Pagina 1 di 7 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 62
  1. #1
    Moderatore L'avatar di Er Presidente
    Iscritto dal
    2009
    Messaggi
    3551
    Professione
    Moderatore
    Regione
    Italia
    Software
    ND

    Predefinito La modellazione parametrica

    Ho avuto il piacere di scambiare qualche opinione con Ozzy su FB in riferimento alla eterna discussione sulla "parastrubbolite".
    Avendo un po' di tempo da perdere ho messo mano ad un mio vecchio progetto da "diletto" e mi sono messo a "parametrizzarlo".
    Esperienza nuova per me, anche se ho sempre lavorato con il modulo parametrico, e (a parte una serie di fastidi intestinali, effetto collaterale non eliminabile ) ho avuto modo di mettere a fuoco alcune considerazione in merito alle filosofie di approccio e di lavoro.

    Spero che Ozzy voglia partecipare e cerchero' di essere breve e conciso (come mio solito!).

    ciao

  2. #2
    Utente Senior L'avatar di MBT
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    5050
    Professione
    tiro righe, compilo tabelle...
    Regione
    nella Terra di Mezzo
    Software
    non serve un software per fare quel che faccio...

    Predefinito

    ma come??? ti converti ai parastrubboli????

    Allora, dopo questa, tutto diventa possibile! Anche che gli alieni scendano sulla terra !!!!





    di la verità...
    bello parastrubbolare, he??? ;-)

    « Tu sees ingegniir, ingegniti ! »
    « Sei ingegnere, ingegnati !»

  3. #3
    Moderatore L'avatar di Er Presidente
    Iscritto dal
    2009
    Messaggi
    3551
    Professione
    Moderatore
    Regione
    Italia
    Software
    ND

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da MBT Visualizza Messaggio
    ma come??? ti converti ai parastrubboli????

    Allora, dopo questa, tutto diventa possibile! Anche che gli alieni scendano sulla terra !!!!





    di la verità...
    bello parastrubbolare, he??? ;-)
    Mamma mia!
    Da una parte e' esaltante, rendere "vivo" un modello (soprattutto se importato STEP) e' gratificante, ma dall'altra un incubo!
    Mi sono fatto una mia idea precisa, che conferma una mia ipotesi iniziale, serve qualche cosa di nuovo che renda il parametrico piu' "consono" e meno "alienante".

    Giusto per introdurre l'argomento, ho una idea in testa, il parametrico andrebbe diviso in due "aree", la "vincolazione" e la "parametrizzazione" che, invece, mi sembrano troppo confuse e sovrapposte.
    La Vincolazione dovrebbe essere una attività di controllo dimensionale del modello, mentre la Parametrizzazione dovrebbe essere la "messa in vita" del modello.

    Io le penso separate perche', per quello che penso, la prima fase (vincolazione) dovrebbe essere svolta con gli strumenti che gia' conosciamo come disegnatori, il Q&T (Quote e Tolleranze).
    Come disegnatore non avrei difficoltà a pensare come vincolare un pezzo e non vedo perche' dovrei imparare a vincolarlo diversamente solo per accontentare il SW, le regole alla base del Q&T sono universalmente valide e conosciute.

    Cosa diversa la parametrizzazione, cioe' stabilire quale quote (vincoli) possono variare (e con quali limiti) per generare modelli "adattivi" o famiglie di modelli.

  4. #4
    Moderatore SolidEdge L'avatar di cacciatorino
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    9339
    Professione
    Ingegnere meccanico
    Regione
    Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
    Software
    SolidEdge CoCreate Salome-Meca

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Er Presidente Visualizza Messaggio
    Come disegnatore non avrei difficoltà a pensare come vincolare un pezzo e non vedo perche' dovrei imparare a vincolarlo diversamente solo per accontentare il SW, le regole alla base del Q&T sono universalmente valide e conosciute.
    Schizzi e lavorazioni andrebbero quotati (e tollerati per i cad che hanno questa possibilita') nello stesso modo in cui il pezzo andra' lavorato alla m.u. A quel punto non ci sarebbe la differenza di cui parli.
    Per ottenere questo, quando si modella una parte meglio partire dal grezzo semilavorato disponibile a magazzino e procedere a forza di scavi, e mai usare aggiunte di materiale.

    Poi ci sono le tecniche di modellazione nell'assieme con i link fra le parti che rendono impossibile affrontare il ragionamento in questi termini, ma in alcuni casi sono di grande comodita'.



    stimarchetti.altervista.org - Progettazione Meccanica

  5. #5
    Utente Senior L'avatar di Parametric_Ozzy
    Iscritto dal
    2009
    Messaggi
    1313
    Professione
    Galoppino
    Regione
    Svizzera
    Software
    Creo/Windchill/Arbortext

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Er Presidente Visualizza Messaggio
    Ho avuto il piacere di scambiare qualche opinione con Ozzy su FB in riferimento alla eterna discussione sulla "parastrubbolite".
    Avendo un po' di tempo da perdere ho messo mano ad un mio vecchio progetto da "diletto" e mi sono messo a "parametrizzarlo".
    Esperienza nuova per me, anche se ho sempre lavorato con il modulo parametrico, e (a parte una serie di fastidi intestinali, effetto collaterale non eliminabile ) ho avuto modo di mettere a fuoco alcune considerazione in merito alle filosofie di approccio e di lavoro.

