-2005, 09.04.07

    ciao a tutti,
    premetto che sono laureato e mi occupo di design, quindi oltre al programma 3D uso photoshop e molto altro, in più la maggior parte ( la principale) del lavoro è d'ingegno per nuove soluzioni e nuove forme.
    Sono passato da prestazioni occasionali da 4000 euro per progetto ad un lavoro con ritenuta d'acconto mensile da 600 euro al mese, il tutto a milano, città in cui la gente ( designers) viene sfruttata e spremuta.
    Ora ho deciso di passare alla libera professione a Brescia con una collaborazione annuale viaggio sui 2100 lordi, essendo il primo anno di prova mi accontento, ma sto già trattando per il prossimo anno e pare che da 25000 annuali si passi oltre i 35000.
    Sono sempre cifre basse per come la vedo io, però c'è da considerare che essedo libero professionista posso aumentarla con lavori per altri committenti.
    Il mio stesso lavoro ma con una posizione da responsabile in quest'azienda ( conta che siamo in 2 nell'iufficio) supera i 75000 euro all'anno. :-(



    PALLINO
    26-10-2005, 09.56.40

    Ora ho deciso di passare alla libera professione a Brescia con una collaborazione annuale viaggio sui 2100 lordi, essendo il primo anno di prova mi accontento, ma sto già trattando per il prossimo anno e pare che da 25000 annuali si passi oltre i 35000.
    be per il primo anno mi sembra ragionevole,non mi dire che è brescia l'isola felice
    esattamente di cosa ti occupi????



    Cpt.Friuli
    26-10-2005, 11.56.25

    ottima idea :-) ma se pensi che non riusciamo a stabilire un listino neanche per i collaboratori esterni :-( pensa poi ad andarlo ad imporre ai datori di lavoro :-(
    di cosa ti occupi adessso??
    adesso mi ocupo sempre di grafica 3d, collaboro con un paio di studi che fanno il mio mestiere ma che hanno troppo lavoro per farlo da soli e direttamente con altre aziende, sia in campo pubicitario, edile che dell'animazione televisiva, anche se un po' meno quella.
    è un lavoro che mi piace da morire perchè per me è un gioco.non guardo mai gli orari e ho continua voglia di mgliorare e di fare le cose bene anche se non mi chiedono rendering di buona qualità.Io li cerco di fare bene ugualmente magari chiedendo lo stesso prezzo perchè non mi va di far girare rendering modello autocad.
    forse sbaglio, vedremo nel tempo...



    Akira73
    26-10-2005, 17.44.09

    be per il primo anno mi sembra ragionevole,non mi dire che è brescia l'isola felice
    esattamente di cosa ti occupi????
    beh ragionevole fino ad un certo punto perchè per il primo anno mi hanno imposto l'esclusiva, quindi quello era il mio unico reddito.
    Per l'anno prossimo si discuterà se lasciarmi libero di fare altri lavori con una cifra mediata o se mantenere l'esclusiva ma aumentando il compenso.

    Ora mi occupo del settore casalingo/cucina ovvero pentole manici caffettiere e qualche accessorio casalingo ( sale pepe, porta qualcosa ecc ecc) forse a breve ci si allargherà anche nell'elettrodomestico ( che poi è la mia origine).

    Forse non sbaglio se dico che la periferia di milano e quella di brescia offrono molte più opportunità che altre zone, e sopratutto a brescia si è trattati come persone prima che professionisti, al contrario le mie precedenti esperienze milanesi mi hanno deluso sotto il profilo dei rapporti umani..per non parlare dei compensi....



    tresso
    27-10-2005, 08.39.58

    personalmente (e molto liberamente) ti consiglio di forzare un pò la mano sul contratto di esclusiva, io lavoro a progetto per un solo cliente in questo momento (sigh! :-( ) ma i contratti di esclusiva in un periodo come questo è meglio evitarli. Almeno io cerco sempre di tenere una porta aperta a tutti... Poi è chiaro che tu firmi con uno e a livello di segretezza del lavoro che stai sviluppando non ci sono dubbi, ma se mi viene proposto un lavoro per un'altro campo io non voglio tirarmi indietro, anche solo per una questione di conoscienze.
    ciao
    Tresso



    Akira73
    27-10-2005, 11.45.21

    ... Poi è chiaro che tu firmi con uno e a livello di segretezza del lavoro che stai sviluppando non ci sono dubbi, ma se mi viene proposto un lavoro per un'altro campo io non voglio tirarmi indietro, anche solo per una questione di conoscienze.
    ciao
    Tresso
    concordo ed infatti cerco di mantenere la libertà di lavorare almeno in settori differenti da quello del committente per non fossilizzarmi e impoverirmi di idee.
    anche perchè il lavoro non credo andrà avanti per più di 3/4 anni al massimo, quindi scollegarmi totalmente da altri committenti significa metterci almeno 6 mesi per trovare un nuovo cliente.



    ric38FEM
    27-10-2005, 12.40.24

    Ciao a tutti,
    vorrei contribuire anch'io a questo "censimento" di stipendi.
    Mi sono diplomato Tecnico delle Industrie Meccaniche in provincia di Venezia e sono stato assunto da un azienda sempre della provincia di Venezia dopo due mesi dall'esame di maturità.
    Sono partito che come stipendio prendevo sugli 800€ al mese ed ora dopo 3 anni di lavoro a 22anni ne prendo 1200€ netti al mese.Se poi contiamo anche che qualche ora di straordinario la faccio, arrivo a prendere 1400€-1500€ al mese.
    Penso di essere l'ultimo a dovermi lamentare (credo).

    Ah, dimenticavo, mi occupo di progettazione di casseri (stampi) per cemento armato precompresso.
    Grazie per l'attenzione, alla prossima

  5. #5
    Super Moderatrice
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1376
    Professione
    SuperModeratrice
    Regione
    Reggio Emilia
    Software
    ND

    Predefinito

    Jos
    27-10-2005, 13.54.08

    Mah. La discussione sul compenso dei disegnatori sta diventando una barzelletta. Credo che fra un po' saremo al posto dei carabinieri!
    Espongo la mia situazione:
    Ho 46 anni, lavoro ad Autocad dal 1985. Uso lightwave, rhinoceros ed altri software di grafica. Ho fatto il disegnatore tecnico, il grafico pubblicitario, il designer industriale, specializzato in modellazione 3d. Ho dovuto anche imparare a fare siti web. Bene! Per poter guadagnare 1000 euro al mese sono costretto, oltre a fare da disegnatore, progettista, ecc., a fare da ragioniere, commercialista, segretario, autista e garzone. Ho girato decine di studi tecnici e aziende, ma la situazione è sempre la stessa. Si è fortunati SE si è pagati. Nessuna tutela, nessun diritto e tante tasse da pagare. Tutto ciò per 5 €/ora.
    Quando sento parlare di disegnatori che guadagnano 20-30€/ora mi sorge un dubbio amletico: sono io un coglione o sono io uno stronzo? Mah!
    E' possibile che l'unica soluzione è quella di emigrare?



