Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 26

Discussione: Viabilità e dintorni

  1. #1
    Utente Senior L'avatar di MBT
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    4889
    Professione
    tiro righe, compilo tabelle...
    Regione
    nella Terra di Mezzo
    Software
    non serve un software per fare quel che faccio...

    Predefinito Viabilità e dintorni

    Apro questa discussione come una serie di riflessioni personali sulla viabilità italiana e in particolare del Nord-Est, essendo la mia realtà quotidiana.
    Non voglio essere polemico, vorrei piuttosto riflettere con voi sul problema.
    La riflessione è nata sabato pomeriggio.
    Hanno aperto un nuovo (l'ennesimo...) centro commerciale poco lontano da Udine.
    La via è già di per se trafficata e percorrerla il sabato è da nevrosi, ma tant'è...
    la curiosità e la necessità impongono di andarci....
    Vista l'ora (le 2 del pomeriggio) non trovo traffico eccessivo per entrare nel parcheggio.
    Ma l'uscita è il disastro....
    Mi fanno uscire sul vialone principale. Mi devo in qualche modo mischiare alle auto che già percorrono la via e tutte insieme dobbiamo poi confluire nella rotonda che fa affluire la gente al centro commerciale...
    mi chiedo...
    Ma è normale che chi esce da un posto debba far parte della gente che vuole entrarci????
    Ma perchè chi non vuole minimamente avere a che fare con il centro commerciale deve comunque beccarsi l'ingorgo generato da chi sta entrando e cercando parcheggio?
    Ma perchè realizzano rotonde, sottopassaggi, teletrasporti di ogni tipo che oltre a costare non risolvono alcun problema?
    Ma chi studia la viabilità, enti comunali o privati che siano, non avevano altre possibilità che quella realizzata? Anche perchè il problema non è "locale" ma generalizzato a tutti gli altri centri commerciali che conosco in zona...
    Ma perchè il parcheggio è così mal strutturato? Non puoi farmi entrare a metà parcheggio, altrimenti devo giocare il 50-50 per sapere se devo andare a destra o a sinistra...
    Ma perchè non costruisci i parcheggi sopra e sotto il centro commerciale? Così aumenti la capacità, non sprechi spazio e se proprio di avanzano ettari quadri ci metti prato o alberi e i bambini giocano mentre io faccio la spesa?

    Il tutto condito da un'altra amara riflessione...
    sono stato nella vicina Austria recentemente. A parte che mi chiedo ancora perchè prodotti "Made in Italy" e commercializzati nella stessa catena di distribuzione costino meno in Austria che in Italia...
    ma a parte questo, la viabilità oltreconfine è decisamente migliore.
    Per entrare nel centro commerciale devi girare a sx e c'è un semaforo che ti indica quando puoi passare. Così, tra un verde e l'altro, chi è entrato ha il tempo di trovare parcheggio e non si creano ingorghi.
    Per uscire, stesso discorso. C'è il semaforo per farti immettere sulla strada principale. Il parcheggio può essere affollato quanto vuoi, ma la strada non ne risente.
    parliamo del parcheggio? E' in minima parte all'aperto. Il resto è sotto il centro commerciale e sul tetto.
    Non solo... ci sono le indicazioni luminose che ti dicono dove ci sono dei posti liberi e dove è tutto occupato. Se è tutto pieno, la sbarra si abbassa e NON entri...


    Non vuole essere un "j'accuse" o una polemica, ripeto.
    Ma mi piacerebbe, se qualche architetto o qualche amministratore comunale è in ascolto sapere se c'è un motivo per cui certe cose vengono fatte in certi modi....

    a voi la parola...

    « Tu sees ingegniir, ingegniti ! »
    « Sei ingegnere, ingegnati !»

  2. #2
    Stefano_ME30
    Visitatore

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da MBT Visualizza Messaggio
    che oltre a costare non risolvono alcun problema?
    Costare, costano....a noi. Molto meno ai centri commerciali.

    Ma chi studia la viabilità, enti comunali o privati che siano, non avevano altre possibilità che quella realizzata?
    A bizzeffe, ma bisognava "programmare" l'intervento e la "pressione" del centro commerciale non lo ha consentito.