    Spero che Ozzy voglia partecipare e cerchero' di essere breve e conciso (come mio solito!).

    ciao
    Presidé ma io t'ho già detto tutto... :-)

  6. #6
    Moderatore SolidEdge L'avatar di cacciatorino
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    9339
    Professione
    Ingegnere meccanico
    Regione
    Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
    Software
    SolidEdge CoCreate Salome-Meca

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Er Presidente Visualizza Messaggio
    M

    Giusto per introdurre l'argomento, ho una idea in testa, il parametrico andrebbe diviso in due "aree", la "vincolazione" e la "parametrizzazione" che, invece, mi sembrano troppo confuse e sovrapposte.
    La Vincolazione dovrebbe essere una attività di controllo dimensionale del modello, mentre la Parametrizzazione dovrebbe essere la "messa in vita" del modello.

    Io le penso separate perche', per quello che penso, la prima fase (vincolazione) dovrebbe essere svolta con gli strumenti che gia' conosciamo come disegnatori, il Q&T (Quote e Tolleranze).
    .
    Altro aspetto importante non citato: la storia delle feature. E' un fatto parzialmente slegato da quotatura e parametrizzazione, ma e' molto importante averla sempre per avere un flusso di modellazione simile a quello di lavorazione alle m.u.
    La si puo' anche usare per stendere il ciclo di lavorazione, rieseguendo i passi dei vari step di modellazione.
    Si tratta di concetti ormai "assimilati" per chi usa i tradizionali cad parametrici, ma forse nuovi per chi e' abituato ai contestuali.



    stimarchetti.altervista.org - Progettazione Meccanica

  7. #7
    Utente Senior L'avatar di Fulvio Romano
    Iscritto dal
    2008
    Messaggi
    3939
    Professione
    Ingegnere
    Regione
    Campania
    Software
    Alcuni, ma non tutti

    Predefinito

    Mi intrometto e quoto Cacciatorino. I software "parametrici" (meglio però chiamarli feature based, che si oppone ai NURBS based, o addirittura ai vecchi OCTREE) non servono a trovare un modo per rappresentare un oggetto, ma piuttosto a ottimizzarne la produzione mettendola in primo piano già durante la modellazione/progettazione. Questo principio, spesso porta ad operazioni cervellotiche per ottenere oggetti piuttosto intuitivi, ma purtroppo questi oggetti non si sposano bene col principio base dei feature based.

    In più la parametrizzazione (non necessariamente feature based, ci sono alcuni esempi di nurbs based parametrici...per la verità sono un po' tristi come risultati) è utile per modificare rapidamente gli oggetti, e per creare modifiche a cascata, ma questo è un pregio collaterale del concetto base sopra esposto.
    Ultima modifica di Fulvio Romano; 21-08-2009 alle 21: 52 Motivo: chiarimento
    Non è importante che tu creda o meno di potercela fare, avrai ragione in ogni caso!

    "Nulla si crea, ma tutto si può distruggere quando si cerca di trasformarlo"

    Tungsteno, Lantanio, Fluoro, Iodio e Gallio rappresentano il motore dell'universo.

    www.fulvioromano.it

  8. #8
    Moderatore Solidworks L'avatar di re_solidworks
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    3919
    Professione
    Progettista
    Regione
    Veneto
    Software
    Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Er Presidente Visualizza Messaggio
    Mi sono fatto una mia idea precisa, che conferma una mia ipotesi iniziale, serve qualche cosa di nuovo che renda il parametrico piu' "consono" e meno "alienante".

    Giusto per introdurre l'argomento, ho una idea in testa, il parametrico andrebbe diviso in due "aree", la "vincolazione" e la "parametrizzazione" che, invece, mi sembrano troppo confuse e sovrapposte.
    La Vincolazione dovrebbe essere una attività di controllo dimensionale del modello, mentre la Parametrizzazione dovrebbe essere la "messa in vita" del modello.

    Io le penso separate perche', per quello che penso, la prima fase (vincolazione) dovrebbe essere svolta con gli strumenti che gia' conosciamo come disegnatori, il Q&T (Quote e Tolleranze).
    Come disegnatore non avrei difficoltà a pensare come vincolare un pezzo e non vedo perche' dovrei imparare a vincolarlo diversamente solo per accontentare il SW, le regole alla base del Q&T sono universalmente valide e conosciute.