    7design
    27-10-2005, 15.40.00

    io sono perito meccanico faccio il disegnatore progettista ormai da 8 anni (in due aziende diverse) ed attualmente guadagno 1300 euro al mese
    il mio settore è quello degli elettrodomestici e progetto il prodotto costituito per lo più di particolari in lamiera e plastica ingegnerizzati da passare al fornitore
    oltre a disegnare/progettare comunque mi occupo di realizzare prototipi (nei limiti del possibile) o seguirne la realizzazione esterna, fare prove sul prodotto, seguire l'avvio produzione ed eventuali problemi di qualità
    ovvio dire che sono in una piccola azienda e alcune volte sono sommerso dal lavoro e/o dai casini comunque per come sono fatto io sempre meglio che stare 8 ore a disegnare davanti al computer che per quanta passione uno può avere diventa dopo un pò noioso
    c’è da dire che comunque secondo me non è che perchè uno sà usare un cad (3d o non) può pretendere chissà quale cifra : tenete conto che comunque il cad è uno strumento (magari in alcuni settori attualmente indispensabile) ma la differenza la fà il cervello di chi lo usa e l'esperienza sul lavoro non il cad

    è vero in molti casi vedo ingegneri che vengono pagati meno di periti industriali con esperienza e magari questo può sembrare ingiusto però è anche vero che nel 90% dei casi se chiedi ad un ingegnere di alzare il culo dalla sedia te lo puoi scordare (perché lui E’ ingegnere) mentre un perito è molto più flessibile e si adatta a fare diverse cose (parlo per esperienza personale non solo del mio caso) e questo è quello che serve alle piccole e medie aziende (certo non è il caso della FIAT o aziende con burocrazie da ministero data la loro grandezza)

    ripeto questa è solo la mia opinione condivisibile o meno d’altronde siamo in un forum



    Jos
    27-10-2005, 16.01.14

    Non capisco cosa intendi, 7design. Cosa vuoi dire? Credi che da 20 anni io stia davanti al monitor a fare linee e cerchi? E' ovvio che è l'esperienza acquisita nel proprio settore che fa la differenza. E' ovvio che il cad è solo uno strumento. Ci mancherebbe altro. Altrimenti non esisterebbero i disegnatori.
    Non capisco. Scusa ma mi sembra che il tuo ragionamento sia un po' superficiale. Senza voler approfondire altre affermazioni che fai tipo: "il 90% degli ingegneri non vuole alzare il culo dalla sedia" !?!
    Ci manca solo che dici che la disoccupazione non esiste, ma esistono solo gente che non ha voglia di lavorare. Scusami, eh? Non ce l'ho con te.



    tresso
    27-10-2005, 16.43.41

    non ho capito gli ultimi post di Jos e 7design.
    Per Jos: in che zona lavori? Io parlo per quello che vedo in provincia di Bergamo e devo dire che qui c'è chi è in difficoltà e chi viaggia di brutto... Ma le retribuzioni che girano anche negli uffici tecnici penso siano quelli che ho detto per me (1200 euri) poi è chiaro che all'interno degli uffici devi fare un po tutto (noi siamo in 4!).
    7design: riguardo al fatto che un'ingegnere non alza il c..o quello non è un problema di diploma ma di persona, però uno che studia e si fa un c..o per alcuni anni a Ingegneria (io ho fatto il primo anno ma ero troppo un'asino) deve essere riconosciuto come tale. Poi è chiaro che se tu dimostri di essere decisivo nella tua azienda allora puoi "battere i pugni" sul tavolo del tuo capo ;-)
    ciao
    Tresso



    Jos
    27-10-2005, 16.49.35

    X tresso
    Lavoro in provincia di salerno. E piccole o medie o grandi aziende non fa differenza. Sono da solo in ufficio e lo stipendio che dicevo è in nero. Niente contributi nè altro.



    7design
    27-10-2005, 17.04.18

    avete ragione scusate l'opinione sugli ingegneri mi è sfuggita ed ho generalizzato troppo forse preso dall'esempio di quelli che conosco..... ed alcuni episodi che mi sono capitati di recente......

    x jos
    parlavo in generale quello che sai fare tu non posso saperlo........ comunque dalle mie parti un progettista meccanico con 20 anni di esperienza credo che non prenda meno di 1500 euro (conosco un progettista stampi che ne guadagna 2500)......... forse nel tuo caso è proprio la zona che ti penalizza




    Jos
    27-10-2005, 17.15.28

    x 7design
    forse hai ragione .... il mio è proprio un posto di merda ... almeno per lavorare.
    Io mi sono sempre affidato al principio che se sai lavorare sarai anche pagato e meglio lo sai fare e più sarai pagato.
    Non è così. Ed il cretino sono sempre io ... perchè visto che non si può cambiare se stessi .... allora devi cambiare il tuo ambiente, nel senso che devi fare le valigie.
    Ok. ci siamo chiariti ... spero



    Gianca81
    29-10-2005, 12.06.49

    Queste situazioni economiche fanno piacere!!!
    E' una battuta sarcastica.
    Palrando di me, come accennato prima prendo poco, però come diceva qualcuno sono all'inizio... poi vabbè il mio capo è fissato che io essendo perito meccanico ragiono così e non da perito elettrico... ma questi sono pareri... alla fine sono io che mi mazzulo i disegni, i particolari costruttivi che ho fatto nascere dallo schermo nero di autocad, dandogli una forma ed uno stile quasi reale.
    Attualmente mi sto facendo le ossa, poi si vedrà!
    Nel poco tempo libero... cerco di imparare altri software di grafica come 3dmax ed accrescere la mia figura professionale.
    Gianca




    longo
    29-10-2005, 15.45.53

    Sono completamente daccordo con Gianca, anche perchè abbiamo la stessa età. Io lavoro da cinque anni col cad 3d e prendo sui 950 euro.... ho capito che nelle cose che ho imparato a fare sono bravo, ma ho capito anche che il mio capo non ha molta volgia di dare l'aumento.. e sopprattutto dentro alla mia azienda non si cresce....perciò anch'io quando ho un minuto libero cerco di dedicarlo ad imparare ad usare software come 3dmax o rhino...perchè ho capito che se non mi arrangio io, non crescerò mai... professionalmente parlando....

