Risultati da 1 a 1 di 1
  1. #1
    Moderatore Solidworks L'avatar di Oldwarper
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    2098
    Professione
    Progettista
    Regione
    Emilia Romagna
    Software
    Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam

    Predefinito [Recuperato] Voltaggio pericoloso??

    -Discussione recuperata dalla cache di Google.
    -I rispettivi moderatori sono autorizzati a cancellare o modificare la presente discussione dal proprio forum.
    Grazie per la collaborazione.
    Oldwarper.



    03-09-2007, 21.04.50
    arzillo

    Ciao a tutti!!
    Avrei una curiosità da porvi:da che voltaggio operare con l'elettricità senza precauzioni può essere pericoloso per un uomo??

    Grazie!!Ciaoo!!!


    03-09-2007, 21.18.09
    stefano_ME30

    Citazione:Originalmente inviato da arzillo
    Ciao a tutti!!
    Avrei una curiosità da porvi:da che voltaggio operare con l'elettricità senza precauzioni può essere pericoloso per un uomo??
    Grazie!!Ciaoo!!!
    Sotto i 50 V e' "non pericolosa"



    03-09-2007, 21.38.48
    arzillo

    Quindi se sto sotto i 50 V e tocco un filo scoperto non mi dovrebbe succedere niente al tatto,giusto? O avvertirei una leggera scossetta alle mani???


    03-09-2007, 21.49.00
    stefano_ME30

    Citazione:Originalmente inviato da arzillo
    Quindi se sto sotto i 50 V e tocco un filo scoperto non mi dovrebbe succedere niente al tatto,giusto? O avvertirei una leggera scossetta alle mani???
    Dipende se parliamo di corrente continua o alternata.
    La corrente alternata si "fa sentire" anche a questi voltaggi (e' l'effetto della inversione di polarita'), ma piu' subdola e' la continua che ti polarizza il sangue e manco te ne accorgi (anche a 100V).
    Sotto i 50V la corrente alternata non e' nemmeno "presa in considerazione" per quanto riguarda la pericolosita.
    Per la corrente continua lo "standard" e' il 48V (ne piu' ne meno che un normale impianto a 12V per le vetture, infatti sara' il futuro nell'automotive).
    Per la "sensazione" di "scossette" varie (parlo sempre per la CC) dipende molto dal "soggetto" (c'e' che riesce a "sentire" anche l'1,5 V) dall'umidita' dell'aria e dalla quantita' e qualita' del sudore.
    Rimangono comunque sensazioni, ben altro e' il problema della "polarizzazione" del sangue (l'atomo di ferro nell'emoglobina si "magnetizza" e non scambia piu' ossigeno), non c'e' soluzione se la immediata trasfusione del sangue (ecco perche' non si usa la CC nelle applicazioni domestiche).

    ciao


    03-09-2007, 21.58.46
    arzillo

    Per evitare il problema forse è meglio mettersi un bel paio di guanti in gomma quando si opera con strumenti elettrici...sai se i guanti in lattice vanno bene lo stesso???

    Ciaoo!!


    03-09-2007, 22.04.45
    stefano_ME30

    Citazione:Originalmente inviato da arzillo
    Per evitare il problema forse è meglio mettersi un bel paio di guanti in gomma quando si opera con strumenti elettrici...sai se i guanti in lattice vanno bene lo stesso???
    Ciaoo!!
    Mi ricordi un mio grande meccanico che non "metteva le mani" su una vettura se prima non staccava la "batteria".
    "La corrente e' pericolosa e io non sono un elettricista" diceva.

    P.S.:usare i guanti e' sempre buona norma a prescindere, ci sono quelli omologati anche per l'isolamento elettrico.



    03-09-2007, 22.12.46
    arzillo

    Mi sa che ne prenderò un paio di guanti omologati per l'isolamento elettrico,sai per caso orientativamente quanto può costare un paio??
    Grazie!!Ciaoo!!


    04-09-2007, 09.27.15
    OldWarper

    Citazione:Originalmente inviato da stefano_ME30
    Mi ricordi un mio grande meccanico che non "metteva le mani" su una vettura se prima non staccava la "batteria".
    "La corrente e' pericolosa e io non sono un elettricista" diceva.
    P.S.:usare i guanti e' sempre buona norma a prescindere, ci sono quelli omologati anche per l'isolamento elettrico.
    Conosco invece degli elettricisti che con le loro belle mani callose per vedere se c'e' la 380 ci infilano la mano...

    Ma conosco anche un elettricista dell'Enel che ha visto un suo compagno del genere morire fulminato all'istante per questo.

    E a questo punto uno si chiede: ma la sedia elettrica, cosa usano quei boia bastardi? La dinamo delle biciclette per far soffrire cosi' una povera bestia? Una semplice botta con un defibrillatore fuori fase cardiaca (e vanno a batteria, con dei semplici survoltori e condensatori: botta notevole, ci saldi i bulloni, ma non la manfrina che fanno in Texas) ti accoppa all'istante.
    Per morire bastano 100mA di corrente.
    Human brutality.


    04-09-2007, 10.40.57
    matte79

    dipende molto anche da dove la corrente "attraversa" il corpo..se fai "ponte" con le mani la corrente attraversa pari pari il cuore e direi che sei fritto con poco (è il discorso del defibrillatore fatto da OldWraper)...Paradossalmente se la ddp fosse applicata tra il braccio destro e la gamba destra (punto d'entrata e punto d'uscita) potrebbero essere sopportabili tensioni superiori (personalmete ho visto un fulminato a 5000 [V] sopravvivere..maluccio la buccia ce l'ha ancora)


    04-09-2007, 10.43.18
    Alex_CM

    Citazione:Originalmente inviato da OldWarper
    Per morire bastano 100mA di corrente.
    Human brutality.
    Ecco appunto: ma non è più rilevante l'intensità di corrente che l'assoluta differenza di potenziale?
    Ultima modifica di Sandra_ME30; 26-02-2008 alle 02: 18
    Saluti, Stefano.
    “Timeo Fenestras et dona ferentes”


  • Segnalibri

    Segnalibri

    Permessi di Scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •  



    CAD3D.it - la community dei progettisti