    Cosa diversa la parametrizzazione, cioe' stabilire quale quote (vincoli) possono variare (e con quali limiti) per generare modelli "adattivi" o famiglie di modelli.
    Dividere vincolazione e parametrizzazione è molto difficile a mio parere. Le due cose si intersecano spesso e quando si mettono i vincoli generalmente si cerca di "prevedere" le modifiche fattibili o probabili e cosa "parametrizzare" in futuro. Ad esempio se vai a creare una variabile e questa inizia a scornarsi con un vincolo è già un problema.
    Inoltre il discorso si complica e non poco quando ci si mette in mezzo il top down e gli scheletri. Questo è (a mio parere) il vero punto di forza dei parametrici, anche se è causa frequente di cefalea.

    Citazione Originariamente Scritto da cacciatorino Visualizza Messaggio
    Schizzi e lavorazioni andrebbero quotati (e tollerati per i cad che hanno questa possibilita') nello stesso modo in cui il pezzo andra' lavorato alla m.u. A quel punto non ci sarebbe la differenza di cui parli.
    Per ottenere questo, quando si modella una parte meglio partire dal grezzo semilavorato disponibile a magazzino e procedere a forza di scavi, e mai usare aggiunte di materiale.

    Poi ci sono le tecniche di modellazione nell'assieme con i link fra le parti che rendono impossibile affrontare il ragionamento in questi termini, ma in alcuni casi sono di grande comodita'.
    Non solo i link tra le parti rendono impossibile questo tipo di esecuzione, ma mi sono abituato a speculare ogni millesimo di secondo cercando la modellazione + leggera possibile per la gestione dei grandi assiemi. In questo modo utilizzo sempre le feature + leggere da ricostruire disinteressandomi di avere un albero del modello uguale al ciclo di lavoro.

  9. #9
    Moderatore CAE/FEM/CFD L'avatar di Matteo
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    2008
    Professione
    Ingegnere meccanico
    Regione
    Lombardia
    Software
    Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM

    Predefinito

    Secondo me modellazione "parametrica" e "diretta" (o "feature based" e "esplicita" che dir si voglia) sono due insiemi parzialmente sovrapposti. Molte cose sono fattibili (e con un certa efficienza) con entrambi i sistemi, mentre alcune richiedono in modo specifico l'uno o l'altro strumento.
    MP-ProgettazioneMeccanica
    Progettazione Meccanica e Simulazione
    www.mp-progettazionemeccanica.it

  10. #10
    Moderatore CAE/FEM/CFD L'avatar di Matteo
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    2008
    Professione
    Ingegnere meccanico
    Regione
    Lombardia
    Software
    Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Matteo Visualizza Messaggio
    Secondo me modellazione "parametrica" e "diretta" (o "feature based" e "esplicita" che dir si voglia) sono due insiemi parzialmente sovrapposti. Molte cose sono fattibili (e con un certa efficienza) con entrambi i sistemi, mentre alcune richiedono in modo specifico l'uno o l'altro strumento.
    L'ideale sarebbe un software esplicito che includesse la possibilità di gestire parametricamente solo alcune features. Per esempio: immaginiamo un oggetto di design, per es.una bottiglietta tipo questa: http://www.piliscomp.com/~motorola/c...8f9815f584.jpg (ai tempi avevo modellato il tutto sfruttando le superfici avanzate di ProE WF2, ma il modello, formalmente ancora parametrico, era quasi impossibile da modificare parametricamente).

    La parte "stile" è comodo che sia "esplicita" (Rhino? CoCreate? SpaceClaim 2009Sp2?) mentre la parte filettata per il collegamento dello spruzzino o del tappo sarebbe comodo che fosse parametrica (in modo da poter variare diametro, passo, ecc).

    Con vari trucchi (es. importando la geometria di "design" in un parametrico tipo ProE) la cosa si può fare, però la comunicazione tra esplicito e parametrico è ancora abbastanza difficile (anche CAD che propongono entrambe le tecnologie, di fatto includono due ambienti di modellazione distinti).
    MP-ProgettazioneMeccanica
    Progettazione Meccanica e Simulazione
    www.mp-progettazionemeccanica.it


  • Pagina 1 di 7 123 ... UltimaUltima

    Discussioni Simili

    1. bottiglia parametrica
      Di diegus nel forum Inventor
      Risposte: 10
      Ultimo Messaggio: 22-05-2009, 13: 06
    2. Modellazione Parametrica -OmniCAD-
      Di oTToLeoP nel forum OmniCAD
      Risposte: 62
      Ultimo Messaggio: 15-04-2009, 09: 19
    3. Carpenteria parametrica
      Di carry nel forum Strutture
      Risposte: 1
      Ultimo Messaggio: 18-03-2009, 08: 45
    4. analisi parametrica
      Di a_montre nel forum Ansys
      Risposte: 0
      Ultimo Messaggio: 07-04-2008, 10: 59
    5. Cinghia parametrica
      Di Eman777 nel forum Solid Edge
      Risposte: 11
      Ultimo Messaggio: 04-01-2008, 22: 02

    Segnalibri

    Segnalibri

    Permessi di Scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •  





    CAD3D.it - la community dei progettisti