  6. #6
    Super Moderatrice
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1376
    Professione
    SuperModeratrice
    Regione
    Reggio Emilia
    Software
    ND

    Predefinito

    dz-italian-design
    29-10-2005, 16.18.13

    ciao a tutti, sono nuovo, in confronto a voi sono un pupetto, ho 18 anni e studio all'accademia italiana di design a firenze.

    da quello che ho visto l'unica soluzione è emigrare, ed è quello che farò di sicuro, io devo fare tre anni qui, che mi daranno diploma e laurea riconosciuta dalla' university of wales, e poi master in design a milano.

    una mia amica che ha concluso il ciclo di studi che sto seguendo, dopo tre mesi dalla fine del master, a londra, prendeva 5000 euro al mese, e non è una cavolata, lei è molto brava, ma fuori la richiesta è maggiore.

    cioè fuori dallìitalia ci cercano, voglio lo stile italiano ed è li che uno deve essere coraggioso per prendere scelte così drastiche.
    Dimitri



    Akira73
    29-10-2005, 16.41.18

    non voglio infierire, ma ho chiesto anche io per lavori a londra ecc ecc... e mi sa che la tua amica si fa un pò grande, ho molti dubbi che venga pagata 5000 euro, io al massimo ho sentito di 1000 sterline ovvero 1500 euro per un junior designer ( e credo si parli di junior se si è appena diplomata ).
    Se parli di compenso con p iva allora mi sembra lo stesso alto ma più plausibile, sempre se lordo.



    dz-italian-design
    29-10-2005, 16.47.20

    si hai ragione, io le credo ma è sempre una cifra molto alta...mio padre subito mi ha detto : "ma quanti se ne è fatti?????"

    ma come in tutte le cose, secondo bisogna saperci fare con le pubbliche relazioni, cioè riuscire ad emergere dagli altri...un esempio pratico..philippe starck, è sempre stato una grande designer, ma non conosciuto molto al di fuori della francia, poi è riuscito a fare la casa per chirac e adesso è uno dei più famosi del mondo...

    bisogna riuscire a vendere nel modo migliore il proprio prodotto o lavoro...



    davide75
    01-11-2005, 13.33.40

    salve!!
    contribuisco anche io alla discussione di quanto siamo pagati!!!
    Sono ing. meccanico di 30 anni che si è laureatoi a 28 e lavoro da circa due anni in uno studio di progettazione meccanica nuda e cruda, cioè noi cerchiamo di progettare quello che ci propone il cliente dalle macchine utensili che è il nostro campo principale e di forza, alle linee automatiche o prototipi.Ecco io ho iniziato con uno stipendio di circa 980 euro con un inquadramento di livello 4.....a leggere nel forum forse sono nella fascia media bassa perche quello che mi ha fregato è il fatto di non avere avuto esperienza!!!io so usare me10 gbg solid edge e per diletto ai tempi dell'universita ho imparato ad usare workingmodeler che poi è diventato visual nastran e microstation 98.
    in piu ho imparato ad usare vari applicativi cad come geratrax e via discorrendo, ma questo sempre per diletto personale!
    mi sa che devo farmi aumentrar elo stipendsio e 'l'inquadramento vero??aleno verso i 1200-1300??
    voi che dite??



    c3kko
    01-11-2005, 15.52.07

    Io lavoro da neanche 1 anno in una ditta di arredamenti nautici che lavora per gli yatch di lusso di Viareggio (Benetti, Azimuth...). Lavoro soprattutto con Alphacam e carico i pezzi su pantografo CNC. prendo 1000 euro netti al mese e non mi lamento per ora, visto che ho 21 anni e poca esperienza.. e mi son fermato alla maturità scientifica :-)



    Akira73
    02-11-2005, 09.08.06

    A Brescia so per certo che i designers dipendenti negli studi prendono come entrata tra i 900 e i 1000 euro in busta paga.
    Mi sembra onesto, ma so anche che fuori brescia nelle grandi città, si parte dai 600 con ritenuta d'acconto ai 1300 con p.iva ma lavorando in studio con orari da dipendente..
    Compensi reali, giuro!!
    giudicate voi.



    maca75
    05-01-2006, 16.43.12

    Salve a tutti
    Volevo anch' io dare il mio contributo a questa diatriba sullo stipendio...
    Lavoro come disegnatore CAD da ormai 10 anni , appena uscito da scuola, e al inizio venivo pagato 450.000 lire e spendevo 400000 lire al mese per raggiungere lo studio dove lavoravo ora finalmente dopo un pò di gavetta e di fortuna il mio stipendio si aggira sui €1400 .
    A volte mi sembrano adeguati però per raggiungere questo "livello" devo occuparmi dei disegni costruttivi , di manualistica, schemi elettrici e disegni di layout di 26 tipologie di macchine diverse .
    Per il mio lavoro uso principalmente uso autocad, anche se stiamo passando ad solildworks sperando che alleggerisca un pò il lavoro, e altri software tipo photoshop che per passione mi sono imparato.
    Per finire volevo solo dire che io ho ottenuto i miei "scatti " in avanti solo quando l' azienda per cui lavoro a avuto paura di "perdermi" .
    Volevo anche sottolineare il fatto dell' appagamento non economico del lavoro che si fa, perchè conosco alcuni miei ex colleghi che per il miraggio di un gran guadagno si trovano a correre e a produrre disegni relazioni e quant altro come un operaio che lavora a Catena.
    Se posso permettermi di dare un consiglio a chi inizia è il seguente , portate un pò di pazienza cercate di diventare "indispensabili" nel Vostro ruolo , valutando continuamente il vostro lavoro, e quando lo sarete potrete farvi avanti anche con le vostre richieste economiche.
    Spero infine che ogni uno di noi trovi la soddisfazoine che cerca.
    Michele



    Gianca81
    06-01-2006, 14.47.58

    Grazie Maca per la tua testimonianza.
    In aprticolare la tua azienda di cosa si occupa? Ora te lo chiedo perchè leggendo il tuo post fai schemi elettrici e sei perito meccanico... cosa che a molti può sembrare strano o far storcere il naso!
    io come te sono un per. meccanico ma al momento disegno impianti elettrici e se devo dire la verità non è facile.
    Però se me ne vado da dove sto, loro sanno di perdere un disegnatore, se non l'unico dello studio!!! Io mi devo inventare a volte dei particolari costruttivi da zero... cose che altri nello studio non sarebbero capaci. E guadagnare anke 4 spiccioli.



    maca75
    09-01-2006, 22.02.22

    Ciao gianca81
    Forse non sono stato molto chiaro , non mi occupo solamente di schemi elettrici , ma costruendo macchine per lavorare marmo e granito devo "stendere" anche lo schema elettrico della macchina , premetto che più che altro è una stesura" grafica" dettata dal nostro reparto elettrico e non una progettazione dello schema stesso.
    Comunque credo che non si debba pensare come una cosa strana un perito meccanico che fa schemi elettrici , personalmente lo vedo come un opportunità in più .
    Spero di essere stato più chiaro :-)
    ciao



    doucable
    11-01-2006, 21.20.11

    il "passo" lo si fa avendo in mano con quanta certificazione è possibile uno strumento possibilmente basato sull'informatica avanzata. Tolti i colossi le medie azienda si concentrano standardizzando i loro prodotti quindi di shuttle se ne fanno più pochi e sempre meno.

    Di questi tempi è meglio intendersi di PC che di meccanica in quanto abbassare i costi vuol dire sempre meno ingegnerizzazione e tempi sempre più brevi per le consegne.

    Gestire commesse e creare piccole varianti in modo semplice e veloce è la chiave per il futuro.