    Ma perchè il parcheggio è così mal strutturato? Non puoi farmi entrare a metà parcheggio, altrimenti devo giocare il 50-50 per sapere se devo andare a destra o a sinistra...
    Con l'ingresso a "meta'", che poi spesso e' anche l'uscita si "risparmia".


    Ma perchè non costruisci i parcheggi sopra e sotto il centro commerciale? Così aumenti la capacità, non sprechi spazio e se proprio di avanzano ettari quadri ci metti prato o alberi e i bambini giocano mentre io faccio la spesa?
    Perche' costruire i parcheggi coperti o sul tetto, costa (al centro commerciale) mentre fare le "caxxate" costa meno a loro e molto di piu' a noi.
    c'è un semaforo che ti indica quando puoi passare.
    Costi per il centro commerciale

    C'è il semaforo per farti immettere sulla strada principale.
    Costi per il centro commerciale


    E' in minima parte all'aperto. Il resto è sotto il centro commerciale e sul tetto.
    Non solo... ci sono le indicazioni luminose che ti dicono dove ci sono dei posti liberi e dove è tutto occupato. Se è tutto pieno, la sbarra si abbassa e NON entri...
    Costi per il centro commerciale

  3. #3
    Utente Standard L'avatar di Jersey
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    562
    Professione
    Progettista di interni
    Regione
    Pavia
    Software
    Autocad - Archicad - Photoshop e simili

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da MBT Visualizza Messaggio
    c'è un semaforo....
    Pare che le rotonde rendano il traffico più scorrevole.....

    Per il resto, non mi esprimo perchè mi scalderei troppo :D

  4. #4
    Moderatore Solidworks L'avatar di Oldwarper
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    2098
    Professione
    Progettista
    Regione
    Emilia Romagna
    Software
    Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jersey Visualizza Messaggio
    Pare che le rotonde rendano il traffico più scorrevole.....

    Per il resto, non mi esprimo perchè mi scalderei troppo :D
    Gli incidenti nelle rotonde, pur essendo molto, ma molto piu' frequenti, hanno minori conseguenze sugli occupanti delle auto, ma ingrassano le tasche dei carrozzieri.:D
    Saluti, Stefano.
    “Timeo Fenestras et dona ferentes”

  5. #5
    Utente Senior L'avatar di MBT
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    4889
    Professione
    tiro righe, compilo tabelle...
    Regione
    nella Terra di Mezzo
    Software
    non serve un software per fare quel che faccio...

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano_ME30 Visualizza Messaggio
    Costare, costano....a noi. Molto meno ai centri commerciali.


    A bizzeffe, ma bisognava "programmare" l'intervento e la "pressione" del centro commerciale non lo ha consentito.



    Con l'ingresso a "meta'", che poi spesso e' anche l'uscita si "risparmia".



    Perche' costruire i parcheggi coperti o sul tetto, costa (al centro commerciale) mentre fare le "caxxate" costa meno a loro e molto di piu' a noi.

    Costi per il centro commerciale


    Costi per il centro commerciale


    Costi per il centro commerciale
    Ho capito...
    quindi per non far spendere soldi al centro commerciale, li dobbiamo prima spendere noi e successivamente rovinarci il fegato....

    Benon...

    « Tu sees ingegniir, ingegniti ! »
    « Sei ingegnere, ingegnati !»

  6. #6
    Utente Standard L'avatar di Jersey
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    562
    Professione
    Progettista di interni
    Regione
    Pavia
    Software
    Autocad - Archicad - Photoshop e simili

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Oldwarper Visualizza Messaggio
    Gli incidenti nelle rotonde, pur essendo molto, ma molto piu' frequenti, hanno minori conseguenze sugli occupanti delle auto, ma ingrassano le tasche dei carrozzieri.:D
    Per non parlare di quando trovi l'eterno indeciso alle 18.30....che ci mette mezz'ora ad entrare in rotonda...e lì cominci a pensare a quano era bello quando c'era il semaforo, che tre minuti a testa e si passava tutti!

