Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 31 a 36 di 36
  1. #31
    Stefano_ME30
    Visitatore

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Matteo Visualizza Messaggio
    Non sono tanto d'accordo...

    Primo: boh... dipende dalla geometria, se le ipotesi sono corrette (in primo luogo spessore realmente sottile, assenza di carichi perpendicolari alle superfici, almeno nelle zone di cui ci interessa il dettagliod egli sforzi) non è detto.

    Secondo: perchè??? Non conosco il software utilizzato, ma se anche fosse un ambiente "puro" FEM (quindi niente integrazione con un CAD) c'è sempre la possibilità di mettere su "livelli" diversi le varie parti (e se l'iges non distinguesse le varie parti dell'assieme è sempre possibile chiedere uno step al cliente, oppure gli iges dei singoli cmponenti)

    Terzo: in questo caso non saprei (bisognerebbe vedere la geometria intera) ma escluderei l'uso delle shell a priori.

    Ciao :)
    Se la geometria non "chiude" ti ritrovi con un ammasso di superfici "slegate" e ti voglio vedere a mettere su livelli diversi decine di migliaia di frammenti.
    Per la stessa ragione la simulazione puo' essere inaffidabile perche' non puoi essere sicuro proprio nei punti critici per il carico (zone innesco sforzi concentrati).

    Ecco solo uno STEP e' garanzia di un solido (superficie chiusa senza "buchi") e nel caso si puo' riparare.
    Se riesci ad ottenere un solido significa che il modello (le sue superfici) sono a posto e l'analisi ne guadagnera' in affidabilita' e in tempo (da qualche giorno a qualche ora).
    Usando i tetraedi "solidi" nella rete e' tutto un altro "mondo".
    Ripeto una considerazione gia' fatta a suo tempo. Se devo fare uno "statico" di un ponte ferroviario la shell puo' anche starmi bene (deformazioni assolutamente trascurabili e massima "prevedibilita'" della simulazione, tipica analisi di "verifica"), ma se devo "analizzare" una struttura non "standard" (quindi senza la "prova del nove" con la calcolatrice) e' meglio usare i solidi altrimenti si potrebbero ottenere dei risultati "erratici".

    P.S.: il report non te lo ha dato perche', sicuramente, dava dei limiti di carico improponibili, in punti "anomali" dove il modello si "impicciava".
    :)
    Dopo 40 gg si sono arresi (stufati di fare il "tappabuchi") e ti hanno dato solo l'analisi a video dove vedi "rosso" ma non puoi "indagare" il modello meshato.
    :)

  2. #32
    Utente Standard
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    201
    Professione
    ingegnere
    Regione
    FVG
    Software
    Catia v5, Solidworks, I-deas, MSC...ed altri

    Predefinito

    Quoto Matteo.
    Sto finendo un'analisi di carpenterie con 200000 nodi. Mesh miste 2D e 3D. Se solo avessimo provato a ipotizzare una modellazione solida, ci avrei messo 2 anni di substructuring, per ottenere gli stessi risultati alla fine.
    Se le si sa fare, le analisi con shell forniscono risultati assolutamente validi.
    Sul tempo di modellazione, 40 giorni mi sembrano tanti, ma a priori senza vedere l'oggetto, ci sta tutto.
    Giustificare la riduzione ad un unico materiale con la difficoltà di modellazione, è assurdo a prescindere. L'assunzione fatta porta a risultati assolutamente non rispondenti al vero e non credo che la "comodità" del fornitore possa essere una giustificazione lecita.
    Ovviamente mia personale opinione, mi rinfranca il fatto che queste mie idee siano la condotta che seguo coi miei sporadici clienti, mi rattrista che queste non siano minimamente considerate. Ma è un'altra storia.

  3. #33
    Moderatore CAE/FEM/CFD L'avatar di Matteo
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    2008
    Professione
    Ingegnere meccanico
    Regione
    Lombardia
    Software
    Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da andrea71 Visualizza Messaggio
    Quoto Matteo.
    Sto finendo un'analisi di carpenterie con 200000 nodi. Mesh miste 2D e 3D. Se solo avessimo provato a ipotizzare una modellazione solida, ci avrei messo 2 anni di substructuring, per ottenere gli stessi risultati alla fine.
    Se le si sa fare, le analisi con shell forniscono risultati assolutamente validi.
    Sul tempo di modellazione, 40 giorni mi sembrano tanti, ma a priori senza vedere l'oggetto, ci sta tutto.
    Giustificare la riduzione ad un unico materiale con la difficoltà di modellazione, è assurdo a prescindere. L'assunzione fatta porta a risultati assolutamente non rispondenti al vero e non credo che la "comodità" del fornitore possa essere una giustificazione lecita.
    Ovviamente mia personale opinione, mi rinfranca il fatto che queste mie idee siano la condotta che seguo coi miei sporadici clienti, mi rattrista che queste non siano minimamente considerate. Ma è un'altra storia.
    Ti auguro che i clienti diventino sempre meno sporadici :)

    Mi sa che dovremmo imparare a venderci meglio (come ha fatto lo studio in questione!)