    Poche aziende investono in prototipi.

    Il disegno è destinato a svilupparsi sempre meno in quanto a ricerca.



    MauroTC
    16-01-2006, 12.19.23

    Se può esservi d'aiuto c'è una sorta di database nazionale (in pratica è fatto dagli utenti che immettono i dati e dovrebbe quindi autoaggiornarsi), dal quale si può avere un'idea proprio di massima per le retribuzioni medie.
    Se volete provare:

    http://www.quantomipagano.it

    Ciao
    Mauro



    haga78
    20-01-2006, 11.07.21

    Salve a tutti! Sono nuovo e con questo mio primo post colgo l'occasione per salutare tutti :-)
    Vorrei avere un vostro consiglio, dato che dai vostri avatar vedo che siete molto esperti: io sono un neolaureato in ingegneria meccanica secondo il vecchio ordinamento (quello di 5 anni per comprenderci) e non ho avuto alcuna esperienza lavorativa.
    Ora mi è stato proposto un lavoro come disegnatore per una ditta di discrete dimensioni, anche se il lavoro principale dell'azienda non è il disegno.
    Essendo nella posizione che vi ho descritto mi hanno proposto 800 euro e un contratto di 3 mesi (in prova)....che faccio ??
    La mia idea è quella comunque di accettare, poichè comunque vadano poi le cose tra 3 mesi ho qualcosa in più da scrivere sul mio curriculum e la sede di lavoro è vicino casa. Però l'idea non mi entusiasma, sia per la retribuzione e il periodo di lavoro, sia perchè è come ho detto un lavoro di "contorno" dell'azienda (anche se comunque necessario)....

  7. #7
    Super Moderatrice
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1376
    Professione
    SuperModeratrice
    Regione
    Reggio Emilia
    Software
    ND

    Predefinito

    stefano_ME30
    20-01-2006, 11.21.03

    Salve a tutti! Sono nuovo e con questo mio primo post colgo l'occasione per salutare tutti :-)
    Vorrei avere un vostro consiglio, dato che dai vostri avatar vedo che siete molto esperti: io sono un neolaureato in ingegneria meccanica secondo il vecchio ordinamento (quello di 5 anni per comprenderci) e non ho avuto alcuna esperienza lavorativa.
    Ora mi è stato proposto un lavoro come disegnatore per una ditta di discrete dimensioni, anche se il lavoro principale dell'azienda non è il disegno.
    Essendo nella posizione che vi ho descritto mi hanno proposto 800 euro e un contratto di 3 mesi (in prova)....che faccio ??
    La mia idea è quella comunque di accettare, poichè comunque vadano poi le cose tra 3 mesi ho qualcosa in più da scrivere sul mio curriculum e la sede di lavoro è vicino casa. Però l'idea non mi entusiasma, sia per la retribuzione e il periodo di lavoro, sia perchè è come ho detto un lavoro di "contorno" dell'azienda (anche se comunque necessario)....
    Parlando di avatar, quarda il mio e vedi se sembro esperto (in realta' non so nemmeno chi sia!). Per quanto riguarda il lavoro che ti hanno proposto, ti consiglio, senza riserva, di accettare subito e entrare cosi' nel "sistema".
    Ti fai un po' di esperienza e quando avrai capito (presto purtroppo) che il disegno e' e sara' sempre un "accessorio" in questo mondo di "pizzettari" avrai perfettamente l'idea del nostro lavoro.
    Noi siamo lo scoglio, l'ostacolo alla transizione economica tra il "cliente" (quello che paga per l'oggetto della "produzione") e il "fornitore" quello che smadonna perche' "la progettatura" non arriva e in "officina" non possono fare la "produzione".
    Ecco perche' un tornitore (e anche la donna di servizio che fa le pulizie a casa del "padrone") sono disposti a pagerlo di piu' (anche il triplo) e da subito, perche loro (i tornitori) fanno "la produzione" e loro (le donne di servizio) effettuano un "servizio" mentre noi "disegnatori" facciamo solo rallentare la "produzione" di denaro (e oltre tutto pure ne vogliamo un po').

    stefano
    P.S.:non ti scoraggiare io scherzo sempre (vedi i miei post).
    P.P.S.: pero'......
    :-)



    Keown
    24-01-2006, 11.47.02

    Salve a tutti, ho incrociato questo forum e devo dire che è molto interessante. Inanzitutto mi presento, mi chiamo Martino e sono il titolare di un'azienda che progetta e costruisce cilindri oleoidraulici.
    In ditta usiamo Autocad ma stiamo attualmente trasportando tutti i disegni su Solidworks.
    Per quanto riguarda l'argomento del thread vorrei dare la mia opinione, per quanto possa contare.
    Il mio consiglio a chi vuole intraprendere la professione di disegnatore/progettista ed ha poca esperienza nel settore: forzate il vostro capo ufficio, insistete nel voler andare in officina, in produzione. Andate a vedere, passateci più tempo possibile, andate a vedere quali sono i reali problemi che s'incontrano in produzione e non fermatevi a voler fare solo il progettista, col tempo potrete chiedere di più. Parlo con molti uffici tecnici di varie aziende e molti di questi non sanno nemmeno cos'è una chiave a mezzaluna...



    MauroTC
    25-01-2006, 09.08.34

    ...
    Il mio consiglio a chi vuole intraprendere la professione di disegnatore/progettista ed ha poca esperienza nel settore: forzate il vostro capo ufficio, insistete nel voler andare in officina, in produzione. Andate a vedere, passateci più tempo possibile, andate a vedere quali sono i reali problemi che s'incontrano in produzione e non fermatevi a voler fare solo il progettista, col tempo potrete chiedere di più. Parlo con molti uffici tecnici di varie aziende e molti di questi non sanno nemmeno cos'è una chiave a mezzaluna...
    Condivido alla grande!!!
    Un anno di "gavetta" in officina dovrebbe essere "imposta" a tutti, ingegneri inclusi, prima di sedesri alla scrivania.
    Io sono disegnatore (non voglio abusare del titolo progettista) da 17 anni. Prima di questi 17 ne ho passato uno in due diverse ditte a fare, il carpentiere su una e l'operatore ad un centroflex nell'altra.
    Beh non immaginate quanto può avermi aiutato nella mia crescita questo anno, a "mordere il ferro" , ... oops, l'acciaio.
    Toccarlo con mano, prendere in mano il cannello, la mola, la saldatrice, ecc...; Tutto ciò fa rendere conto di cosa significa scrivere una cosa sulla carta e doverla mettere poi in pratica in officina; a scrivere sulla carta si fa presto, a realizzarla poi può costare "lacrime e sangue", il che, immedesimandosi nell'operaio (avendolo fatto), con un po' di accortezza e buon senso in più, si può quasi sempre evitare.
    E questa esperienza, posso assicurare, dà una marcia in più!
    Se quindi qualche perito (come me), si trova a partire da un gradino più basso di quel che si aspettava, deve patire il freddo e la fatica dell'officina, pensi che... non tutto il male vien per nuocere!
    Mauro



    arri
    07-05-2007, 19.36.59

    http://www.cad3d.it/forum1/showthread.php?t=5946



    actidrink
    19-05-2007, 10.57.54

    Cari amici, sono uno di voi. Perito meccanico, 33 anni, 10 anni di esperienza. Disegno autocad 2D 3D, 3DS MAX, Autoplant, faccio anche un po' di software per PLC. Abito nel nord-ovest e guadagno 1230€.

