Citazione Originariamente Scritto da AlbertoL Visualizza Messaggio
Ciao Colombo,
riguardo quanto hai detto sono perfettamente in linea.

Io usavo il bronzo a granulometria grossa (layer da 0,1) e poi eseguivo trattamenti superficiali di teflonatura o di riporti ceramici.
Io ci realizzavo particolari molto grandi e sfruttavo al max i limiti in Z di lavoro della macchina.
Ho visto anche lavori in Fe realizzati con la M250 e ricordo che erano davvero gan bei lavoretti!

Certo i costi non erano (e penso non siano ancor oggi) limitati, io operavo in R&D e avevo a disposizione risorse economiche notevoli per portare avanti il lavoro di rapid tooling.

Non ricordo i lavori in Fe, noi gestivamo solo bronzo facendo poi infiltrazioni in rame, o come dici tu poi si passava alla teflonatura o ad altri trattamenti superficiali di vario tipo per ridurre porosità e rugosità del materiale.
Oggi i risultati sul metallo sono eccellenti per quanto riguarda la densità, praticamente 100%. C'è ovviamente spesso (per non dire sempre) la necessità di piccole riprese di macchina o erosione.
I costi esorbitanti delle micropolveri di acciaio e la lentezza delle macchine fanno lievitare i costi degli inserti e dei pezzi così costruiti, quindi la tecnologia credo sia valida per alcune applicazioni specifiche dove si sfrutta la peculiarità delle "geometrie impossibili", che risultano invece costruibili con tecniche additive.
Certo che come tecnologia è davvero affascinante!