    X Stefano: mi sa che ti fidi troppo dei solidi ;) e cmq in certi casi non c'è alternativa.
    Ultima modifica di Matteo; 22-02-2008 alle 19: 25
    MP-ProgettazioneMeccanica
    Progettazione Meccanica e Simulazione
    www.mp-progettazionemeccanica.it

  4. #34
    Utente Standard
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    457
    Professione
    .
    Regione
    lombardia
    Software
    .

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Stefano_ME30 Visualizza Messaggio
    STEP
    nel momento in cui si richiede una geometria da un cliente, è buona norma richiedere almeno un paio di formati, iges, step, parasolid, e anche se non si ha il cad il formato nativo...

    spesso un formato piuttosto che un altro è + importabile...dipende molto dal cad di provenienza...

    40 giorni a creare la mesh non è giustificabile, manco parlando di mesh strutturate veramente complesse...se ci sono problemi di geometria non si inizia a fare la mesh...si da la geometria a chi sa usare un cad (nel caso l'analista non sia in grado) per le pulizie e i ritocchi...oppure si cambia formato di interscambio...

    parlando di ansys, non ci sono problemi ad importare dai cad principali e step/parasolid di solito risolve il resto della casistica...

    dipende anche dall'abilità di chi fa la mesh oltretutto...40 giorni sono cmq esagerati...

    bio

  5. #35
    Utente Standard L'avatar di Vmax
    Iscritto dal
    2008
    Messaggi
    245
    Professione
    Analista - emigrante
    Regione
    UK-Lombardia
    Software
    StarCCM+, Fluent, CFX, FlowSimulation, Ansys, Matlab...

    Predefinito

    Penso che non si possano giudicare le tempistiche o i costi di un lavoro fatto da altri senza nemmeno aver visto i modelli cad, il software e la problematica, quindi mi asterrò dall'esprimere opinioni in merito.
    Mi limito ad alcune osservazioni di carattere tecnico-metodologico, senza voler esprimere giudizi di sorta:
    1 - E' imprescindibile fornire sempre le unità di misura con i calcoli.
    2 - Non assegnare il materiale in maniera corretta è un errore grave, trovo che il discorso materiali sia spesso tra le tematiche più trascurate da chi esegue questo tipo di analisi, dove la parte del leone tende a farla il discorso di geometria/meshatura, a scapito del resto, che secondo me è di importanza anche maggiore.
    3 - Le analisi a shell nella mia esperienza funzionano egregiamente nel loro campo di validità di utilizzo, certo bisogna saperlo fare.
    4 - Un modello IGES da decine di MB (e immagino da migliaia di superfici) sottoposto ad analisi FEM denota due problemi di ordine metodologico: il primo è che non è stato fatto sufficiente sforzo di modellazione della geometria ai fini FEM, il secondo è che l'oggetto è troppo in là nell'iter progettuale per poter usare il FEM ai fini di riprogettazione, come è stato richiesto.

    I miei 2 cents,
    Vmax
    - - - - -
    "Ogni problema complesso ammette sempre una soluzione semplice, veloce e ...
    ... sbagliata."

  6. #36
    Utente Standard L'avatar di paolino
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    243
    Professione
    progettista (o giu di lì)
    Regione
    Valsesia
    Software
    SW2016, HyperWorks ...un tempo SE ST7, TC10, Rhino4, VisualMill, LabVIEW...

    Predefinito

    Spezzo anch'io una lancia pr le shell... Dove la struttura è effettivamente una shell sottile modellarla con elementi solidi porta ad una aumento esponenziale dei gdl... non solo dovuto al fatto che aumento i gdl per ogni elemento impiegato, ma soprattutto perché il meshatore (se è furbo!) tenderà ad infittire la mesh per evitare di impiegare elementi solidi troppo "distorti" (elementi molto sottili rispetto alle altre 2 dimensioni, per intenderci)
    E' chiaro che usare elementi 2d nello spazio non è così banale, ci va un minimo di attenzione...

    Saluti

    ---
    paolino


  • Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234

    Discussioni Simili

    1. Impostazioni Del Grezzo?
      Di domever92 nel forum CATIA NC
      Risposte: 11
      Ultimo Messaggio: 25-04-2013, 14: 36
    2. Salvataggio impostazioni
      Di Leso nel forum Solid Edge
      Risposte: 9
      Ultimo Messaggio: 21-10-2011, 10: 01
    3. impostazioni in mm
      Di novizio nel forum Inventor
      Risposte: 1
      Ultimo Messaggio: 17-07-2009, 15: 31
    4. assiemi e sotto assiemi
      Di orzo nel forum Solidworks
      Risposte: 2
      Ultimo Messaggio: 29-03-2009, 12: 34
    5. Impostazioni e directory
      Di aupaz nel forum AutoCAD
      Risposte: 8
      Ultimo Messaggio: 10-07-2008, 10: 20

    Segnalibri

    Segnalibri

    Permessi di Scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •  





    CAD3D.it - la community dei progettisti