    Ingegneri che lavorano com me, magari con qualche anno di esperienza in meno guadagnano grosso modo quanto me.

    Ho amici che fanno mestierri diversi dal mio. Uno fa il cameriere e con mance ma con meno ore di lavoro all giorno realizza 1600€. Un altro che guida cammion da cava ne fa 1800.

    Credo che ogni mestiere abbia pari dignità. Ma per fare quello che faccio ho passato notti a studiare manuali utente, ho un diploma, altri hanno la laurea ma non arrivano a 1500€.

    Chiaramente sono felice per chi guadagna di più, ma in un ufficio tecnico per come la vedo io nessuno dovrebbe guadagnare meno di 2000€ al mese. Credo che farebbe bene a tutti. Trovo una balla quella solita storia secondo la quale il giovane neo diplomato o laureato scarseggi in esperienza e quindi debba avere meno soldi. Chi arriva fresco di studi porta motivazione, stimoli, nuove conoscenze, innovazione. Allo stesso modo chi matura in una azienda ne apprende i segreti, accresce la propria esperienza. Oltretutto uno prossimo alla pensione che se ne fa di 5000€ al mese? Li affossa in un fondo obbligazionario ammazzando l'economia. I soldi bisogna darli ai giovani, a chi deve costruirsi una famiglia, comprarsi una casa. Sono i giovani che fanno girare l'economia, perché sono i giovani che investono, innovano, vaiggiano. Se l'economina gira, le famiglie si formano prima, a 25 anziché a 35 anni, l'età dell'italiano medio si abbassa. Aumenta la produttività e se l'economia gira si riescono a pagare le pensioni, con beneficio anche per gli anziani.

    Ah! Se solo potessi passare un solo giorno a Palazzo Chigi....
    Prima di tutto, un vero minimo contrattuale per i tecnici.
    E poi un bel booster all'economia....
    W L'ITALIA PARAMETRICA!!!



    render54
    19-05-2007, 12.40.28

    ciao a tutti,
    per prima cos vorrei dire a stefano-me30 che il suo avatar dovrebbe essere un personaggio della saga di final-fantasy (si scrive cosi?) tempo fa' ho comperato un film in dvd e li ti ho visto

    tornando ai compensi bisogna dire che ci sono stati altri forum in cui si chiedevano prezzi e compensi e quando io ho detto che 30€/h per il 3d
    per un totale di 4800€ mensili non era male qualcuno mi ha riso dietro
    ma non perchè erano troppi ma perchè secondo loro erano pochi
    ora in questo forum si vede esattamente quanta pecunia gira nelle tasche
    della gente che lavora e non è molta e tenendo famiglia sò quanto si spende per vivere normalmente (e sono fortunato perchè non ho affitti da pagare)
    qualcuno ha parlato di tariffe minime dimenticandosi che qualche intelligentone ultimamente ha eliminato le tariffe professionali cosi che ora puoi fatturare quello che vuoi e il resto ......
    se invece avessero reso obbligatorio la vidimazione degli ordini professionali delle parcelle sai quante tasse in più e probabilmente qualcosa in più ai collaboratori
    l'unica soluzione io credo è nella flessibilità, tu inizi a lavorare in un posto, diventi bravo, se vedi che economicamente fanno gli gnorri ti guardi in giro
    e te ne vai alla prima occasione, il prossimo posto se sanno che sei uno che
    non hai problemi ad andarsene vedrai che ti trattano meglio
    negli ultimi 10 anni, come collaboratore esterno, l'ho fatto con un paio di studi professionali (architettura) lasciandoli nella cacca

  8. #8
    Super Moderatrice
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1376
    Professione
    SuperModeratrice
    Regione
    Reggio Emilia
    Software
    ND

    Predefinito

    meccbell
    19-05-2007, 15.58.33

    qualcuno ha parlato di tariffe minime dimenticandosi che qualche intelligentone ultimamente ha eliminato le tariffe professionali cosi che ora puoi fatturare quello che vuoi e il resto ......
    se invece avessero reso obbligatorio la vidimazione degli ordini professionali delle parcelle sai quante tasse in più e probabilmente qualcosa in più ai collaboratori
    l'unica soluzione io credo è nella flessibilità, tu inizi a lavorare in un posto, diventi bravo, se vedi che economicamente fanno gli gnorri ti guardi in giro
    e te ne vai alla prima occasione, il prossimo posto se sanno che sei uno che
    non hai problemi ad andarsene vedrai che ti trattano meglio
    Ossequioso al mio motto "idee magari poche, ma chiare" ribadisco che le tariffe minime tabellate per legge sono un'anacronismo antistorico e protezionistico. Il fatto che non esista nulla di simile negli altri paesi dell'OCSE (ma anche in tanti altri) vorrà pure dire qualche cosa, o no ?
    Tu stesso poi ti contraddici, quando affermi, giustamente, che la soluzione sta nella flessibilità (non precarietà, però) e nel farsi valere professionalmente.

    Ma ci rendiamo conto che con questi orpelli il nostro paese è quello dove il figlio scemo di un notaio, di un'architetto, di un avvocato, di un medico, di un ingegnere avrà il 99% di possibilità (non probabilità) di fare lo stesso lavoro del genitore, mentre il figlio meritevole di un manovale di fonderia dovrà sputare sangue solo per farsi assumere come praticante in uno studio, magari dal suo ex compagno di studi scemo che lo ha ereditato dal padre ?
    Sarebbe questo il modo di aprire ai giovani ?

    Un'altra riprova del fatto che le "ingessature" tariffarie, professionali e di "casta" alla fine fanno più male che bene è il vero e proprio magma ribollente che si sta accumulando in ambiente universitario, ora che sta andando a regime quella bella trovata di 3 anni fa delle convenzioni per i percorsi accademici con crediti garantiti per alcune categorie "particolari" di studenti.
    Sei poliziotto, anche solo da scrivania ? Bene, 350 crediti garantiti se ti iscrivi a giurisprudenza.
    Sei impiegato alle poste ? 200 crediti a scienza delle comunicazioni.
    Sportellista al CUP di una ASL ? 250 crediti a medicina.
    E via delirando.

    E mi parlate ancora di tariffe minime ? Io le pagherei pure, ma voglio, anzi pretendo, un sistema di tutela vero, in modo che se capito in mano al medico "bello ma scemo" e quello mi rovina, io o i miei eredi lo si possa mettere in mutande e lo si mandi in Piazza Duomo a suonare il banjo con il piattino e la scimmietta.