  7. #7
    Utente Senior L'avatar di Meccbell
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1322
    Professione
    cercare di risolvere i problemi esistenti più velocemente dei nuovi che si creano
    Regione
    Malpensaland - Lombardia
    Software
    SE + SinteCam25 + Featurecam Mill3D

    Predefinito Una storia tipica (1: i fondamentali)

    Citazione Originariamente Scritto da MBT Visualizza Messaggio
    Ho capito...
    quindi per non far spendere soldi al centro commerciale, li dobbiamo prima spendere noi e successivamente rovinarci il fegato....
    Se volete, vi faccio un po' la tipica cronistoria dei tipici casi di insediamento di un tipico centro commerciale in una tipica località italiana.

    Per ora, però, dedicherò questo post ad una piccola lezione sui fondamenti giuridici che stanno alla base di tali insediamenti.

    Perciò, prima memorizzate alcuni semplici concetti. Poi, con comodo :p, vi spieghero il tipico susseguirsi degli eventi.

    Punto nr. 1: le licenze per le cosiddette medie e grandi superfici di vendita le da' la regione (occhio a non dimenticarlo, che poi serve)

    Punto nr. 2: esiste una norma che permette a chi fa un'intervento edilizio (dalla casetta unifamiliare al megacentro commerciale) di "barattare" il pagamento dei cosiddetti "oneri di urbanizzazione" con la realizzazione di opere pubbliche o, peggio ancora, monetizzando l'acquisto di altre aree da cedere al comune. (tenete d'occhio pure 'sta cosa...)

    Punto nr. 3: tutti i comuni sopra i 15000 abitanti devono (dovrebbero ???) essere dotati di PUT (Piano Urbano del Traffico).
    Mai sigla fu più appropriata. Dalle mie parti si dice che una cosa del put equivale ad una cosa degna del cuxo.

    Punto nr. 4: ogni PRG (Piano Regolatore Generale), ora PGT (Piano di Governo del Territorio) DEVE prevedere la presenza di almeno 1 insediamento di media superficie di vendita (tra i 1500 ed i 2500 mq) se il bacino di utenza potenziale (calcolato con parametri abbastanza astrusi) supera i 20000 abitanti nel raggio di tot Km..

    Punto nr. 5 : Ogni insediamento commerciale DEVE garantire una superficie a parcheggio a lui dedicato almeno pari a quella di vendita, se piccola distribuzione (dal negozietto fino ai 1500 mq), ed addirittura pari al doppio della superficie di vendita se oltre i 1500 mq.

    Punto nr.6: ogni volta che si viene a sapere che in una certa zona potrebbe insediarsi un centro commerciale, inizia una canea di prese di posizione sia degli ultrafavorevoli, che degli ultracontrari.
    Tale scontro di opinioni di solito vede le amministrazioni comunali in mezzo ai 2 fuochi.

    OK, mi pare che ci siano tutti gli elementi utili a costruire il tipico modello per simulare cosa avverrà dal momento della richiesta di insediamento a quello dell'apertura del centro commerciale.

    Se siete bravi, ci dovreste arrivare da soli. ;)
    Altrimenti ve lo farò intuire tra un po'.

    Sotto a studiare, che poi vi interrogo !
    :)
    Meccbell, the Chipmaker

    "L'epoca della procrastinazione, delle mezze misure, del mitigare, degli espedienti inutili, del differire sta giungendo alla fine.
    Ora stiamo entrando nell'epoca dove ogni azione causa conseguenze."


    Winston L.S. Churchill
    (dal discorso alla House of Commons del 12 novembre 1936, citato anche da Al Gore in Una scomoda verità)



  8. #8
    MOD.Stampi e manuf.indust L'avatar di SHIREN
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1987
    Professione
    Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
    Regione
    NAPOLI
    Software
    "ah capa"

