Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 13 di 13
  1. #11
    Utente Standard
    Iscritto dal
    2007
    Messaggi
    245
    Professione
    chairwarmer
    Regione
    .
    Software
    utilizzato dal CAD

    Predefinito

    Secondo la mia esperienza, confermo molto di quanto scritto finora un po' da tutti e aggiungo qualcosa:
    Classe A è una definizione arbitraria non univoca, cioè se chiedi a dieci persone ottieni dieci risposte simili ma non uguali; ad esempio Classe A per FIAT non è necessariamente uguale a Classe A per BMW o ad altri ancora.
    Le superfici definite devono essere di "Bézier" (vedi ed esplora Wikipedia)
    Richiede dei requisiti di qualità delle continuità tra le superfici entro certe tolleranze (valori che di solito sono poco più sotto di quelli di lavorazione).
    Non devono soltanto essere soddisfatte le continuità ma anche (e qui viene il bello nonché la soggettività) la disposizione "ordinata" dei punti di controllo.
    Non dovrebbero esistere i raccordi normali ma soltanto i raccordi di stile (almeno per le parti in vista).
    In alcune zone del modello è auspicabile la continuità G3, comunque a discrezione dello stilista o del committente.
    Un bravo profilista impiega molti giorni per portare a termine un modello; una modifica "locale" comporta un cambiamento "globale", cioè talvolta (per non dire sempre!) non è sufficiente spostare un punto di controllo di una superficie ma si devono modificare anche quelli delle superfici vicine. Per (anche) questo motivo conviene disporre i ctrl points in modo logico ed ordinato.
    Siccome il tempo di modellazione è assai lungo, tutte considerazioni di stile (idee, varianti, aggiustamenti ecc.) e la fattibilità di progetto vengono modellate in Classe B, C, e chi più ne ha più ne metta. Soltanto dopo queste attività comincia l'estenuante modellazione in definizione di Classe A.

    Se hai fatto un bel modello, le zebra lines correrranno sicuramente bene.
    La vita è troppo breve, per bere del vino cattivo. (G.E. Lessing)

  2. #12
    Utente Senior L'avatar di Fulvio Romano
    Iscritto dal
    2008
    Messaggi
    3939
    Professione
    Ingegnere
    Regione
    Campania
    Software
    Alcuni, ma non tutti

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da barlafus Visualizza Messaggio
    una modifica "locale" comporta un cambiamento "globale", cioè talvolta (per non dire sempre!) non è sufficiente spostare un punto di controllo di una superficie ma si devono modificare anche quelli delle superfici vicine.
    Ecco, bravo, allora non sono solo io che quando mi chiedono "modifica qui, dai è una modifica piccola, solo qui!" inizio a sudare freddo.
    Vaglielo a spiegare che si tratta di smontare gran parte del modello e rifarlo!
    Non è importante che tu creda o meno di potercela fare, avrai ragione in ogni caso!

    "Nulla si crea, ma tutto si può distruggere quando si cerca di trasformarlo"

    Tungsteno, Lantanio, Fluoro, Iodio e Gallio rappresentano il motore dell'universo.

    www.fulvioromano.it

  3. #13
    Utente Junior
    Iscritto dal
    2009
    Messaggi
    60
    Professione
    EX Progettista p.iva, ora progettista dipendente
    Regione
    Lombardia
    Software
    SolidWorks 2010/2012, Catia V5

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da kristian976 Visualizza Messaggio
    Ne ho lette tante su questa cosa, le superfici di classe A non esistono,
    Esistono eccome! Ma difficilmente troverai notizie dettagliate in rete, in quanto, le definizione e le specifiche (in pratica queste solo la definizione di tolleranza di distangenza e distanza tra la superfici ammissibili, definizione degli oggetti raggi minimi, ecc.. ma soprattutto cosa NON è ammissibile) sono date direttamente dai committenti che hanno normative interne in questo ambito (es. Fiat, Mercedes, BMW, ecc...). Per avere queste normative devi avere accesso ai siti intranet aziendali o farti fornire le specifiche ad inizio lavoro .... se no poi te ne penti!!!
    Ovviamente ogni azienda ha le sue e possono essere assimilate, in realtà sono molto simili, e quindi quando si chiede un modello con superfici in classe A (in pratica superfici extra finite, ben distribuite e senza errori ne buchi anche se microscopici!!!) chi lo fa di mestiere sa di che cosa si parla... e quindi che cosa significa questo lavoro e quindi il tempo necessario a farlo, dato che raramente i comandi "automatici" (raggi o quan'altro) assolvono sempre questo compito.


  • Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

    Discussioni Simili

    1. cambi classe su tubazioni
      Di Gian41 nel forum Impiantistica Industriale
      Risposte: 1
      Ultimo Messaggio: 14-10-2010, 16: 20
    2. modellazione superfici classe A con "aisen surf"
      Di patrizio nel forum Altri software di CAD generico
      Risposte: 4
      Ultimo Messaggio: 23-04-2010, 18: 43
    3. PROBLEMA RAPPRESENTAZIONE 2D DI SUPERFICI CLASSE "A"
      Di MAXUS nel forum CATIA V5 CATDrawing
      Risposte: 5
      Ultimo Messaggio: 14-05-2009, 12: 20
    4. Superfici Classe A
      Di luca.rea nel forum Automotive
      Risposte: 13
      Ultimo Messaggio: 29-07-2008, 16: 41
    5. superfici classe a
      Di RUGGIUNO nel forum Altri CAD per la Meccanica
      Risposte: 0
      Ultimo Messaggio: 04-02-2008, 13: 01

    Segnalibri

    Segnalibri

    Permessi di Scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •  





    CAD3D.it - la community dei progettisti