    Come si può pretendere la qualità quando ad una professione si accede per diritto divino e non per merito ed i corrispettivi sono decisi da un gruppo di parrucconi e non dal mercato ?
    Medioevale !

    Vabbè, oramai come la penso lo sapete.
    Statevi 'bbuoni
    :-)



    render54
    19-05-2007, 19.08.58

    e allora cosa vuoi fare
    proibire ai figli di continuare l'attività del padre?
    a questo punto aboliamo anche l'eredità, le donazioni ecc.
    e cosi ognuno è obbligato a partire da zero

    comunque non credo che negli altri paesi europei in ogni paesino
    ci siano 30 geometri, 20 ingegneri e 20 architetti
    io non ho esperienza all'estero ma un collega architetto
    che ha lavorato 10 anni negli usa asseriva che
    dove stava lui, in una cittadina delle dimensioni di bergamo
    c'erano solo 2 studi associati di ingegneria e architettura (vai a contarli quanti sono a bg tra ing geom e arch) e
    se non avevi almeno 15 anni di esperienza lavorativa nessuno
    ti dava niente da fare (esclusi sicuramente casi di conclamata bravura)



    Marcof
    19-05-2007, 19.16.16

    Ossequioso al mio motto "idee magari poche, ma chiare" ribadisco che le tariffe minime tabellate per legge sono un'anacronismo antistorico e protezionistico. Il fatto che non esista nulla di simile negli altri paesi dell'OCSE (ma anche in tanti altri) vorrà pure dire qualche cosa, o no ?
    Come si può pretendere la qualità quando ad una professione si accede per diritto divino e non per merito ed i corrispettivi sono decisi da un gruppo di parrucconi e non dal mercato ?
    Medioevale !
    Non posso che quotare in pieno !
    Gli ordini "professionali" (ROTFL !) andrebbero aboliti a partire da quello, indecente, dei medici.
    Quanto alla presunta tutela della qualità e della "professionalità" basta guardarsi intorno per vedere la marea di putt@#@te che ci vengono propinate da questi geni col patentino dell'ordine tal dei tali, a partire dall'architettura e dall'urbanistica....
    ciao



    Marcof
    19-05-2007, 19.31.15

    e allora cosa vuoi fare
    proibire ai figli di continuare l'attività del padre?
    Nel servizio pubblico potrebbe essere un'ottima idea, soprattutto se il padre è primario di chirurgia e il figlio diventa, casualmente, uno dei suoi assistenti più "brillanti"

    a questo punto aboliamo anche l'eredità, le donazioni ecc.
    e cosi ognuno è obbligato a partire da zero
    spero tu stia scherzando ?? Cosa caspita centrano le donazioni e le eredità con il posto di lavoro? Cos'è, pensi che il sapere si tramandi per via genetica o tramite rogito? Pensi che il figlio del primario, dell'architetto, del notaio o del geometra non debba partire da zero ?
    Altrochè se deve partire da zero, da sottozero direi, e dimostrare quello che vale senza bisogno dei troppo frequenti italici calci nel deretano paterni, per andare occupare posti senza meritarseli....

    comunque non credo che negli altri paesi europei in ogni paesino
    ci siano 30 geometri, 20 ingegneri e 20 architetti
    Non ci sopno neanche 50 idraulici dei quli l'80% rappresentati da dei perfetti inetti come qui da noi. Il problema non sono gli ordini professionali (che nei fatti non servono a una cippa), è tutto il sistema del mondo del lavoro che ti permette di aprire una partita IVA per una professione a piacere senza che nessuno ti chieda alcunchè o quasi.
    Se la scuola, man mano che si procede negli studi, soprattutto quando si entra nel campo specifico di una professione, fosse più selettiva, ci sarebbero in giro meno idraulici, geometri e architetti rubamestieri.
    E poi scusa, ma chi è che ha dato l'abilitazione a quei 30 geometri e 20 architetti se non l'ordine che dovrebbe tutelare la professionalità di quella specifica disciplina?
    ciao

  9. #9
    Super Moderatrice
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1376
    Professione
    SuperModeratrice
    Regione
    Reggio Emilia
    Software
    ND

    Predefinito

    Jersey
    20-05-2007, 03.23.43

    in una cittadina delle dimensioni di bergamo
    c'erano solo 2 studi associati di ingegneria e architettura (vai a contarli quanti sono a bg tra ing geom e arch) e
    se non avevi almeno 15 anni di esperienza lavorativa nessuno
    ti dava niente da fare (esclusi sicuramente casi di conclamata bravura)
    e come fai ad arrivare a 15 anni di esperienza lavorativa se nessuno ti da niente da fare???? l'esperienza te la fai lavorando, ma da qualche parte devi pur iniziare!!!!

    e poi sta cosa degli architetti rubamestieri....cioè io sono laureata, in università non mi hanno insegnato un emerito cazzo, ci ho messo un anno a trovare lavoro perchè "senza esperienza"...quando finalmente l'ho trovato, ok effettivamente non sapevo fare nulla, ma in questi nove mesi ho imparato tutto quello che facciamo in studio...ma se nessuno ci da la possibilità di imparare come facciamo????e sprattutto...quando tutti i lavoratori con esperienza trentennale saranno morti???? non ci sarà nessuno a sostituirli perchè non ci è stata data la possibilità di imparare.

    Io sono stata fortunata a trovare una ersona che mi ha accolta nel suo studio, mi ha messa sotto e mi ha insegnato il mestiere, ma quanti sono disposti a farlo? Allora o si cambiano i professori universitari, o i lavoraori con più esperienza si "abbassino" ad insegnare a noi poveri ignoranti!!!!



    meccbell
    20-05-2007, 16.47.06

    Se la scuola, man mano che si procede negli studi, soprattutto quando si entra nel campo specifico di una professione, fosse più selettiva, ci sarebbero in giro meno idraulici, geometri e architetti rubamestieri.
    E poi scusa, ma chi è che ha dato l'abilitazione a quei 30 geometri e 20 architetti se non l'ordine che dovrebbe tutelare la professionalità di quella specifica disciplina?
    Quoto e chiedo:
    come mai siamo rimasti uno dei pochi paesi AL MONDO dove si può ripetere un esame all'università 2-3-4 anche 5 volte ? Ma lo sapete che in Germania, Lussemburgo, Danimarca, Giappone se "canni" 2 volte un esame sei fuori, RAUS, OUT dall'università. E negli altri paesi (USA e GB in testa) ti tengono lì, ma ti "degradano" il corso che puoi frequentare.
    Quando vedo certi curricula di gente di 28/32 anni, dove come unica voce all'attivo c'è "laureato in ... il xxxxxx" e facendo i conti vedo che 'sto tizio ha impiegato 8/10 anni per laurearsi e che, a circa 1/3 della sua sua vita, ancora non sa neppure cosa è una fabbrica o uno studio, non ha portato a casa un soldino che sia uno, non ha versato un contributo che sia uno e che per NON fare tutto ciò è pure costato alla collettività qualche centinaio di migliaia di euro, allora viene voglia di tirare fuori il gatto a 9 code...;-)