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jersey Visualizza Messaggio
    Per non parlare di quando trovi l'eterno indeciso alle 18.30....che ci mette mezz'ora ad entrare in rotonda...e lì cominci a pensare a quano era bello quando c'era il semaforo, che tre minuti a testa e si passava tutti!
    LA ROTONDA STRADALE
    - consente di pianificare gli spazi delimitando il terreno urbanizzabile
    e l’isola di rotazione consente di valorizzare il luogo con un
    intervento di natura paesaggistica,(qua se mettessero l'arredo urbano prog.dal sottoscrito forse sarebbe meglio) quindi migliore aspetto
    architettonico dell’intersezione stradale;
    - la capacità è superiore a quella di un incrocio ordinario
    - la manutenzione minima: a parte il funzionamento dell’isola
    rotazionale, la rotatoria non richiede una manutenzione specifica e
    non comporta elevati costi di gestione.
    - Ottimizzazione della fluidità del traffico grazie alla eliminazione dei
    tempi morti
    - Diminuzione dell’inquinamento acustico e atmosferico rispetto agli
    incroci con semaforo
    - Possibilità per tutti i mezzi, compresi quelli pesanti di invertire la
    Marcia
    abbito a 1000/1500 m da una coop
    nei periodi festivi e' na traggedia

  9. #9
    Utente Senior L'avatar di myface
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    1162
    Professione
    Progettista-designer free lance
    Regione
    veneto
    Software
    Inventor 2013,maxwell render 2.7.2

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da SHIREN Visualizza Messaggio
    LA ROTONDA STRADALE
    - consente di pianificare gli spazi delimitando il terreno urbanizzabile
    e l’isola di rotazione consente di valorizzare il luogo con un
    intervento di natura paesaggistica,(qua se mettessero l'arredo urbano prog.dal sottoscrito forse sarebbe meglio)quindi migliore aspetto
    architettonico dell’intersezione stradale;
    - la capacità è superiore a quella di un incrocio ordinario
    - la manutenzione minima: a parte il funzionamento dell’isola
    rotazionale, la rotatoria non richiede una manutenzione specifica e
    non comporta elevati costi di gestione.
    - Ottimizzazione della fluidità del traffico grazie alla eliminazione dei
    tempi morti
    - Diminuzione dell’inquinamento acustico e atmosferico rispetto agli
    incroci con semaforo
    - Possibilità per tutti i mezzi, compresi quelli pesanti di invertire la
    Marcia
    abbito a 1000/1500 m da una coop
    nei periodi festivi e' na traggedia:
    Perchè non avete mai visto le rotonde sulla strada delle put (appunto!) :D ad Altavilla , l'asfalto è praticamente rivestito da un grosso strato di gomma da battistrada

  10. #10
    Utente Standard L'avatar di matte79
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    270
    Professione
    Mobilizzazione Mouse
    Regione
    Emilia Romagna
    Software
    ProE-Catia V5-Think design

    Predefinito

    chiaro fanno rotonde che se non hai una smart devi farci "manovra" dentro...le rotonde troppo piccole oltre a non far vendere arredi a shiren sono pure pericolose!!!
    Provate (chi è della zona) a fare una scampagnata sulla riviera romagnola, si vedono oggetti simil rotonda che nella realtà non servono a nulla perchè non "accumulano" traffico...
    Studia prima la scienza e poi seguita la pratica nata da essa scienza. Quelli che s'innamorano della pratica senza scienza, sono come i nocchieri che entrano nella nave senza timone o bussola


  • Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

    Discussioni Simili

    1. Attriti e dintorni
      Di Guido nel forum Progettazione meccanica - forum generale
      Risposte: 4
      Ultimo Messaggio: 22-10-2010, 18: 19
    2. Pordenone e dintorni
      Di elin nel forum Ricerca di lavoro
      Risposte: 0
      Ultimo Messaggio: 09-03-2010, 16: 04
    3. collaborazione bergamo e dintorni
      Di roberto.valdani nel forum Ricerca di lavoro
      Risposte: 0
      Ultimo Messaggio: 24-09-2008, 10: 57
    4. Fregature e dintorni... ovvero i laureti del XXI° secolo...
      Di Preparation-H nel forum Discussioni Off Topics
      Risposte: 86
      Ultimo Messaggio: 12-05-2008, 22: 44
    5. Gas ... e dintorni...
      Di gfrank nel forum Impianti
      Risposte: 0
      Ultimo Messaggio: 13-01-2008, 18: 36

    Segnalibri

    Segnalibri

    Permessi di Scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •  



    CAD3D.it - la community dei progettisti