    e poi sta cosa degli architetti rubamestieri....cioè io sono laureata, in università non mi hanno insegnato un emerito cazzo, ci ho messo un anno a trovare lavoro perchè "senza esperienza"...quando finalmente l'ho trovato, ok effettivamente non sapevo fare nulla, ma in questi nove mesi ho imparato tutto quello che facciamo in studio...ma se nessuno ci da la possibilità di imparare come facciamo????e sprattutto...quando tutti i lavoratori con esperienza trentennale saranno morti???? non ci sarà nessuno a sostituirli perchè non ci è stata data la possibilità di imparare.
    Anche qui, se gli stessi studenti non si tolgono, scusa il termine, la paglia dal cuxo, non si va da nessuna parte.
    Se l'università è conciata da sbatter via è anche per una certa accondiscendenza, praticata in nome del motto "vivi e lascia vivere", che porta gli studenti e le loro famiglie a pensarla così "prendi il pezzo di carta, poi si vedrà".
    Solo che il "poi si vedrà" si trasformerà velocemente nelle porte sbattute in faccia al neolaureto che cerca un posto.
    Qui i problemi sono 2:
    una bassissima capacità di rinnovamento dell'ambiente accademico, per cui si fanno concorsi per regolarizzare gente di 35/40 anni completamente demotivata, in quanto da almeno 10 si barcamenano con i "soliti" contratti, borse ecc. che arricchiscono solo i soliti baroni e per i quali l'insegnamento equivale nè più, nè meno al mettere i francobolli sulle buste. Contemporaneamente si sbattono sulla strada quei pochi giovani di talento che ultimato il percorso accademico hanno reali capacità ed attitudini per intraprendere la carriera di docente
    non esiste una vera e seria attività di orientamento basata sulle reali esigenze del sistema economico, produttivo e socioculturale italiano. Così si assiste a frotte di matricole a medicina, scienza delle comunicazioni, scienze politiche, architettura, design, ingegneria gestionale informatica, che sono matematicamente destinate ad una carriera da precario o da operatore di callcenter, mentre ad ingegneria meccanica, matematica, fisica, ingegneria aeronautica, ingegneria dei materiali c'è un calo costante delle immatricolazioni.
    Per non parlare di scienze infermieristiche, dove i laureati che escono ogni anno sono sì e no 1/4 del fabbisogno.

    Se su queste "partite" gli stessi studenti restano inerti, allora siamo veramente alla frutta.
    Lunedì sera ero a cena con Nando Dalla Chiesa, attuale sottosegretario all'università. Bene, ad un certo punto ci ha detto "ma lo sapete che ho dovuto convocare per 3 volte la consulta degli studenti, per mettere giù la bozza della carta dei diritti dello studente ? e che per 3 volte mi hanno dato buca ? mi aspettavo di essere assediato dai ragazzi, invece elettroencefalogramma piatto"
    Dato che eravamo in 4 e tutti più o meno della stessa età ci è venuto spontaneo di dire "ai miei (nostri) tempi avremmo piazzato le tende fuori dal ministero. questi devono essere in catalessi e con loro le famiglie"

    Statevi 'bbuoni :-)



    Jersey
    20-05-2007, 17.31.04

    Per il fatto del "quanto tempo ci a messo uno a laurearsi" avrei qualche obiezione...nel senso che c'è gente costretta ad interrompere gli studi per cause di forza maggiore, quindi magari uno si laurea a 30 anni, ma perchè dai 20 ai 28 ha dovuto fare altro...però vabbè credo che questo fosse già implicito nel tuo discorso.

    Per quanto riguarda l'università, nel mio caso specifico posso solo dire che spesso la mancanza di professionalità viene dall'alto....Il primo anno mi sono trovata un professore che ci ha consegnato la prova di esame con testuali parole (ti giuro che non è un'esagerazione, ha scritto proprio così)

    "qual'ora un'alunno sia beccato a copiare, gli verrà ritirato il compito"

    compito nel quale sono stata bocciata con votazione 17,5 e alla domanda "scusi ma non c'è nemmeno una correzione nel compito, perchè mi ha bocciata?" mi ha risposto "perchè la grafia è scorretta" :-(

    Non sono stata l'unica ad avere avuto questa risposta, ci siamo rivolti a chi di dovere e ci è stato detto "questa è una scuola pubblica, se non vi va bene andate allo IED"

    A sto punto che possiamo fare? scioperare? sè....figurati le ragazze si sarebbero spezzate le unghiette e i "ragazzi" si sarebbero spettinati....

    poichè credo che il sistema scolastico di oggi sia andato totalmente a pu****e sia a causa dei professori sempre meno preparati (eh certo....anche loro non hanno avuto insegnamento) sia a causa degli alunni sempre più svogliati, credo che l'unico sistema che abbiamo per imparare sia quello di appoggiarci a gente con più esperienza che abbia la pazienza di seguirci....



    TheFonz
    20-05-2007, 19.23.13

    "qual'ora un'alunno sia beccato a copiare, gli verrà ritirato il compito"
    compito nel quale sono stata bocciata con votazione 17,5 e alla domanda "scusi ma non c'è nemmeno una correzione nel compito, perchè mi ha bocciata?" mi ha risposto "perchè la grafia è scorretta"
    Forse avevi sbagliato gli apostrofi...;-)

    Che carogna che sono...giuro che non lo faccio più.:-)



    TheFonz
    20-05-2007, 19.39.35

    Per quel che riguarda il discorso in generale: la verità direi sta nel mezzo. L'università è un esamificio purtroppo e la gente è quella che è. Inutile incolpare generazioni nuove a causa di questo o di quello....Se uno studente è demotivato è sicuramente qualcosa che deve risolvere in prima persona, ma se le strutture ti danno solo un pezzo di carta, è dura auto-motivarsi.

    Io mi sto laureando ora e vedo che l'università (di qualsiasi facoltà si parli) tende, più che a darti una competenza, a insegnarti a lavorare per lei ("non sai ancora cosa vuoi fare, fa l'assistente di qualche prof").

    Da noi i tirocini sono pura burocrazia, tanto che molti sfruttano la possibilità di fare dei laboratori formativi in sostituzione.

    Senti in continuazione che l'università italiana non vale un quarto di quella USA o altre europee, tipo spagna e polonia.

    Sarò debole, ma non ho voglia di combattere finchè qualcuno non cambia le cose dall'alto, dove è più facile cambiarle. E questo discorso non vale solo per l'università.

  10. #10
    Super Moderatrice
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1376
    Professione
    SuperModeratrice
    Regione
    Reggio Emilia
    Software
    ND

    Predefinito

    Jersey
    20-05-2007, 21.59.01

    in'effetti'gli'apostrofi'sono'sempre'stati'la'mia' croce :-)

    il brutto è che qualche anno fa l'università italiana era considerata migliore di quelle straniere :-(

    fortuna che c'è ancora gente buona come il mio capo che ha voglia di insegnare ai giovani.... sottopaga ma è bravo :-)



    iarata
    20-05-2007, 23.09.06

    Io torno all’argomento principale per dare un consiglio al povero collega Galimba:

    Tu devi cambiare lavoro, guadagni una miseria con 4 anni di esperienza.

    Il problema è che devi farlo in fretta! Ricorda che difficilmente verrà il tuo principale con una bella busta dicendoti: “Firma qui, così dal prossimo mese hai 500 in piu’ di superminimo”. Però, se sei bravo nel tuo lavoro e ricopri un ruolo che li vale, vedrai come te li offrirà alla svelta se la busta la presenti tu!

    Questo vale ovviamente nel caso:
    -Hai un lavoro stabile (tempo indeterminato).
    -Hai già chiesto e ti e’ stato rifiutato.

    Questo perché:
    Se hai qualche contratto strano difficilmente si puo’ chiedere, e se non hai mai chiesto è normale che nessuno ti ha mai dato niente.

    In ogni caso complimenti, sei riuscito con un post off-topic a generare 4300 visite, sarà forse che i tecnici siano piu’ interessati ai $$ che al CAD?? ;-)



    arri
    21-05-2007, 08.09.10

    http://www.cad3d.it/forum1/showthread.php?t=5946



    meccbell
    21-05-2007, 09.00.11

    Per il fatto del "quanto tempo ci a messo uno a laurearsi" avrei qualche obiezione...nel senso che c'è gente costretta ad interrompere gli studi per cause di forza maggiore, quindi magari uno si laurea a 30 anni, ma perchè dai 20 ai 28 ha dovuto fare altro...però vabbè credo che questo fosse già implicito nel tuo discorso.
    Sì, può essere, ma che almeno lo scrivesse. Che ha fatto per 8 10 anni ?
    E' stato in missione segreta in Medio Oriente per la CIA?
    Ha fatto la traversata a piedi del deserto del Gobi ?
    Ha dovuto ripulire casa dopo un'invasione di locuste ?
    Era stato rapito dagli alieni ?
    Anche se avesse fatto lo scaricatore di cassette di frutta ai mercati generali, mestiere degnissimo e meritevole del massimo rispetto, perchè non dire "causa problemi vari, sono andato a lavorare per 8 anni qui, qui e lì"
    Io ad uno così darei il massimo della fiducia, anche perchè, almeno, sa cosa vuol dire alzarsi tutte le mattine per guadagnarsi la pagnotta.
    Invece spesso e volentieri l'unica motivazione sarà stata "Uhh... non ce la faccio a fare l'esame. magari mi prendo un momento di pausa..."
    E la mammina "sì, sì, poverino. stai a casa al calduccio. riposati, che sei tutto sciupato..."
    Sapete il detto, ne ammazzano di più le mamme della bomba atomica ;-)

    compito nel quale sono stata bocciata con votazione 17,5 e alla domanda "scusi ma non c'è nemmeno una correzione nel compito, perchè mi ha bocciata?" mi ha risposto "perchè la grafia è scorretta"
    Non sono stata l'unica ad avere avuto questa risposta, ci siamo rivolti a chi di dovere e ci è stato detto "questa è una scuola pubblica, se non vi va bene andate allo IED"
    Io sarei tornato con 4 carabinieri

    A sto punto che possiamo fare? scioperare? sè....figurati le ragazze si sarebbero spezzate le unghiette e i "ragazzi" si sarebbero spettinati....
    Debosciati...

    Sarò debole, ma non ho voglia di combattere finchè qualcuno non cambia le cose dall'alto, dove è più facile cambiarle. E questo discorso non vale solo per l'università.
    Ricordati che la storia del mondo insegna che tutti i cambiamenti sono avvenuti partendo dal basso. Ogni popolo ha i governanti che si merita, ad ogni livello, dal comunello di 100 abitanti, fino al governo centrale.
    Se le cose non vanno e non ti impegni per cambiarle, ci saranno sempre persone più in alto a cui fa comodo che tutto resti così.
    E se aspetti da loro... :-(
    Ciao



    tecnico_plast
    21-05-2007, 09.09.12

    Quoto e chiedo:
    come mai siamo rimasti uno dei pochi paesi AL MONDO dove si può ripetere un esame all'università 2-3-4 anche 5 volte ? Ma lo sapete che in Germania, Lussemburgo, Danimarca, Giappone se "canni" 2 volte un esame sei fuori, RAUS, OUT dall'università. E negli altri paesi (USA e GB in testa) ti tengono lì, ma ti "degradano" il corso che puoi frequentare.
    mamma mia...allora a CT non si laurierebbe nessuno, in media ci sono esami che anche i più bravi ripetono 2-3 volte e quelli "normali" anche 5-6 volte :-(
    Lasciando perdere la mia condizione, che da studente-lavoratore mi ha costretto a ripere alcuni esami qualche volta, visto il minor tempo che ho potuto dedicare allo studio rispetto ad uno "studente a tempo pieno", mi viene da chiedermi: quando ad un esame di analisi2 o di scienza delle costruzioni per fare un esempio, su 30-40 disgraziati passano lo scritto solo 3-4 persone e a volte nemmeno quelli, di chi è la colpa? Degli studenti che sono dei poveri ignoranti, "braccia rubate all'agricoltura", o dei professori che molte volte non sanno insegnare o che assegnano compiti d'esame "impossibili"?
    La verità è che è tutto il sistema che non va, per una serie di motivi, ma forse nei politecnici la situazione è diversa, e la gente riesce a laurearsi a 24-25 anni :-)


  • Pagina 1 di 11 123 ... UltimaUltima

    Discussioni Simili

    1. [Recuperato] Quanto costa SolidWorks 2004??
      Di Oldwarper nel forum Solidworks
      Risposte: 6
      Ultimo Messaggio: 03-09-2010, 20: 07
    2. quanto mi costerebbe?
      Di Maris nel forum Stampa 3D / Prototipazione Rapida
      Risposte: 7
      Ultimo Messaggio: 15-01-2009, 16: 50
    3. Quanto costa SW
      Di Dirotec nel forum Solidworks
      Risposte: 43
      Ultimo Messaggio: 02-07-2008, 18: 50
    4. COSA SIETE DISPOSTI A FARE PER IL VOSTRO AMATO FORUM?
      Di RUGGIUNO nel forum Discussioni Off Topics
      Risposte: 50
      Ultimo Messaggio: 04-04-2008, 09: 28
    5. Moderatori dove siete??
      Di cad3d nel forum CAE/FEM/CFD forum generale
      Risposte: 3
      Ultimo Messaggio: 25-12-2007, 22: 55

    Chi Ha Letto Questa Discussione: 3

    Tag per Questa Discussione

    Segnalibri

    Segnalibri

    Permessi di Scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •  




    CAD3D.it - la community dei progettisti